Finals: beffa per Trento, Bramos all'ultimo secondo sancisce la vittoria della Reyer

Finals, Gara 5
 di Marco Garbin  articolo letto 3085 volte
Finals: beffa per Trento, Bramos all'ultimo secondo sancisce la vittoria della Reyer

Di nuovo a Venezia per un match che puo' determinare la svolta in questa lunga ed equilibrata lotta ad uno storico tricolore per veneti e trentini.
Trento vola sulle ali dell'entusiasmo dopo la bella e netta vittoria di Gara 4, Venezia ha il sangue agli occhi e vuole sfruttare il fattore campo per poter contare contare su un'eventuale Gara 7 fra le mura amiche.
E se da una parte Sutton e Lechthaler sembrano quasi completamente recuperati, dall'altra le condizioni di Batista (problemi al polpaccio dopo Gara 2) destano qualche seria preoccupazione, anche perche' i suoi centimetri a rimbalzo (specie dopo l'ultimo match in Trentino) sembrano essere molto importanti.
Di certo chi fara' festa in ogni caso oggi sara' Thomas Ress, che con il match di oggi supera Riccardo Pittis per numero di presenze nei play-off (148).
Ma per il veterano orogranata la festa e' doppia perche', dopo aver rincorso tutto il match, i veneziani con un ultimo parziale sontuoso (21:11) agguantano in extremis la vittoria. Vincente la tripla di Bramos che taglia le gambe a Trento a 7'' dal termine. Gara che, dopo le scorribande trentine targate Craft e Hogue, con l'ingresso di Ress cambia radicalmente. Inizia cosi' il recupero veneziano con Haynes e McGee. Partita incredibile che porta Venezia a giocarsi il primo match point a Trento martedi'. Ma piedi per terra: Trento, anche oggi, ha dimostrato grinta e talento da vendere.

La gara
Parte forte la Reyer con la tripla di Peric, che in Gara 4 e' stato piuttosto appannato. Trento con Forray piazza a sua volta una tripla in gancio eccezionale. Trento e' aggressiva e continua con il suo break targato Hogue portandosi sul +4. Haynes accorcia il divario con un canestro in appoggio ma Craft allunga ancora lasciato solo proprio da Haynes. Dopo il canestro di Ejim e' ancora Hogue a punire gli orogranata splendidamente imbeccato sotto canestro da Gomes. Dalla lunetta Ejim si riporta sul -2 mentre meta' parziale e' gia' bruciato. Nonostante Trento sembri piu' aggressiva Venezia pareggia ancora con Haynes. Nessuna delle due squadre sembra prevalere per il momento, con Venezia che risponde dall'arco alle incursioni trentine. Ejim dal versante destro porta Venezia sul +2 mentre De Raffaele prova a sondare le condizioni di Batista. L'uruguagio si ritrova subito raddoppiato dai trentini, che nel frattempo pareggiano il conto grazie a Hogue dalla lunetta. Venezia pressa i portatori di palla avversari e spreca ualche fallo pur di far vedere i denti, ma non riesce a contenere l'ottimo Craft che porta il punteggio sul 14:16 quando mancano meno di 2' al termine del primo parziale. Le percentuali Veneziane al tiro calano e un Craft on fire ne approfitta in contropiede per incrementare il parziale trentino che arriva a +4. Venezia si affida alla precisione di Peric dalla lunetta per contenere i danni e fissare il punteggio sul 16:18 con il quale si chiude il primo quarto.

Secondo quarto che parte con Venezia ancora arrombante ma confusa. Trento ne approfitta con Hogue magistralmente imbeccato da Forray. Di prepotenza Peric risponde per il -2 veneziano ma ancora Forray, matador di Gara 4, piazza la tripla del 18:23. E' fortunato Ejim che corregge in tap in un tiro poco fortunato e tiene in scia gli orogranata, ma Trento ci prende la mano dall'arco e va ancora a segno con Gomes. E con l'Aquila a piu' 6 De Raffaele chiama un necessario time out. McGee, da poco in campo, ci prova dal vertice sinistro e piazza la tripla del -3 che da' respiro ai padroni di casa. Trento ha pero' un Craft indemoniato che, anche in posizione precaria, infila la retina. Nella risposta veneziana arrivano i primi due punti di Batista, che inizia cosi' a dire la sua. Trento non perde la sua grinta, e il canestro in sospensione di Shields dopo un'azione insistita nel pitturato veneziano ne e' un esempio evidente. Dall'altra parte McGee e' ancora caldo da 3 (2 su 2) e siamo li', sempre a -2. Dopo la tripla mancata da Ejim (continua la sua poca tranquillita') e' Sutton ad infilare dalla e, grazie a Lechthaler in contropiede, gli ospiti si riportano a distanza. 28:34 ad 1' dall'intervallo lungo. Venezia e' in bambola: palla persa e Shields in contropiede che va a prendersi i punti del +8. Ultimo possesso veneziano sprecato e Trento ne approfitta per andare a segno con il "magico" Craft che trova il corridoio e infila i punti del 28:38 con il quale si chiude la prima parte di gara. Trento piu' in palla, lucida e ottimamente messa in campo da Buscaglia. Craft poi sembra avere la bacchetta magica. Venezia invece non trova efficacia negli schemi adottati e se a cio' si aggiunge l'imprecisione al tiro la frittata sembra fatta.

Seconda parte di gara con Peric in versione "Gara 4": nervoso e falloso. Trento ne approfitta con Shields che elude la sorveglianza di Bramos. Dopo un paio di tentativi a vuoto l'americano aggiusta la mira e piazza la tripla del -9. Venezia trova in Ress il cardine difensivo che crea qualche problema in piu' agli ospiti. Il canestro di Tonut del -7 ha quindi un valore in piu'. Ma Hogue non sta a guardare e riporta i suoi sulla soglia della doppia cifra di vantaggio. Gli orogranata piazzano un break di 4:0 con Haynes e Tonut e accorciano a -5 facendo rianimare i 3500 del Taliercio. A caricare i tifosi veneziani c'e' addirittura il Sindaco Brugnaro, che per l'occasione veste il cappello di tifoso numero 1. Trento dimostra tutta la sua grinta con Hogue ch ci crede fino in fondo e va a segno, mentre il contrattacco veneziano si spegne senza concretizzarsi. 2' e 30'' alla fine del terzo parziale con Craft in lunetta per il +9 ospite. All'ennesimo attacco sterile dei padroni di casa "tocca" a Flaccadori infilare l'alley-oop del 37:48. Distacco per Trento di nuovo in doppia cifra. Venezia riprende a macinare da 3 con Stone, che cerca di far venire gli incubi ai bianconeri. L'ultimo minuto del parziale vede Gomes fare 2/2 dalla lunetta, Batista punire da sotto il ferro e Flaccadori piazzare 2 splendidi punti in sospensione. Ma proprio sulla sirena Stone s'infila in area per il 44:52 con il quale si andra' all'ultimo parziale.

Venezia parte fortissimo con un 5:0 targato McGee. Ma l'ingenuo fallo di Peric manda Flaccadori in lunetta per 3 liberi: 2 su 3 per il giovane bianconero. Ancora da 3 Venezia con Filloy che, se fa girare i cannonieri, e' pericolosissima. Trento risponde con Sutton con la stessa moneta per il 52:57. Squadre stanche, Craft dall'arco boccheggia, ma Hogue ne ha da vendere e ridicolizza la difesa veneziana segnando i punti del +7 ospite. Lotta feroce in campo, Venezia ci crede al pari di Trento quando mancano 6' al termine. Ci prova ancora da 3 Filloy ma e' corto il suo tiro, che innesca il contropiede finalizzato da Craft, mina vagante che fa +9 per Trento. Gli orogranata in attacco sono ancora tentennanti ed imprecisi ma, mentre si gira la boa del quinto minuto, trovano con Haynes e Bramos 2 punti dalla lunetta. Venezia continua la sua rimonta con Haynes dall'arco per il -4, che riapre letteralmente la gara con 4' da giocare. La risposta di Trento e' sterile con Gomes mentre Haynes va a segno sfruttando la liberta' sulla linea di fondo. Punto contro punto, Venezia difende su Craft e nel contropiede Haynes prende il fallo che vale il -1. 3' da giocare, Hogue prende fallo da Peric ma dalla lunetta fa 0/2. Ci pensa Craft ad andare a segno in contropiede ributtando Venezia sul -3. Peric spreca il contratacco e vine richiamato in panchina, per lui Filloy. Il contrattacco ospite e' sterile e Venezia ci prova con Stone che prova un tiro impossibile di schiena sullo scadere dei 24''. Piu' efficace Tonut che realizza il canestro del 62:63 quando mancano 44'' al termine di un match combattutissimo. Una manciata di secondi da giocare: Hogue subisce fallo e dalla lunetta fa 0/2, possesso Venezia e la bomba di Bramos fa esplodere il Taliercio: +2 Reyer quando mancano 7'' al termine. Il cronometro corre come un lampo e la partita, incredibilmente, si chiude con la vittoria della Reyer.

Umana Reyer Venezia vs Dolomiti Energia Trento 65:63 (16:18) (12:20) (16:14) (21:11)

Le squadre
Venezia
Haynes 13, Ejim 9, Peric 7, Stone 5, Bramos 7, Tonut 6, Visconti ne, Filloy 3, Ress 0, Batista 4, Viggiano 0, McGee 11

Trento
Sutton 5, Craft 16, Forray 6, Bernardi ne, Flaccadori 6, Lovisotto ne, Gomes 5, Bernardi ne, Hogue 17, Lechthaler 2, Shields 6

Arbitri
Sahin, Sabetta, Filippini