Eurolega, Top16 14ª giornata: Mens Sana, destino appeso a una...Vitoria

Brown e soci per passare accedere ai quarti di finale di Eurolega cercano il colpo alla Buesa Arena e tifano Olympiacos. Diretta tv su Sportitalia 2 dalle 20.45
04.04.2013 10:22 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 915 volte
Fonte: Corriere di Siena
Eurolega,  Top16 14ª giornata: Mens Sana, destino appeso a una...Vitoria

L'ultimo assalto al play off di Eurolega dipende da una... Vitoria. Anzi, può addirittura non bastare alla Montepaschi l'affermazione sul campo del Caja Laboral (ore 20.45) perché una concomitanza di risultati negativi dagli altri campi (e qui inizia un rompicapo di difficile lettura: in linea generale si può dire che la sconfitta del Khimki al Pireo contro l'Olympiacos sarebbe il viatico migliore per le ambizioni senesi, sempre in caso di successo in Spagna...) può voltare le spalle alla Mens Sana e cacciarla dall'Europa proprio all' ultimo tuffo delle Top16. Stessa storia per i padroni di casa, che però rispetto ai tricolori godono di salute e morale. Oltre che del pubblico amico a sostenerli. Insomma la classica partita senza domani, che purtroppo andrebbe giocata in condizioni ben diverse da quelle che i biancoverdi possono garantire di questi tempi.


Qui Montepaschi  Situazione ancora nebulosa quella emersa dalla seduta di rifinitura effettuata ieri sera alla "Buesa Arena". Improponibile qualsiasi ipotesi sulla presenza (o meno) di Daniel Hackett, che arriva al match con qualche giorno di riposo in più avuto per curare la distorsione alla caviglia sinistra (nonché i postumi dal trauma al tendine d'Achilie destro) ma, al tempo stesso, senza allenamenti col resto del gruppo: deciderà coach Luca Banchi poco prima della palla a due (nel caso, capitan Carraretto è pronto a dire la sua), mentre sul minutaggio di Ress e, probabilmente, Janning si può scommettere qualche euro in più, visto che entrambi il naso in campo lo hanno già messo lunedì sera ad Avellino. Tutto il resto è un rimescolare di carte, ancor più di energie. Che sono al lumicino ogni qualvolta le si proiettano sull'arco dei 40', come ben evidenziato dai finali delle gare contro Lenovo, Barcellona e Sidigas, con Bobby Brown e David Moss spesso trovatisi a gestire gli ultimi palloni in debito di ossigeno: si può indiscutibilmente chiedere maggior concretezza al reparto-lunghi (anche per non sfiancare in maniera definitiva Kangur), nella speranza che Eze e Sanikidze giochino una partita migliore rispetto alle loro ultime performances, ma la coperta biancoverde rimane ugualmente corta se paragonata alle rotazioni basche. Con l'aggiunta di un fattore campo sfavorevole (a Vitoria il tifo "contro" si sente ben più che in altri impianti europei) che, da sempre, ha riservato soddisfazioni zero alla storia della Mens Sana.


Qui Caja Laboral La vittoria acciuffata sul filo di lana a Khimki ha riaperto inaspettatamente la porta di un play off che sembrava ormai perso dal collettivo alle dipendenze di Zan Tabak. In realtà la sola affermazione sulla Mens Sana potrebbe non bastare al Baskonia (che sarebbe fuori con la contemporanea vittoria del Maccabi ed un successo dei russi inferiore ai 13 punti di scarto), ma questi sono ragionamenti da affrontare solo a fine partita ed è difficile pensare che elementi del calibro di Nocioni (24 punti a Khimki per l'argentino) o del gigante polacco Lampe (15.8 punti e 6.6 rimbalzi nelle Top 16) si facciano sfuggire l'occasione di mettere la propria firma in calce all'ennesima grande impresa di un club che si è spesso invitato fra i top teams d'Europa, anche contro pronostico. La pericolosità perimetrale di Nemanja Bjelica e San Emeterio (entrambi non distanti dal 40% nel tiro pesante), oltre alla visione cestistica di un playmaker di grande talento, ed avvenire, come il francesino Heurtel (4.2 assist a serata), sono altri punti a favore di Vitoria. Che poi, in panca, può pescare pure l'esperienza di Cook, non a caso il giocatore che spesso e volentieri gestisce i possessi conclusivi delle partite.


Arbitri e media Dirigono lo sloveno Pukl, il turco Ankarali ed il portoghese Lopes. Diretta tv su Sportitalia 2, in radio su Antenna radio esse e Radio Siena.

 

Matteo Tasso