Hackett manda in vacanza Milano. Siena passa al Forum di Assago e raggiunge Varese in semifinale

La squadra di Scariolo gioca con sufficienza ed i campioni d'Italia si aggiudicano gara-7 sul parquet milanese per 80-90. Sabato sarà sfida con la Cimberio. Venerdì Roma ospita Cantù
 di Matteo Marrello  articolo letto 3766 volte
Daniel Hackett
Daniel Hackett

“Eh, se me lo dicevi prima , Se me lo dicevi prima ti dicevo che noi abbiamo bisogno della gente giusta E sarà ancora bello quando guardi il tunnel che è ancora lì vicino e non ci credi ancora che ne sei venuto fuori…”parole del compianto Enzo Jannacci che durante nel 1989 ci raccontava le difficoltà di un ragazzo debole e solo Nel tunnel, quello degli spogliatoi, ci entra la EA7 Emporio Armani Milano e ci rimarrà fino all’inizio della prossima stagione. La stagione milanese va in archivio nel modo più amaro possibile. ‘Killer’ della squadra Milanese  ancora una volta la Montepaschi Siena che vince con autorità gara-7 a Milano 80-90 e strappa il pass per la semifinale dove dovrà vedersela con colei che ha guidato la classifica da inizio stagione ovvero la Cimberio Varese. Milano dopo aver perso due finali consecutive nelle due scorse stagioni, ha recitato dall’estate scorsa il ruolo di favorita n°1 per aprire un nuovo ciclo ma i tanti problemi (che avremo tempo e modo di analizzare) durante la stagione regolare e le gare  2, 3 e 4 e 6 di questa serie contro Siena l’hanno resa “nuda” davanti agli occhi di critici  e tifosi. Gara-7 si può tranquillamente riassumere n un solo nome: Daniel Hackett (25 pt 8/9 tl 2 rec 6 ass) è lui a mandare completamente fuori giri un’Olimpia da subito impaurita e poco aggressiva. Al 5’ Siena con un canestro pesante di Bobby Brown (17). Bremer (17), il più positivo tra i padroni di casa, cerca di dare una scossa, ma i campioni in carica fuggono ancora con Brown ed Hackett. In chiusura di primo tempo gli uomini di Scariolo si rifanno sotto e danno speranze al pubblico del Forum con Langford (18 pt con 4 perse)  e Fotsis. Siena è avanti di sole due lughezze (42-44) ma da nettamente l’impressione di avere più energie e di faticare meno per trovare la via del canestro. Impressioni che si confermano nel corso del terzo quarto con le giocate del solito Hackett e di un Viktor Sanikidze (17 pt e 6 rimb) che sembra tornato quello dei bei tempi in maglia Virtus Bologna. Al 30’ Siena comanda 57-68 e 6 minuti più tardi chiuderà di fatto i conti con una tripla di Moss (14 pt che firma il +14 (70-84) che taglia le gambe già molli dell’Olimpia. Il tempo per recuperare ci sarebbe, ma Milano è praticamente già nel tunnel degli spogliatoi e si “accontenta” di ridurre a 10 lo scarto finale. Jannacci direbbe che senza base non si può cantare, chi ha perso il ritmo si deve ritirare, chi non sa stare a tempo, prego andare…..Milano lo fa nel peggiore dei modi. La Montepaschi per ora resta sul suo trono. Varese la aspetta e cercherà di darle quattro dispiaceri,, Siena però è squadra che non molla facilmente e la formazione di Vitucci lo ha imparato a proprie spese durante la finalissima di Coppa Italia lo scorso 10 Febbraio.