EuroChallenge, Last 16: Astana "gela" un volenteroso Brindisi

Nella gelida capitale del Kazakistan l'Enel Brindisi rimedia una sconfitta che le potrebbe pregiudicare il passaggio al turno successivo.
10.02.2015 17:39 di Dario Recchia  articolo letto 941 volte
EuroChallenge, Last 16: Astana "gela" un volenteroso Brindisi

Nel freddo del Kazakistan probabilmente l’Enel Brindisi dice addio alle possibilità di passaggio del turno in EuroChallenge al cospetto di una Astana determinata  e convincente soprattutto nell’ultimo quarto di gioco. La formazione brindisina ha provato a portare a casa la partita portandosi diverse volte in vantaggio nell’arco della gara ma mai è riuscita a dare vita ad un break decisivo. Il ritorno dei padroni di casa e forse un po’ di stanchezza per gli ospiti reduci da una massacrante trasferta di oltre 6000 km hanno fatto il resto.

In un velodromo di oltre 9000 posti ma praticamente deserto la squadra di casa parte meglio e con alcuni contropiedi si porta in vantaggio sul 10 a 4. Brindisi prova prima con Eric  a ricucire lo strappo ma la formazione del neo allenatore Butautas  gioca meglio in attacco soprattutto con Caner-Medley  chiudendo il primo quarto sul 19-14.

Brindisi nel secondo periodo prova ad alzare l’intensità difensiva ed anche in attacco circola meglio la palla. Pullen  riporta Brindisi in parità al 6 minuto (25 pari)  e mette il naso avanti ancora con un tiro dalla lunga distanza un minuto dopo (27-28). Astana effettua buoni giochi a due ma Brindisi non molla e, con una tripla di James a 20 secondi dal termine le squadre vanno al riposo lungo sul 33-37.

Nella ripresa continua un sostanziale equilibrio per circa 3 minuti . Denmon scalda la mano e piazza 2 triple consecutive  e Brindisi vola  sul 44-51. Time out Astana che esece bene dallo stesso e si riporta nuovamente sotto con un parziale di 5 a zero. Il solito Caner-Medley riporta le squadre in perfetta parità con 2 liberi (56-56) mentre capitan Bulleri, con una tripla dall’angolo allo scadere manda tutti all’ultimo riposo sul 56-59 per gli ospiti.

Ultimo quarto con Brindisi che prova nuovamente a dare uno strappo alla gara. 58 a 65 dopo 120 secondi di gara ma i Kazaki non mollano mai.  Con un contro break di 10 a 2  opera soprattutto di Brown (chiuderà con 20 punti) cambia nuovamente l’inerzia del match. James sbaglia una schiacciata e, sul ribaltamento successivo,  Calathes si invola in contropiede. Brindisi allora prova una zona dispari ma i locali la superano con una tripla. Brown,  infine, mette i titoli di coda sul finale riportando avanti di 11 i suoi compagni e solo Pullen , con 3 liberi a tempo quasi scaduto, chiude la gara sul 83-75 portando a casa almeno la differenza canestri.

Brindisi esce sconfitta dalla lunga trasferta ma da segni di ripresa. Viaggio lungo ed ancora qualche giocatore indietro di condizione la hanno condannata sul finale. Ora bisogna rituffarsi subito sul campionato. Sabato, in quel di Trento, impegnativo confronto contro la formazione di coach Buscaglia che vorrà rendere dura la gara agli uomini di coach Bucchi dopo alcuni passaggi a vuoto nelle scorse settimane. Brindisi   chiude probabilmente oggi la sua avventura in Coppa. La matematica ancora non la condanna ma da oggi non si dovrà piu’ perdere e sperare in alcuni risultati a favore.

Astana- Brindisi  83-75 (19-14, 33-37, 56-59)

Astana: Johnson 21, Mahalbasic 9, Llin 2, Murzagaliyev 0 , Ponomarev n.e., Klimov 0, Caner-Medley 19, Brown 20, Andric 9, Marchuk n.e., Kolesnikov 0, Calathes 3.All.Butautas

Brindisi: Pullen 21, Harper 6, James 5, Bulleri 3, Cournooh 0, Di Salvatore n.e., Morciano n.e., Zerini 2, Turner 6, Mays 12, Eric 12. All Bucchi