FIBA risponde ad Euroleague: nessuna coercizione verso nessuno, costruzione attraverso i principi sportivi, apertura oltre l'Europa

alla 2ª Coppa, la Fiba Europe Cup, potranno partecipare anche club del Medio Oriente e dell'Africa del Nord!
 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 476 volte
FIBA risponde ad Euroleague: nessuna coercizione verso nessuno, costruzione attraverso i principi sportivi, apertura oltre l'Europa

La FIBA e le Leghe dei campionati nazionali europei si sono riuniti a Parigi su invito della Federazione Francese di Pallacanestro (FFBB) e della National Basketball League (LNB) martedì 23 febbraio per valutare i progressi compiuti dai due gruppi di lavoro in materia di governance e di competizione per la imminente Basketball Champions League.

I vari rappresentanti dei campionati europei hanno sottolineato che la loro partecipazione al rimodellamento delle competizioni per club è stata una libera scelta, basata esclusivamente sul proprio interesse per il progetto della Basketball Champions League e non è il risultato di una pressione o di coercizione indebita. Lo scopo di rafforzare le competizioni nazionali, garantendo nel contempo lo sviluppo del basket a tutti i livelli attraverso forti competizioni europee per club organizzate su principi sportivi, rimane la forza trainante alla base di questo unico legame tra leghe e federazioni.

A seguito di discussioni costruttive e sulla base delle raccomandazioni dei gruppi di lavoro, sono state prese le seguenti decisioni:
- Una nuova società sarà costituita per organizzare e governare la Basketball Champions League e avrà sede legale a Mies, Svizzera il 2 marzo. La società sarà ugualmente di proprietà di FIBA ​​e campionati europei, con quote pari di proprietà (50 per cento dalla FIBA ​​e 50 per cento dalle leghe).
- Il formato della competizione di secondo livello, la FIBA ​​Europe Cup, è stato approvato. La competizione potrà anche includere club qualificatisi dalle regioni del Medio Oriente e del Nord Africa. L'inclusione delle squadre dalle suddette zone geografiche è soggetta a requisiti normativi, sportivi e dalle infrastrutture occorrenti.