EuroLeague - La rimonta di Milano arriva tardi: il Maccabi segna 111 punti ed espugna il Forum

Finisce 102-111 con 18 punti di Thomas e 19 di Cole. All'Olimpia non bastano i 22 di Theodore
26.01.2018 22:15 di Fabrizio Fasanella Twitter:   articolo letto 2446 volte
EuroLeague - La rimonta di Milano arriva tardi: il Maccabi segna 111 punti ed espugna il Forum

Assago (MI). Niente tris per i biancorossi. L’atletismo e il talento del Maccabi, che segna 111 punti (peggior dato della storia europea delle Scarpette Rosse) e totalizza 25 assist, annichiliscono un’Olimpia mai all’altezza dal punto di vista difensivo. Tel Aviv (+17 nel terzo periodo), infatti, rimane avanti dall’inizio alla fine e riesce sempre a rispondere ai tentativi di rimonta dell’Armani Exchange, rientrata a -4 a 2 minuti e 30 secondi dalla fine. I canestri decisivi arrivano prima dal due volte campione NBA Norris Cole (19 punti e 6 assist) e poi da Deshaun Thomas (18 punti), entrambi impeccabili nel momento di maggior difficoltà degli israeliani. Fondamentale anche il contributo sotto le plance dell’ex canturino Alex Tyus (14 punti). Ai padroni di casa non bastano i 22 punti di un orgoglioso Jordan Theodore; bene anche Arturas Gudaitis con 18 punti e 5 rimbalzi.

 

IL PRIMO QUARTO – Le due triple di Theodore permettono a Milano di toccare il possesso pieno di vantaggio. Tel Aviv, però, approfitta di un paio di disattenzioni difensive dei milanesi e va in vantaggio (7-10) grazie a un rapido 6-0 di parziale (Bolden, Kane e Jackson). Poi Micov chiude il break ospite, Parakhouski risponde da sotto, Kuzminskas segna in “reverse” e Parakhouski fa 2/2 a metà frazione circa (11-14). Thomas segna dall’arco, Theodore commette un antisportivo e Parakhouski schiaccia: l’Olimpia è sotto di 11 lunghezze ed è in difficoltà. La reazione meneghina arriva con la tripla di Goudelock e l’and-one di Gudaitis, che accorciano lo svantaggio a -5 con poco più di 3’ sul cronometro. Quindi Thomas scrive 2 e M’Baye fa saltare in piedi il Forum con la tripla del -4. Kane spegne gli entusiasmi dell’Armani con un canestro e fallo, Micov ricuce nell’azione successiva, Tyus infila 3 punti consecutivi (tiro dalla media e 1/2 dai liberi) e Gudaitis corregge l’errore di Goudelock con un tap-in. Il primo quarto si chiude con il buzzer beater di Gudaitis, servito da Cinciarini: il punteggio al decimo minuto e fermo sul 26-30.

IL SECONDO QUARTO – Tyus schiaccia a due mani, Gudaitis realizza dal post e Tyus segna con il fallo (28-34): la difesa milanese, sotto canestro, continua a non dimostrarsi all’altezza. Poi Tyus fa di nuovo canestro per il +8 Tel Aviv, Cinciarini accorcia in arresto e tiro, Cole scrive 2 in penetrazione e Cinciarini buca la retina dall’arco: l’Olimpia è a -5 e poi a -4 grazie alla tripla di Bertans (6’10’’ sul cronometro del secondo periodo). Bolden, in uscita dal timeout, spegne l’entusiasmo del Forum con una “bomba” dall’angolo, Roll non trema dalla lunetta, Cinciarini firma il -6 ma Bolden fa di nuovo centro dall’arco (38-47 a metà frazione). L’Armani Exchange rimane in scia con la tripla dal palleggio di Bertans, Parakhouski fa 2/2 e i biancorossi tornano a -4 con un 4-0 di parziale (Theodore in entrata e Micov). Milano, però, perde due palloni ravvicinati e gli israeliani non perdonano: 6-0 di parziale (4 di Cole e 2 di Kane) e doppia cifra di vantaggio a 56’’ rimasti. Infine, Micov chiude il break ospite dall’arco, Gudaitis fa 2/2 dalla linea e Tyus, sulla sirena, schiaccia ferocemente il tap-in del +7 (50-57) all’intervallo lungo.

IL TERZO QUARTO – Kuzminskas stoppa Jackson e segna usando il fisico. Poi Jackson realizza da tre in faccia a Micov e firma il +10 da due, Roll si alza per il +12 (52-64) e l’Olimpia è in blackout. Dopo la stoppata di Tyus e il 2+1 di Jackson, Milano è sotto 52-66 con 5’46’’ sul cronometro del penultimo periodo. A questo punto, Cinciarini accorcia dalla lunetta e assiste la prepotente schiacciata di Tarczewski che vale il -11. Jackson allunga con un 2/2 dalla lunetta, Tyus si alza dalla media, l’Armani perde palla e Tyus fa 1/2. M’Baye prova a scuotere i suoi con un and-one (61-74 a 2’43’’ dalla fine della frazione), ma Cole scrive 2 dalla media e Thomas, usando il fisico, firma il 61-78 con un 2+1. Theodore si alza da tre e segna col fallo, Tarczewski accorcia a -15 e M’Baye segna con pochi secondi sul cronometro. Tel Aviv, però, rimane saldamente in vantaggio: 70-83.

IL QUARTO PERIODO – Milano parte forte con il canestro di Gudaitis e la tripla di M’Baye. Parakhouski prova a scuotere i suoi, ma Jackson commette un fallo tecnico e l’Olimpia ha la possibilità di accorciare ulteriormente con Theodore (77-88 a 8’ dalla fine). L’ex play del Banvit, ancora, approfitta del recupero di Jerrells e infila il lay up del -9 che costringe coach Spahija al timeout. Cole, in uscita, firma il colpo del +11, Theodore fa 2/2, Parakhouski scrive 2 da sotto e l’inerzia torna nelle mani degli ospiti. L’Armani è viva e lo dimostra con la schiacciata del -8 di Gudaitis. Cole e Roll, però, hanno il sangue freddo e infilano due triple fondamentali (84-98); dall’altra parte, i meneghini perdono un brutto pallone con Bertans e salutano Tarczewski (cinque falli). L’ennesimo tentativo di reazione dell’Olimpia arriva grazie a Goudelock e Jerrells, che nel giro di un paio di azioni mettono una “bomba” a testa: -8 con 3’43’’ rimasti. In uscita dal timeout, Cole gela la difesa di Milano con uno splendido canestro in entrata, Goudelock risponde e Kane, nel tentativo di fermare Gudaitis (2/2 dai liberi per il 94-100), commette un fallo antisportivo. Il possesso è dell’Armani e Theodore sigla il -4 dalla media con 2’30’’ circa da giocare: il Forum è una bolgia. Cole, di nuovo, mette un canestro da fuoriclasse, poi Goudelock fa 2/2 e Thomas, da tre, regala il +7 a Tel Aviv. Thomas, di nuovo, si alza dall'arco e risponde al guizzo di Theodore, i padroni di casa gestiscono male l'azione successiva e Jackson chiude i giochi dalla lunga distanza. Vincono gli israeliani 102-111. 

QUI la sala stampa di coach Pianigiani

QUI la sala stampa di coach Spahija