Eurolega - Top16 9ª giornata - La Mens Sana sfida Fenerbahce di Andersen, McCalebb e Sato

I toscani cercano vittoria per consolidare il secondo posto. Tra i turchi il grande assente sarà l'ex Simone Pianigiani
 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 666 volte
Fonte: Corriere di Siena
McCalebb e Brown
McCalebb e Brown

SIENA - Le spalle al muro sono quelle del Fenerbahce e buona parte dei motivi del cuore li ha "smacchiati" la recente uscita di scena di Pianigiani dalla panchina turca, ma a correre rischi in una serata come questa è soprattutto la Mens Sana. Game of the week di Eurolega al PalaEstra (ore 20.45): se vince, la Montepaschi consolida il secondo posto in classifica e avvicina i play off, cacciandone contemporaneamente fuori gli avversari odierni. Che quattro giorni fa hanno cambiato allenatore e adesso non hanno più bonus spendibili per giustificare la loro deficitaria stagione internazionale.

Qui Montepaschi Punto di domanda su Tomas Ress, così come su Lechthaler, che non hanno recuperato dai rispettivi infortuni e che vanno a referto con autonomia zero. Le contingenze di una partita assai difficile, anche e soprattutto nel reparto-lunghi, potrebbero all'improvviso costringere coach Luca Banchi a rischiarne l'utilizzo in campo per qualche minuto ma, da qui a definirli "pronti" per reggere l'urto di un simile impegno, purtroppo, ce ne passa. Tocca a Benjamin Éze fare pentole e coperchi sotto canestro, nella riproposizione di una sfida (quella con Batiste) che in passato gli ha creato problemi e che oggi testa il momento di crescita evidenziato nelle ultime settimane dal centro nigeriano. L'altro aspetto che può decidere le sorti del match è la marcatura biancoverde su Bogdanovic: compito non facile, che Moss potrebbe sobbarcarsi se non fosse già (quasi certamente) destinato ad andare sulle tracce di Sato e che quindi non è escluso finisca fra le mission di un Daniel Hackett stasera chiamato pure a liberare Bobby Brown dalle scontatissime grinfie dei piccoli ospiti. Brown che all'andata ne mise 41, facendo letteralmente saltare il banco, ma che oggi non avrà vita facile.

Qui Fenerbahce A Simone Pianigiani non sono stati concessi più di sei mesi per raccogliere i frutti di un lavoro che avrebbe probabilmente necessitato di una stagione intera per una valutazione a 360°. Hanno pesato le sconfitte, senza dubbio pesanti, in Europa (ultimo esempio il -39 casalingo col Barca, dal quale è scaturita la rescissione) e ancor più la sensazione che i "pretoriani" scelti dal coach senese in questa avventura sul Bosforo (nell'ordine Sato e McCalebb, poi anche Andersen) abbiano mollato la presa, almeno in Eurolega, in maniera piuttosto inattesa: tutto ciò anche a discapito di quelle positività (ad esempio la vittoria della coppa nazionale ma anche il primo posto in campionato, consolidato nell'ultimo weekend dal successo, 70-78, in casa del Besiktas) che pure erano emerse in questa metà di stagione. Oggi il Fener si gioca il dentro-fuori. Indipendentemente dalla scossa che può aver dato l'avvento in panca di Erdogan, e dalla qualità (indiscutibile) del roster gialloblu, sarà decisiva la voglia di chi va in campo.

Arbitri e media Non ci sono precedenti incoraggianti quando la Mens Sana incrocia fischietti spagnoli ma Juan Carlos Arteaga è senza dubbio un arbitro di esperienza e qualità per dirigere un match così importante. A coadiuvarlo, il polacco Zamojski ed il greco Koromilas. Diretta tv su Sportitalia 2, in radio su Antenna radio esse e Radio Siena. 

Matteo Tasso