Italbasket al dunque: "tagli" per Cervi, Pascolo e…

L'analisi nei numeri e nelle sensazioni alla vigilia delle scelte definitive di Pianigiani per Berlino
 di Alessandro Luigi Maggi  articolo letto 4548 volte
Italbasket al dunque: "tagli" per Cervi, Pascolo e…

Riccardo Cervi e Davide Pascolo a casa, Giuseppe Poeta o un reggiano pronto a seguirli nell’amaro cammino del ritorno anticipato. Dei numeri dell’Italbasket in viaggio verso l’Euro2015 altro non si potrebbe dire. L’operato di Simone Pianigiani è passato attraverso scelte chiare sin dal sole trentino, ma l’evoluzione di un progetto passa per valutazioni più orizzontali, che a volte non hanno bisogno di costanti e sostanziosi test. E allora, con il definitivo torneo di Trieste alle porte (28 agosto la Georgia poi, a seguire, Michigan State e Russia), ecco il punto di partenza per arrivare al fatidico numero 12.

12, come gli uomini che Pianigiani potrà concedersi in vista di Berlino. Erano 16, poi l’infortunio di Luca Vitali (che pareva già ai margini nonostante la riconosciuta duttilità tanto cara in passato al selezionatore) a dare il via a scelte che proviamo ad anticipare. Vediamo come. Il minutaggio e le prestazioni (dati Fip arrotondati al numero intero) dicono che nel gruppo ci sono già almeno nove certezze:

Pietro Aradori - guardia/ala (18m, 6p, 2r)

Andrea Bargnani - centro (20m, 11p, 3r)

Marco Belinelli - guardia (25m, 12p, 3r)

Andrea Cinciarini - play (17m, 4p, 2a)

Luigi Datome - ala (24m, 12p, 5r)

Danilo Gallinari - ala (22m, 15p, 3r)

Alessandro Gentile - ala (25m, 11p, 3a)

Daniel Hackett - play (21m, 6p, 3a)

Nicolò Melli - ala/centro (15m, 4p, 3r)

Spicca subito un’assenza, il secondo centro, tenendo ben da conto i minuti già concessi nel ruolo a Nicolò Melli. In questo caso, nessun dubbio: Marco Cusin con 13 minuti di media in otto gare (conditi da 2 punti e 2 rimbalzi) surclassa il neoavellinese Riccardo Cervi, che dopo il no di Milano ottiene il secondo nel giro di un mese visti i 4 minuti di media (e un solo punto messo a segno) ottenuti da Pianigiani in 7 gare a referto.

Ben più nutrito il reparto ali come natura vuole per questa nazionale. E qui il primo addio annunciato è quello di Davide Pascolo, 5’ di media in Trentino Cup (guarda caso, senza i tre Nba…) prima di un lungo agosto da solo spettatore (in panchina con la Slovenia).

Con Cervi e Pascolo già con il biglietto di sola andata tra le mani, rimane un posto in gioco tra tre giocatori: Amedeo Della Valle, Giuseppe Poeta e Achille Polonara. Nella globalità di questa preparazione, il nuovo play dell’Aquila Trento è quello che ha visto il campo di meno (7 gare a referto, 3 minuti di media contro gli 8 di Polonara e i 7 di Della Valle), e certamente Hackett e Cinciarini hanno dimostrato di potersi tranquillamente dividere equamente ogni singola contesa, aggiungendoci le doti da point-forward di Alessandro Gentile e le capacità gestionali di Marco Belinelli. Eppure, una volta salita la qualità e la quantità degli avversari, oltre che il coefficiente di difficoltà dell’evento (leggasi Adecco Cup a Koper), è stata l’ala di Reggio la più sacrificata (nonostante sia l’unica ad essere sempre stata convocata in tutte e nove le occasioni), con 0’ di utilizzo anche nella gara con la Slovenia, che aveva registrato la rinuncia di Gallinari, l’infortunio a 5’ dalla sirena di Datome e i soli 7’ di Nicolò Melli

E qui il punto torna ovviamente nelle sole mani di Simone Pianigiani. Giusto rinunciare ad un terzo play (secondo per presenze totali al solo capitano Datome), ad un tiratore “folle” per caratteristiche tanto congeniale a simili competizioni, o ad un’ala ricca di energia che, pur in un reparto affollato (ma sarà da testare la tenuta sulle gare ravvicinate di Gallinari), più degli altri due ha lasciato il segno nell’ultima stagione di campionato? Se “undicesimo” e “dodicesimo” dovessero rispondere a criteri di “unicità” e “valore aggiunto” negli spogliatoi, nessun dubbio: la rinuncia, mai così dolorosa, si chiamerebbe Achille Polonara. A Trieste la risposta definitiva. E tutto, alla fine, potrebbe anche tornare in discussione.

 

PROSSIMI IMPEGNI

28 agosto - Italia-Georgia (h.20.30 - Trieste)

29 agosto - Italia-Michigan State (h.18.00 - Trieste)

30 agosto - Italia-Russia (h.20.30 - Trieste)

 

EUROBASKET 2015

5 settembre - Italia-Turchia (h.21.00- Berlino)