Cantù si fa bella sul parquet del Pianella, Acea piegata 81-73

La squadra di Trinchieri accorcia le distanze e si pota sull'1-2 nella serie ben sostenuta da Tyus Brooks ed Aradori. Roma va a fiammate e si sveglia quando è troppo tardi. Questa sera gara-3 tra Siena e Varese
 di Matteo Marrello  articolo letto 1055 volte
Alex Tyus
Alex Tyus

La Lenovo vince  per 81-73 a prima delle due sfide alla NGC Arena contro una Acea Roma stanca e troppo spesso imbrigliata dalla arcigna difesa della squadra di coach Trinchieri, regina in questa gara-3 sotto i tabelloni (49 a 30 alla fine) Primi attori della rivincita brianzola Alex Tyus (20 punti e 10 rimbalzi) e Jeff Brooks (8 pt e 7 rimb). Sono però Aradori (19) e Leunen a dare i primi colpi di gas ai biancoblù, dopo 4’ il tabellone segnala un 10-2. Memore delle rimonte patite al Pala Tiziano Tyus inchioda la schiacciata del 14-2 un minuto più tardi. La squadra della lupa si sente ferita ma non molla e con Bailey (5) Goss (19) e Taylor (6) inizia a risalire la china arrivando al -6 (20-14). Aradori e Tyus ricacciano indietro i giallorossi al 12’,  ma ecco entrare in scena Jones (13) e Datome (15)  con 6 punti a testa e la gara al 20’ è ancora tutta da giocare (35-32)
Tradizione vuole che in questa serie la squadra di casa giochi un terzo quarto con una marcia in più ed il Pianello non vuol certo esser da meno del pala Tiziano. Ecco quindi che la banda di Trinchieri piazza un break di 7-2 con Aradori, Brooks ed Ragland (11) che segna i suoi primi punti solo al 23’. Datome e Goss cercano di non lasciarsi intimidire, ma è Stefano Mancinelli, ancora ben lontano dall’essere il giocatore che conosciamo, a fissare a 9 le lunghezze di vantaggio in favore dei brianzoli alla mezz’ora (51-42). Ragland con una tripla a 4 minuti dall’ultima sirena sembra voler dire tutti a casa, un invito che nessuno coglie a ragion veduta. Gli ospiti si rifanno sotto, ma è ancora Ragland che dopo una palla rubata deposita in contropiede il +12 al 38’ Partita finita?? A Roma direbbero “manco per sogno”   I ragazzi di Calvani con la coppia Datome-Goss arrivano fino al 6 ad un minuto dalla fine, poi sprecano addirittura il pallone che li avrebbe riportati ad un solo possesso di distanza. Cantù questa volta non si fa sorprendere e riapre la serie. Venerdì si replica sempre in Brianza prima di tornare a Roma per la quinto round già prenotato.

È tempo invece di gara-3 tra Siena e Varese. La serie si sposta in toscana in casa dei campioni d’Italia sul risultato di perfetta parità dopo due incontri che hanno mostrato grande equilibrio tra le due contendenti. Siena farà tesoro del punto conquistato a Masnago o sarà la Cimberio a restituire il blitz vissuto in gara-1? La parola più che mai al campo. La vincitrice di questo incontro potrebbe far barcollare l’avversaria. Siena ci proverà con la sua esperienza, Varese con il suo entusiasmo.