EuroLega: Milano contro l'Olympiacos di Spanoulis, il "dio greco"

 di Alessandro Palermo  articolo letto 1611 volte
EuroLega: Milano contro l'Olympiacos di Spanoulis, il "dio greco"

Questa sera, alle ore 20.45 presso il Forum di Assago, l’Olimpia Milano riceve l’Olympiacos del “dio greco” Vassilis Spanoulis. Match valido per il diciannovesimo round di EuroLega, quarta giornata di ritorno della regular season 2016-’17. Bilanci diversi, cammini diversi: la squadra di coach Jasmin Repesa ha vinto 5 partite, perdendo le restanti 13. Mentre i greci, l’opposto: 13 successi, soltanto cinque invece le battute d’arresto. Obiettivi diversi, destini diversi. Tra qualche mese “V-Span” e compagni si giocheranno i playoff da protagonisti, mentre l’EA7 – salvo miracoli – saluterà la competizione europea e tornerà a combattere tra i confini nazionali.

Dicevamo, 13 è il numero delle le sconfitte di Milano in questa EuroLega, come 13 è anche il numero dei precedenti tra le due squadre: 3 vittorie per l’Olimpia, 10 per i biancorossi di Atene. Due dei tre successi dell’EA7 portano il nome di Keith Langford, decisivo il 6 marzo del 2014 con 20 punti. In quel caso, al Pireo, finì 88-86, con il canestro della vittoria firmato proprio dall’attuale giocatore dell’Unics Kazan. Nella stessa stagione Milano vinse anche tra le mura amiche, demolendo l’Olympiacos 81 a 51. Anche in quella partita fu Langford a trascinare le “Scarpette rosse”, con 29 punti personali. L’altra vittoria, quella meno recente, è datata 29 gennaio 2009. Al Forum finì 76 a 74, protagonista Luca Vitali con 15 punti.

Il grande ex della partita, non sarà della partita. Daniel Hackett, che ha giocato un anno e mezzo a Milano, vincendo lo scudetto del 2014, ha subito un grave infortunio a fine 2016 e dovrà stare fuori a lungo. L’unico ex, dunque, seppur poco rilevante, sarà Ioannis Athinaiou: una breve parentesi in maglia EA7 nel 2014.

PAROLA AL COACH
Jasmin Repesa: “Abbiamo reinserito Rakim Sanders in campionato perché il suo atletismo sarà utile contro l’Olympiacos. Per il resto, vogliamo essere più continui, in attacco e in difesa, anche mentalmente e aumentare la nostra fiducia in quello che stiamo facendo.”

ZORAN DRAGIC
“La vittoria con il Galatasaray ci ha dato fiducia ma non è abbastanza, servono altre prove. L’Olympiacos è una delle squadre più dure di questa EuroLeague, quindi dovremo essere aggressivi sia in attacco che in difesa. E dovremo farlo per tutta la partita, ripartendo dal buon primo tempo di Atene”.
 

Anteprima della partita a cura di Alessandro Palermo,
Riproduzione riservata*