Final Eight, Milano raggiunge in semifinale Siena, Bologna si arrende nel finale

16.02.2012 22:15 di Alberto Baviera  articolo letto 559 volte
Final Eight, Milano raggiunge in semifinale Siena, Bologna si arrende nel finale

Nel secondo quarto di finale della prima giornata delle Final Eight, Milano si aggiudica, non senza faticare, lo scontro con Bologna. E dire che nei primi frangenti la partita si era messa benissimo per i ragazzi di coach Scariolo. Poi la Virtus ha tirato fuori l'orgoglio e, seppur priva del regista Poeta, ha rimesso in discussione l'esito della gara che si è decisa solo nelle battute finali. Koponen e Douglas-Roberts hanno provato a marchiare la partita ma i biancorossi – 6 in doppia cifra – alla fine hanno avuto la meglio.

Parte fortissimo l'Olimpia sospinta dalla tripla di Bremer e dalla schiacciata di Fotsis (8-2 dopo 2 minuti) al cospetto di una Virtus imprecisa e che patisce troppo l'assenza di Poeta, ai box per un problema al polpaccio.
Bourousis segna nel pitturato e dalla lunga distanza mentre Bologna buca la retina con il solo Gigli. Con il jumper di Cook l'EA7 scappa sul 20-6 (dopo poco più di 6 minuti), Koponen prova a reagire infilando la bomba ma Milano è un rullo compressore e con Cook (dai 6,75 metri) e Fotsis (schiacciata in contropiede) allunga ancora. Finelli prova a ricorrere ai ripari chiamando timeout ma la situazione non migliora: anzi, con due canestri pesanti griffati Bremer, i biancorossi concludono un primo periodo strepitoso (6/6 da 3, 11/14 al tiro) provando ad indirizzare il match.
Ma nel secondo quarto i bolognesi rialzano la testa mettendo in campo molta più determinazione: in cinque minuti rosicchiano punti grazie ad un break di 4-10, completato nei possessi successivi da due triple firmate da Luca Vitali e Koponen (35-30 dopo 6'6''). Visibilmente in difficoltà, l'Olimpia trova punti importanti da Bourusis (già in doppia cifra all'intervallo); Sanikidze, con una schiacciata, prova a far paura ma Milano, tornata reattiva, risponde prontamente e rispedisce al mittente l'offensiva dei virtusini.
Di ritorno dagli spogliatoi il protagonista è Douglas-Roberts: in poco meno di due minuti mette a referto 9 punti consecutivi portando Bologna sul -5 (50-45). La risposta meneghina è affidata a Fotsis e a Cook ma i bianconeri proseguono nella loro rimonta e con la tripla di Koponen si portano ad un solo possesso di ritardo (55-52). Scariolo chiama la sospensione ma Bologna prima pareggia con Koponen e poi sorpassa con Douglas-Roberts. Nel momento di difficoltà sono le bombe di Melli, Hairston e Nicholas a ridar fiato a Milano.
Anche l'ultimo periodo è molto combattuto con Olimpia e Virtus ad affrontarsi a viso aperto: per i biancorossi è Melli il terminale offensivo più cercato, mentre per i bolognesi sono sempre Douglas-Roberts e Koponen i più produttivi. La partita rimane in bilico fino a 30 secondi dalla fine quando Fotsis infila la tripla – unica della serata – che vale la semifinale della Final Eight nella quale troverà la Montepaschi Siena. Bologna esce a testa alta dalla competizione dimostrando, anche senza Poeta, di non demeritare.

EA7 ARMANI MILANO – CANADIAN SOLAR BOLOGNA 82 – 77 (31-14, 45-34, 64-58)

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO: Giachetti, Mancinelli ne, Hairston 5, Fotsis 12, Cook 10, Nicholas 10, Rocca, Filloy ne, Bourousis 14, Melli 11, Bremer 12, Gentile 8. All.: Scariolo

CANADIAN SOLAR BOLOGNA: Koponen 23, Vitali L. 5, Poeta ne, Gigli 9, Sanikidze 9, Gailius 2, Quaglia ne, Lang 11, Person ne, Werner ne, Vitali M., Douglas-Roberts 18. All.: Finelli

Arbitri: Cerebuch Guerrino, Lo Guzzo Carmelo, Seghetti Dino Ena.

RIPRODUZIONE RISERVATA