Dittatura russa, Rice assist&punti e il Khimki affonda lo Zalgiris

29.01.2016 20:03 di Paolo Zerbi  articolo letto 642 volte
Dittatura russa, Rice assist&punti e il Khimki affonda lo Zalgiris

Il monopolio russo nel girone F delle Top 16, ormai, è acclarato. Dopo la vittoria di ieri del CSKA, arriva quella del Khimki che schianta (111-80) lo Zalgiris Kaunas mantenendo la vetta della classifica. Il tutto con un Alexey Shved normale (13 punti con 4/10 al tiro), sostituito per una volta nei panni del leader da Tyrese Rice. Il folletto ex Maccabi, infatti, domina prima in cabina di regia, poi mettendosi in proprio. Il risultato? 20 punti, 11 assist, 6 falli subiti per 35 di valutazione. Una spallata data già sul finire di primo quarto, quando il 9-2 di parziale aveva permesso ai moscoviti di chiudere la prima frazione avanti 25-16. Dilagando poi, tanto da toccare il +19 (34-25) col canestro di Honeycutt. Lo Zalgiris? Aggrappato a Seibutis (15 punti) visto anche il disastroso apporto di Martynas Pocius (4 punti, 1/8 dal campo e -4 di valutazione). Ma i lituani avevano il merito, quantomeno, di provare a restare aggrappati alla partita con le unghie e con i denti, grazie anche alla sostanza di Vougioukas. Lo svantaggio, però, restava sempre in doppia cifra e quando la squadra di Sarunas Jasikevicius finiva la benzina... ecco lo strapotere del Khimki. Con Dragic a sentenziare, Koponen ed Honeycutt più che mai incisivi e Rice a prendersi la palma di MVP. Lo strapotere russo è servito.

 

KHIMKI MOSCA-ZALGIRIS KAUNAS 111-80

Khimki Mosca: Rice 20 (11a), Honeycutt 14, Shved 13.

Zalgiris Kaunas: Seibutis 15, Vougioukas 14, Ulanovas 12.