Brian sostiene Meo: la famiglia Sacchetti passa a Avellino

A Sacripanti non basta un Buva da record: il posticipo della sesta giornata premia la Dinamo
09.11.2015 22:51 di Alessandro Luigi Maggi  articolo letto 543 volte
Fonte: Ufficio Stampa Dinamo Sassari
Brian sostiene Meo: la famiglia Sacchetti passa a Avellino

La Dinamo Banco di Sardegna trionfa al Pala Del Mauro 88-90: in un match imprevedibile i giganti vincono nelle battute finali i due punti in palio.

La Dinamo torna alla vittoria conquistando il campo irpino del Pala Del Mauro. Dopo un avvio di grande energia da parte degli uomini di Meo Sacchetti, con un gap scavato all’inizio del primo quarto (5-21), i padroni di casa della Scandone, condotti da Buva in grande spolvero (29 punti), recuperano e si portano avanti. La partita si gioca punto a punto per i restanti 29 minuti. È nelle battute finali che si decide il match: nell’ultimo giro di cronometro succede di tutto, alla fine è una tripla di Brian Sacchetti a mettere il sigillo alla vittoria biancoblu. Il Banco raggiunge Venezia, Reggio Emilia, Brindisi e Trento a quota 6 punti in classifica.

La scena. Posticipo della sesta giornata di campionato: i giganti della Dinamo scendono in campo al Pala Del Mauro per affrontare gli irpini della Scandone Avellino. Un match importante dopo la trasferta in Spagna, con gli isolani alla ricerca di una maggiore continuità anche in vista della sfida europea di venerdì al PalaSerradimigni.

Il match. Coach Meo Sacchetti manda in campo Haynes, Petway, Logan, Eyenga e Varnado, coach Sacripanti risponde con Green, Nunnally, Leunen, Blums e Pini.

I sassaresi partono fortissimo con Eyenga a rompere il ghiaccio, Petway a scoccare la tripla dall’arco e Logan dalla media. Avellino trova i primi punti con Green e Nunnally ma gli uomini di coach Sacchetti scavano il gap fino al 5-21 con cinque uomini a referto. Non si perdono d’animo i padroni di casa che grazie a un controparziale di 17- 2 chiudono i primi dieci minuti sotto di un solo punto (22-23). Buva trascina i suoi e porta il suo score in doppia cifra, Avellino mette la testa avanti ma i sassaresi restano a contatto con Logan, Petway e Haynes (37-35). Le due squadre si fronteggiano in una danza punto a punto, Sassari trova un mini break con Petway e Logan ma Nunnally e Buva riportano il vantaggio biancoverde (50-48). Al rientro dagli spogliatoi Haynes e Alexander mettono le mani sul match, provando a invertirne la rotta. Ma gli irpini non mollano e scavano il break con Green, Nunnally e Buva. Il vantaggio dei campani è in doppia cifra. Eyenga suona la carica e riporta i sardi al -4 (75-69). Negli ultimi dieci minuti si alza la tensione, 8-0 della Dinamo che si riporta in parità con un contropiede di Haynes. Eyenga si mette la squadra sulle spalle, Buva continua la sua cavalcata. La partita si decide negli ultimi secondi: quando inizia l’uktimo giro di cronometro una tripla di Sacchetti firma l’87-89. Haynes manda in lunetta Nunnally che fa 1 /2. Haynes dalla linea di carità sbaglia entrambi i liberi a sua disposizione: Avellino ha in mano la palla della vittoria ma la difesa di Sacchetti mette in difficoltà gli avversari. Dalla lunetta è Brian a mettere in cassaforte la vittoria: vince Sassari 88-90.

Scandone Avellino 88 - Dinamo Banco di Sardegna 90

Parziali: 22-23; 28-25; 23-21; 13-21.

Progressivi: 22-23; 50-48; 75-69; 88-90.

Scandone Avellino  - Norcino, Veikalas 4, Acker 8, Leunen, Green 14, Cervi 4, Severini, Nunnally 21, Pini, Buva 29, Blums 8, Parlato.  All. Stefano Sacripanti.

Dinamo Sassari – Haynes 18, Petway 8, Logan 14, Formenti, Devecchi, Alexander 13, D’Ercole, Marconato, Sacchetti 9, Stipcevic 4, Eyenga 14, Varnado 10. All. Meo Sacchetti.

Arbitri: i signori Enrico Sabetta, Alessandro Vicino e Denny Borgioni.