Esame lituano per l'Olimpia Milano con un occhio in infermeria

Le ultime dalle sedi prima della terza giornata di Eurocup. Gli uomini di Repesa in campo alle 20 contro il Neptunas
19.01.2016 09:47 di Alessandro Luigi Maggi  articolo letto 1805 volte
Esame lituano per l'Olimpia Milano con un occhio in infermeria

Terza giornata di Eurocup per l'Olimpia Milano (diretta ore 20 su SportItalia), riscopertasi capolista in uno dei tanti folli gironi della seconda competizione continentale. Mille grattacapi per Jasmin Repesa, in perfetta assonanza con il "motivetto" poco gradito di questa stagione, con Robbie Hummel ormai negli USA, Rakim Sanders aggregato agli allenamenti ma non in campo (manca una settimana all'esordio?), e Alessandro Gentile che verrà rivalutato nei prossimi giorni, ma con uno stop ipotizzabile tra le 5 e le 6 settimane per l'ormai nota lesione al bicipite femorale sinistro. In attesa di notizie dal mercato (ormai riposte le piste all'ex Galatasaray Zoran Erceg e al pivot di Pistoia Alek Kirk), rimane in dubbio anche la presenza di Stanko Barac (molto in dubbio, con decisione definitiva poco prima della palla a due), assente contro Trento per una distorsione alla caviglia. «Siamo ovviamente in una situazione di difficoltà a causa degli infortuni che hanno ridotto le nostre rotazioni, e ci condizionano anche nell’atteggiamento difensivo, perché non possiamo permetterci di avere problemi di falli. In ogni caso la partita contro il Neptunas è da vincere a tutti i costi: dovremo giocare con il cuore come abbiamo fatto contro Trento, quando nell’ultimo quarto abbiamo rimontato nonostante le difficoltà difendendo tra l’altro molto bene quando contava di più» le parole di Jasmin Repesa, mentre Milan Macvan è per il realismo di squadra: «Non è importante la qualità del gioco, ma solo la vittoria, come è stato nell'ultima gara con Trento. La rotazione corta rende ogni giocatore importante, e tutti dovremo dare il meglio sino alla fine».
Che Neptunas Klaipeda sia dunque, con i lituani che hanno sorpreso con il 73-65 rifilato all'Alba Berlino nella seconda giornata. Dopo il tremendo 25-5 concesso nel quarto d'esordio all'Aris Salonicco (che pasteggiò a champagne con la coppia White-McNeal, 37 punti in coppia all'ultima sirena), la squadra di Dainius Adomaitis (nel '99, come giocatore, a Montecatini) ha ripagato l'Alba con la stessa moneta, fuggendo nel primo quarto 20-9, e rispondendo alla rimonta tedesca con il 23-12 dei dieci minuti conclusivi. Uno dei tanti picchi di una squadra discontinua, capace di battere due volte il Nizhny Novgorod o passare a Istanbul nella prima fase di Eurocup, ma anche di "vivacchiare" in patria, come dimostra la terza piazza attuale in campionato, con un record 10-10. Nel fine settimana è arrivato così il ko interno con il modesto Lietkabolis per 70-74. Giocatore di riferimento, ma in netto calo nelle ultime uscite, l'ex stella di Duke Daniel Ewing, 14 di media in Eurocup, 6 punti con 3/11 al tiro nell'ultima uscita. A Berlino ha mostrato le sue qualità l'esterno classe 1992 Arnas Butkevicius, 18 punti e tanta presenza fisica, come dimostrano i 4 rimbalzi di media. Nel pitturato, sostanza dall'ex Brindisi Jerai Grant. Arbitrano il turco Ersan Terkal e il tedesco Clemens Fritz.