Enel con rammarico, Sidigas piu' cinica e Nunnally fa 31

Decima vittoria consecutiva per la Sidigas Avellino che passa a Brindisi solo nel finale
14.03.2016 23:47 di Dario Recchia  articolo letto 942 volte
Enel con rammarico, Sidigas piu' cinica e Nunnally fa 31

L’Enel Brindisi esce sconfitta dal confronto contro la Sidigas Avellino al termine di una partita iniziata male ma che, dopo il primo periodo, ha visto le due compagini affrontarsi a viso aperto sino alla fine. Per i ragazzi di coach Bucchi le assenze importanti di Reynolds (scelta societaria) e Gagic (infortunio)  sono pesate tanto alla fine dove la squadra è arrivata con il fiato corto. La Sidigas Avellino, con Green tenuto precauzionalmente a riposo, ha disputato una gara accorta dimostrando tutto il suo valore e legittimando la quarta piazza nel campionato frutto delle dieci vittorie consecutive.  Sugli scudi James Nunnally, tiro morbidissimo che ha messo a referto 31 punti con un 13/20 al tiro totale. Una macchina da canestro incredibile ben supportata da Veikalas con 13 punti, un chirurgico Maarten Leunen 12 punti e 4/5 dall’arco ed il pivot Ivan Buva con 11 punti e 5 rimbalzi. Per Brindisi non bastano i 25 punti di un sontuoso Cournooh (9/13 al tiro), il solito Banks da 24 punti ed 8 falli subiti ed un  Durand Scott da 18 punti. Un Enel che esce dal rettangolo di gioco con un po’ di rammarico per una partita che solo negli ultimi minuti ha visto la squadra di coach Sacripanti avere la meglio grazie ad una maggiore lucidità nei possessi finali.

Avellino parte meglio nel primo periodo ed a metà periodo è già avanti di 8 punti (7-15). Banks da una parte e Nunnally dall’altra fanno la voce grossa con gli ospiti che chiudono avanti il primo quarto sul 16-23. Il secondo periodo si apre con un perentorio break di 0-10 per la Sidigas frutto di 8 punti di Veikalas con gli ospiti che allungano al + 17 (16-33). Dopo il time out Brindisi prova a reagire schierandosi a zona in difesa e trovando migliori soluzioni offensive in attacco. Contro break di 12-0 e la squadra di casa si riporta sul 28-33 al 5 minuto. Cournooh è ispirato in attacco e Scott morde in difesa. Avellino stringe i denti e chiude avanti di un solo punto all’intervallo lungo sul 42-43.

Nella ripresa Banks da 3 porta avanti la sua squadra con una tripla (45-43) mentre anche Avellino si schiera a zona. Canestri da una parte e dall’altra e la partita diventa bella ed equilibrata, Capitan Zerini con una tripla fa esplodere il palazzetto portando l’Enel sul 60-55 con Sacripanti che chiama un time out per riordinare le idee. Acker mette 4 punti di seguito e Buva realizza da sotto subendo fallo. Il periodo si chiude sul 62-64.

I lupi avellinesi sono piu’ concentrati e cinici. Pini con un semi gancio mette 5 punti di distacco tra le 2 squadre dopo 3 minuti (66-71) con Nunnally che non sbaglia piu’ un tiro. I locali non ci stanno e tentano una reazione di orgoglio ed a 3 minuti dal termine è ancora equilibrio sul 77-79. Cinque punti consecutivi di Avellino portando a 2 i possessi di distacco e Leunen, ad un minuto dal termine, fa scendere i titoli di coda con una tripla spezza gambe (79-87). La partita virtualmente finisce qui con Veikalas che, dalla lunetta, realizza gli ultimi punti dell’incontro fissando il punteggio sul 82-89.

Brindisi recrimina mentre Avellino legittima il buon momento di forma.

Enel Brindisi – Sidigas Avellino 82-89 (16-23, 26-20, 20-21, 20-25)

Brindisi : Banks 24, La Spada n.e.,  Scott 18, Cournooh 25, Harris 0, Cardillo 0, Milosevic 3, Fusco n.e., De Gennaro n.e., Zerini 10, Anosike 2, Marzaioli n.e. All Bucchi

Avellino : Norcino n.e., Ragland 7, Green n.e., Veikalas 13, Acker 6, Leunen 12, Cervi 5, Severini 0, Nunnally 31, Pini 4, Buva 11, Parlato n.e. All. Sacripanti

Arbitri : Filippini, Vicino, Quarta

 

Foto: Vincenzo TASCO