La Bennet Cantù abbatte a suon di triple il Maccabi

02.02.2012 23:23 di Michele Sganzerla  articolo letto 848 volte
Gianluca Basile
Gianluca Basile

Un'immensa e incredibile Cantù abbatte il Maccabi Tel-Aviv 82-74 rendendo il passaggio del turno una cosa più che mai possibile. Gli oltre 6 mila infuocatissimi tifosi della Bennet esplodono ad ogni giocata di un immortale e "ignorantissimo" Basile che esce nel momento del bisogno e trascina i suoi con 14 punti (4/7 da 3), 4 rimbalzi e 14 di valutazione complessiva. Grazie a questa vittoria la Bennet sale a quota 2 vittorie e 1 sconfitta rimanendo saldamente al secondo posto alle spalle del Barcellona.

Cantù parte subito fortissimo nel primo periodo grazie ai canestri di Micov (17, 2rim, 9ast, 24val) e Marconato (6, 2val) che firmano il +6. Schortsanidis (8, 4rim, 7val) tiene vicino i suoi ma Basile infila la prima bomba della serata che vale il 15-8 Cantù. Il ritmo è altissimo e la Bennet non sbaglia praticamente nessun tiro, la squadra di Trinchieri esegue i giochi con pazienza e senza forzare. Prima Cinciarini (4, 4val) segna il 19-13, poi Shermadini, dopo un bel triangolo con Leunen (6, 4ast, 7val), inchioda la bimane del 23-17 che diventa 23-20 dopo un 2+1 di Langford (16, 5rim, 14val) che chiude così il primo quarto.
Nel secondo periodo Eliyahu (6, 3rim, 4val) chiude un miniparziale di 7-0 a cavallo tra i due quarti che porta avanti il Maccabi sul 23-24. Trinchieri chiama time out per interrompere l'emorragia gialloblù e funzione, rispolvera Micov da play e arriva subito un contro parziale di  9-2 che riporta avanti i canturini propiziato da uno spettacolare Markoishvili (11, 7rim, 2p.r., 16val). La Bennet schiera una bella difesa, anche se a volte un po' troppo fisica e penalizzata dagli arbitri. L'attacco continua a girare grazie a Mazzarino (7, 7val) e Shermadini che inchioda il 43-31 con un'altra schiacciata di potenza. Hendrix (15, 7rim, 27val) e Langford si prendo la squadra sulle spalle negli ultimi possessi del quarto e riportano il Maccabi fino a -5 sul 49-44 con cui su va alla pausa lunga.

Il terzo quarto si apre con un altro canestro dell'americano ex Cska ma Basile ricaccia subito indietro gli israeliani con due bombe consecutive. Mallet (8, 1val) e Hendrix tengono sempre sul -1 gli ospiti ma non possono fare niente sui due canestri dai 6.75 m di Micov e Brunner (4, 1val) che chiudono il quarto, fissando il punteggio sul 66-60 in favore della Bennet.
Shermadini apre l'ultimo e decisivo periodo con personale 4-0 di parziale che da a Cantù il +10, ma ancora la premiata ditta Hendrix-Smith (6, 2rim, 1val) riportano a -6 il Maccabi che diventerà -4 dopo il 2/2 dalla lunetta di Langford che amministra al meglio un fiscalissimo fallo antisportivo fischiato a Mazzarino. Nell'azione successiva Hendrix stoppa con gli effetti speciali Shermadini, l'inerzia sembra passata nella mani degli ospiti che però non fanno i conti prima con Basile e poi con Leunen che insaccano due triple pesantissime e riportano a +10 i brianzoli. Negli ultimi possessi la difesa canturina è invalicabile, Hendrix dalla lunetta fa 2/2 e riporta a -8 i suoi a meno di 1' dal termine. Nell'azione successiva la Bennet non riesce a segnare ma cattura un importantissimo rimbalzo offensivo che spegne definitivamente le speranze gialloblù che si devono arrendere 82-74 al cospetto di una solidissima e bellissima Bennet Cantù.

Bennet Cantù (23, 26, 17, 16)
Maccabi Electra Tel Aviv (20, 24, 16, 14)

Bennet Cantù: Micov 17, Marcoishvili 11, Leunen 6, Marconato 6, Mazzarino 7, Shermadini 13, Cinciarini 4, Brunner 4, Basile 14.

Maccabi Tel-Aviv: Papaloukas 0, Hendrix 15, Smith 6, Blu 7, Eliyahu 6, Mallet 8, Pnini 0, Burstein 4, Ohayon 4, Schotsanidis 8, Langfor 16.

 

 

 

I COMMENTI DALLA SALA STAMPA a cura di Davide Colzan

LA PHOTOGALLERY DELLA GARA a cura di Stefania Natteo 

LA CRONACA DELLA VITTORIA DI SIENA A MALAGA a cura di Umberto De Santis

LA SITUAZIONE IN EUROLEAGUR a cura di Michele Sganzerla