EuroLeague - La prima fiammata di Kuzminskas e le triple di Goudelock: Milano batte Malaga e torna a respirare

Il lituano (ex di turno) segna 17 punti, Goudelock infila sei triple e Milano (15/24 da tre) torna alla vittoria dopo quattro sconfitte consecutive in EuroLeague
 di Fabrizio Fasanella Twitter:   articolo letto 3704 volte
EuroLeague - La prima fiammata di Kuzminskas e le triple di Goudelock: Milano batte Malaga e torna a respirare

Assago (MI). Dopo quattro sconfitte consecutive in EuroLeague (otto nelle ultime nove uscite), Milano prende finalmente una boccata d’aria e batte 101-87 un’Unicaja costretta a inseguire dall’inizio alla fine. L’attacco dell’Olimpia è fluido e le percentuali dal campo (19/33 da due e 15/24 da tre) sono solo una conseguenza dell’ottima circolazione dei biancorossi, capaci di resistere ai numerosi tentativi di rimonta degli spagnoli. Da sottolineare l’ottimo approccio alla gara della compagine meneghina (31 punti realizzati e 22 subiti nel primo quarto). Il mattatore dell’incontro è Goudelock, autore di sei triple (18 punti) a dir poco pesanti. 17 punti (4/7 dal campo) con 2 rimbalzi e 3 assist per un Kuzminskas schierato in campo nonostante i problemi fisici. Bene anche Theodore con 11 assist e 14 punti. Agli spagnoli non bastano i 22 punti di Nedovic. 

 

IL PRIMO QUARTO – Brooks apre la gara con quattro punti consecutivi, poi Goudelock, Tarczewski e Kuzminskas mettono le marce alte e portano avanti un rapido parziale di 12-0. Nedovic prova a dare ossigeno all’Unicaja, ma l’Olimpia ha fiducia e tocca il +12 con break di 6-0 (Kuzminskas, Theodore e Micov). Nedovic è da solo sull’isola e segna una tripla delle sue, poi però perde palla e Micov mette due punti in transizione. Suarez risponde al guizzo di Theodore, Kuzminskas buca la retina dall’arco e infila due liberi (29-18), Waczynski si alza da due e Augustine fa lo stesso: gli spagnoli tornano a -7. Infine, Jerrells fa canestro su una sirena con un bel “circus shot” in penetrazione e l’Armani (9/14 da due e 3/4 da tre) è sopra 31-22 al decimo.

IL SECONDO QUARTO – Soluade apre la frazione, Bertans segna da tre e M’Baye penetra con decisione. Ancora Soluade prova a mantenere a galla i suoi con una “bomba” (36-27), M’Baye non trema dalla lunetta e Nedovic accorcia a -6 dalla lunga distanza. Poi Jerrells fa centro dall’arco e riporta i biancorossi sul +9, Shermadini fa 2/2 e M’Baye realizza una tripla in seguito a un’ottima circolazione di palla milanese (3’39’’ dalla fine del periodo). Bertans si fa fischiare contro un fallo per aver dato il classico “calcetto” del tiratore, quindi Diaz fa 1/2 dalla lunetta, Brooks scrive 2 e Diaz fa lo stesso: -5 Unicaja (44-39) con poco più di 2 minuti sul cronometro. Goudelock chiude il break dei padroni di casa con uno step-back da tre e un’altra tripla in seguito a una palla persa avversaria. Infine, Nedovic accorcia, Goudelock tira (e sbaglia) troppo presto e lascia tempo a McCallum per infilare un buzzer-beater da metà campo. Il punteggio all’intervallo dice 50-44.

IL TERZO QUARTO – Milano perde palla e Nedovic ne approfitta per segnare una tripla, poi Augustine sale in cattedra e mette due canestri in fila: 50-51 Malaga, pessima uscita dagli spogliatoi da parte dell’Armani Exchange. Micov, da tre, sblocca i meneghini, Augustine segna di nuovo e Kuzminskas buca la retina dall’arco. Dopo una schiacciata di Tarczewski, il neo arrivato dell’Olimpia, ex di turno, realizza da sotto con il fallo (+6), Brooks scrive 2 e Micov replica. Il solito Brooks, lasciato solo dalla difesa milanese, mette la “bomba del -4 e il guizzo del -2, quindi Goudelock si alza dall’arco e Nedovic accorcia. Tarczewski, nell’azione successiva, commette infrazione di passi e Diez sigla -1; quindi Theodore converte due penetrazioni consecutive (73-68) e Micov firma la “bomba” del 76-69. Shermadini cattura un rimbalzo d’attacco e appoggia la palla al vetro, M’Baye scrive 3 e i biancorossi sono sopra 79-71 alla fine del terzo periodo.

IL QUARTO QUARTO – Shermadini accorcia a -6, Bertans fa 1/2 e Soluade schiaccia in contropiede in seguito a una palla persa di Cinciarini. Jerrells infila la quattordicesima tripla della gara milanese, ma l’Armani perde un’altra palla e Nedovic si alza in tap-in (84-77 a 7’ dalla fine). Nonostante il vantaggio (+5), Milano soffre in difesa e permette a Nedovic di tagliare indisturbato: timeout chiamato da coach Pianigiani. In uscita, Gudaitis segna un paio di canestri ravvicinati che riportano l’inerzia nelle mani dei padroni di casa (88-79 con 4’38’’ sul cronometro). Goudelock risponde alla tripla di Waczyinski, Kuzminskas fa 2/2 dopo un fantastico giro dorsale e Theodore, sfruttando la palla persa di Nedovic, sigla in contropiede il +12 (95-83) con 2’24’’ rimasti. Augustine prova a scuotere i suoi ma Nedovic sbaglia una tripla importante e Micov mette i liberi dalla staffa. Vince l'Armani 101-87. 

 

QUI la sala stampa di coach Simone Pianigiani

QUI la sala stampa di coach Joan Plaza 

 

EuroLeague, Round 18: AX Armani Exchange Olimpia Milano - Unicaja Malaga 101-87 (31-22, 19-22, 29-27, 22-16)

Milano: Goudelock 18, Micov 16, Kalnietis 0, Tarczewski 7, Kuzminskas 17, Cinciarini 0, Cusin n.e., M'Baye 10, Theodore 14, Bertans 5, Jerrells 8, Gudaitis 6.

Malaga: Okouo 0, McCallum 3, Soluade 7, Diaz 3, Diez 3, Milosavljevic 2, Nedovic 22, Shermadini 6, Waczynski 5, Brooks 19, Augustine 12, Suarez 5.