Eurolega: Milano finché c'è Cedevita c'è speranza

14.12.2012 15:29 di Matteo Marrello  articolo letto 595 volte
Cook e Bourousis
Cook e Bourousis

Cuore e testa al Pireo, occhi e orecchie a Vitoria. È questo quello che vedremo questa sera  nella sfida tra i campioni d'Europa dell'Olympiacos e la EA7 Emporio Armani Milano (diretta tv dalle 20:00 su Sportitalia 2). Partita che fondamentalmente non conta nulla perché il destino delle scarpette rosse è legato a doppio filo a quello dell'Iradier Arena di Vitoria, dove i padroni di casa del Caja Laboral hanno già un paio di forbici in mano per spezzare le speranze meneghine e tagliare il nastro delle Top16.  Avversari di turno degli spagnoli i croati del Cedevita Zagabria praticamente spacciati. Solo una vittoria a sorpresa degli ospiti farebbe stappare lo champagne alla truppa di Scariolo, che comunque vada, a bocce ferme dovrà meditare sui tanti errori commessi in questa fase di cammino europeo. Non si può comunque pensare che Milano vada in Grecia ad ascoltare le radioline. C'è un impegno da onorare e  gli stimoli non devono mancare, perché se non ci sono stimoli nemmeno di fronte ad avversari di questo calibro significa che non siamo di fronte ad una squadra di basket ma ad un castello di carta che aspetta solo il primo soffio di vento forte per essere spazzato via. Un famoso detto dice aiutati che il ciel t'aiuta, l'Olimpia finora non si è aiutata molto se non a complicarsi la vita, invertirà la rotta questa sera? Ci sarà il classico “tutto in una notte”? Come sempre sarà il campo a parlare, ma guardando in faccia la realtà dobbiamo dire che le speranze di passaggio del turno sono veramente ridotte al lumicino per Langford e compagni. Se Milano non dovesse farcela Siena rimarrebbe l'unica paladina in campo maschile del basket di casa nostra, pur avendo compiuto un clamoroso harakiri contro i polacchi del Prokom Gdynia. Esce a testa alta Cantù che forse si sta tuttora mordendo le mani per i 4 punti “lasciati” all'Olimpia Lubiana, e al tempo stesso dimostrando all'Europa di poter giocarsela alla pari contro squadroni quali Real Madrid, Fenerbache e Panathinaikos.  Sassari aveva già salutato l'Europa mercoledi sera contro i francesi dell'Orleans. Una settimana nera insomma per le italiane impegnate nelle coppe. Milano aspetta, gioca e spera....spera di non sentire cantare Vitoria troppo presto...e finché c'è il Cedevita c'è speranza.

La situazione in Eurolega

Gruppo A: ieri Fe-nerbahce Ulker Istanbul (Tur)-MAPOORO CANTÙ 77-69, BC Khimki Mosca (Rus)-Panathinaikos Atene (Gre) 78-77, Real Madrid (Spa)-Union Olimpia Lubiana (Slo) 91-60. Classifica: Pana-thinaikos*, Khimki*, Real Madrid 12*; Fener-bahce* 10; Lubiana, CANTÙ 6.

Gruppo B: ieri Maccabi Electra Tel Aviv (Isr)-Alba Berlino (Ger) 78-62, Unicaja Malaga (Spa)-Elan Chalon (Fra) 86-62, MONTEPASCHI SIENA-Asseco Prokom Gdynia (Poi) 88-95 dlts. Classifica: Maccabi* , Malaga* 16; SIENA 10*; Alba* 8; Chalon 6; Prokom 4.

Gruppo C: oggi Caja Laboral Viteria (Spa)-Ce-devita Zagabria (Cro), Zalgiris Kaunas (Lit)-Anadolu Efes Istanbul (Tur), ore 20 Olympiacos Pireo Atene (Gre)-EA7 EMPORIO ARMANI MILANO Classifica: Kaunas*, Olympiacos* 14; Efes* 10; Viteria, MILANO 6; Zagabria 4.

Gruppo D: oggi Barcellona Regal (Spa)-Cska Mosca (Rus), Besiktas JK Istanbul-Lietuvos Ry-tas Vilnius (Lìt), Brose Bamberg (Ger)-Partizan Belgrado (Ser). Classifica: Barcellona* 18; Cska 16*; Besiktas* 8; Partizan, Vilnius, Bamberg 4.

*=  Già qualificata alle Top16.


La formula: le prime 4 di ogni girone passano ai 2 gironi per le Top 16 (27 dicembre-5 aprile); le prime 4 di ogni girone Top 16 ai playoff