Euroleague di pentimento per le tre italiane, è già un "guai ai vinti"

17.10.2012 10:28 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 955 volte
Fonte: www.pallarancione.it
Euroleague di pentimento per le tre italiane, è già un "guai ai vinti"

 (Enrico Campana) - Vecchi fantasmi della Spaghetti League che tornano e girano per l’Europa. Oltre a “Ibbiy” Jaaber, il ragazzo un po’ presuntuoso del playground di New York che si giocò una bella carriera a Roma e sprecò la sua chance con Milano ed entra nel roster dello Zalgiris Kaunas al posto dell’infortunato Mantas Kalnietis, sguscia fra le offerte Alex Acker.

Si tratta di una delle tante delusioni  o semidelusioni dell’Armani Jeans Milano del recente passato. Acker (1,96, 29 anni)   è tornato senza gloria (3 punti in 11 minuti, 1 canestro da 3 su 3 tiri, 1 rimbalzo, 1 perse, 1 stoppata, valutazione 0)  in Euroleague con la maglia dell’Asseco Prokom che  ha aperto mercoledì  la settimana europea: Altro rientro quello dell’arbitro Paternicò, in una gara con meno di duemila spettatori.  Ha vinto  con fatica (77-75)  l’Unicaja Malaga con i titolati  Vazquez e Perovic ancora sotto la sufficienza  recuperando i 2 punti lasciati in casa al Maccabi. Per coach Kemzura, ex CT lituano, il problema è potenziare l’attacco, per questo ha chiuso il rapporto con Kazzouh, vedremo se  Acker  riuscirà a sfruttare questa occasione. L’ex casertano (per due stagioni) Koszarek è stato il MVP, ma non è bastato.

La guardia americana di colore ha giocato 48 gare di Euroleague con squadre importanti (oltre a AJ, Barcellona e Olympiacos e 9,8 punti, 3,7 rimbalzi, 1,3 recuperi) peccando di due qualità,  personalità (è un bravo ragazzo, subisce troppole situazioni) e  un buon passaggio per essere una guardia di qualità anche se recentemente la sua reputazione è salita  in Francia portando Le Mans al match per il titolo con Elan Chalon in primavera e migliorando negli assist (2,6, con 10,6 punti e 23,4 rimbalzi). Nella sua carriera anche due brevi esperienze nella NBA con squadre del secondo livello, Clippers e Detroit e  la D-League (Fort Wayne).

Nato nel sobborgo nero di Los Angeles, Compton, che ha dato i natali alle sorelle  tenniste Williams, ha studiato alla Pepperdine Un. ed è stato scelto da Detroit al 2° giro (n.60) arrivando in Europa per l’Olympiacos. Poi l’esperienza al Barcellona, e successivamente 14 partite a Milano nel 209-2010  con 22’, 9,3 punti, 49% da 2 e 35% da 3, 90,6% nei liberi, 3,2 rimbalzi, 2,4 perse, 1,1 recuperi, 1,4 assist, 8,2. Diciamo  più vittima che colpevole di quella squadra. Il suo motto è: dove vado, non mi confermano.

La prima settimana ha portato altre novità, a cominciare dal terremoto sulla panchina del Lietuvos Rytas dopo la sconfitta di 2 punti a Mosca. Il focoso Alexandar Dzikic, il tecnico della Under18 serba che vanta anche un’esperienza NBA come assistant-coach di Minnesota, è stato sollevato dall’incarico seguito uno dei suoi assistenti, mentre  l’altro, Darius Maskoulinas, è stato  premiato con l’investitura ufficiale.

L’Alba dopo aver espugnato Siena priva del suo cecchino titolare, il portoricano Nathan Peavy, si è rafforzata con l’americano Brian Randle (27, 2,03, ala) arrivato dall’Hapoel Gerusalemme, 13 punti, 4,5 rimbalzi, 1,5 stoppate, uscito dall’Università dell’Illinois. Per Sasha Obradovic è il fighter ideale per non rimpiangere Peavy, e può giocare ala piccola e ala grande.

Il Cedevita Zagabria ha preferito puntare su un giovane  delle minori, il 18enne gigante bosniaco Jusuf Nurkic (2,12) premiato questa estate con la promozione nella nazionale maggiore del pre-europeo per aver portato la squadra junior in Divisione A degli europei di categoria con 19,4 punti, 13,3 rimbalzi, 2,3 stoppate). Un altro baby-gigante sul quale gli scout NBA hanno messo gli occhi.

Settimana-verità per le tre italiane finite ko in campionato. Siena e Cantù devono cercare di andare a riprendere i 2 punti persi malamente in casa su due campi fra i più difficili, con quadre di alto lignaggio, il Maccabi che per i senesi è un po’ la bestia nera, e il Panathinaikos, la squadra dominatrice dell’ultima decade di Euroleague. Il Maccabi è passato a Malaga, successo che ha fatto dimenticare i problemi della pre-seson (infortunio di Mensah-Bonsu e ritiro di Tal Burstein) mentre il Panathinaikos ha venduto cara la pelle sul campo di un Real in grande forma, con Rudy Fernandez nel ruolo di match-winner.

L’Armani ha l’occasione di uscire dall’angolo dopo la figuraccia di Avellino, la rimonta finale con l’Efes ispirata da Bourousis non ha avuto un seguito, piovono le critiche da ogni parte, e hanno colpito quelle sferzanti  di Sandro Gamba  che fa pollice verso a Omar Cook come regista. La squadra non ha gioco, forse nemmeno una grande armonia, sconta gli errori del mercato dello scorso anno, e francamente il doppio ruolo di Sergio Scariolo nella fase di ricostruzione ha avuto il suo peso, anche se nessuno mai l’ammetterà. La miglior pensata, per dare tono al gioco, è stata quella di promuovere Cook a capitano, e se fosse invece stata una mossa-boomerang sovraccaricando di altri problemi l’ex giocatore di St.John’s?.

L’Armani da trasferta è proprio sconsolante, non deve farsi scappare la ghiotta occasione di andare a vincere sul campo del Cedevita Zagabria, la squadra più debole del girone, ma  sembre una squadra slava e diretta da una delle grandi volpi della panchina, quel Bozidar Maljkovic che ha al suo attivo quattro coppe dei Campioni fra Spalato, Limoges e Panathinaikos.

La situazione

Girone A– 18 ott, Atene, ore 21: Panathinaikos-Mapooro Cantù. 19 nov: Mosca, ore 17.30: Khimki-Real Madrid; Lubiana, ore 20.45: Union Olimpia-Fenerbahce.

Classifica:  1/0 Fenerbahce, Real Madrid, Union Olimpia; 0/1 Cantù, Panathinaikos, Khimki Mosca.

Girone B – 17 ott, Prokom-Unicaja Malaga 75-77 (Ergo Arena, 1950 spett; 16 Koszarek, 14 Robinson; 18 M.Williams, 14 Urtasun; MVP Koszarek 25. 18 ott, Chalon-Sur-Saone ore 20.45 Elan-Alba Berlino; Tel Aviv, ore 21 Maccabi-Montepaschi

Classifica: 1/0 Alba Berlino, Elan Chalon, Maccabi Tel Aviv; 0/1 Unicaja Malaga, Asseco Prokom, MPS Siena.

Girone C - 19 ott, Zagabria ore 18.30: Cedevita-Armani; Istanbul ore 19 Efes-Olympiacos; Vitoria, ore 20.30 Caja Laboral-Zalgiris Kaunas.

Classifica: 1/0 Zalgiris Kaunas, Armani Milano, Olympiacos Atene; 0/1 Caja Laboral Vitoria, Efes Istanbul, Cedevita Zagabria

Girone D - 18 ott, Vilnius, ore 18.30 Lietuvos Rytas-Barcellona; Bamberg, ore 19 Brose-Besitkas; Belgrado, ore 20.25: Partizan-Cska Mosca.

Classifica:  1/0 Regal Barcellona, Besiktas Istanbul, Cska Mosca; 0/1 Lietuvos Ritas Vilnius, Brose Bamberg, Partizan Belgrado.

Prossimo turno 3.a g

Girone A – 25 ott, ore 19 Fenerbahce-Real Madrid; 26 ott, 20.30 Mapooro Cantù-Khimki; 20.30 Union Olimpia-Panathinaikos.

Girone B – 25 ott, 20.45 Elan Chalon-Maccabi; ore 21 Prokom-Alba Berlino; 26 ott, ore 20.45 Unicaja Malaga-Montepaschi.

Girone C – 25 ott, ore 20.30 Armani-Caja Laboral; ore 22, Olympiacos-Zalgiris; 26 ott, ore 20.45 Efes Istanbul-Cedevita Zagabria.

Girone D – 25 ott, ore 20.15 Cska-Brose; ore 19.30 Lietuvos-Partizan; 20.45 Barcellona-Besiktas.

I top della 1.a giornata

MVP BWIN: 31  Emir Preldzic (Slo/Bih, Fenerbahce) (pari merito Zoran Planinic, Cro, Khimki)

Miglior Marcatore: 25 p. P. Cristopher (Usa, Elan Chalon), E.Calloway (Usa, Unicaja)

Miglior rimbalzista: 12 Aron Baynes (Aus, Olimpia)

Mister Assist: 11 J.Blassingame  (Prokom)

Quintetto ideale:  R.Fernandez (Spa, Real Madrid), Salin (Fin, Olimpia),   Preldzic (Slo/Bih, Fenerbahce), Krstic (Srb, Cska), Bourousis (Gre,Armani)

[email protected]

(C) Riproduzione Riservata