Avellino dei record con la nona vittoria di fila: Cantù s'inchina (con qualche brivido)

06.03.2016 16:41 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 609 volte
Avellino dei record con la nona vittoria di fila: Cantù s'inchina (con qualche brivido)

Nella gara che doveva definitivamente determinare se la vera sorpresa dei campionato italiano debba essere proclamata lo Scandone di Sacripanti e Alberani piuttosto che la nuova Cantù di Dmitri Gerasimenko (che ha già annunciato la rivoluzione alla sua rivoluzione) ecco che arriva la nona vittoria consecutiva per la Sidigas. Che per battere in casa l’Acqua Vitasnella Cantù, però, deve fare i conti con qualche affanno nell'ultimo minuto mettendo in ansia il suo pubblico e il palinsesto - gli uomini di Bazarevich sono tornati a soli due punti dal possibile overtime. I biancoverdi mandano cinque giocatori in doppia cifra con Ragland e Leunen mattatori di giornata, e proseguono la scalata al vertice della classifica: ogni opzione, in questo momento, deve essere presa in considerazione per la post-season, l'entusiasmo in Irpinia vola a mille. A furia di farsi rimandare alla prossima gara, scemano invece le chance dei brianzoli di poter raggiungere i playoff: manca sempre uno per fare cento!

Nei primi minuti gara in grande equilibrio con canestri da una parte e dall’altra con Ragland ed Abass a fare la voce grossa. Cervi commette due falli in cinque minuti e Sacripanti lo richiama in panchina. Il play irpino dopo una tripla lancia in contropiede Nunnally ed Avellino da il primo strappo alla gara (13-10). Johnson cerca di non fa scappare gli irpini, ma l’accoppiata Ragland – Nunnally regala spettacolo. Il lungo canturino non ci sta ed inchioda la schiacciata del -3 a fine periodo (23-20).

Fesenko inizia con una schiacciata e Lorbek mette la tripla del pareggio, Green lo imita e riporta avanti la Sidigas. Buva comincia a prendere confidenza con il canestro ed i biancoverdi conducono ancora (30-27). Pini lotta a rimbalzo e sul contropiede penetra subendo fallo e mettendo due tiri liberi che costringono la panchina biancoblu al time out (32-27). Al rientro Lorbek ed Hodge confezionano un 4-0 di parziale, ma prima Acker e poi Ragland con due triple allungano (40-33). Dopo due tiri liberi di Leunen, Cantù mette a segno 3 punti che sono frutto di 1/2 di Fesenko e un tiro di Johnson dalla media mandando le squadre negli spogliatoi con la Scandone avanti di 6 (42-36).

Avellino parte bene con Acker e Nunnally che mettono a segno un 4-0 di parziale mettendo Cantù a 10 punti di distanza, Bazarevich chiama subito time out. La Sidigas cresce d’intensità con Nunnally che si sblocca da tre ed Acker che fa 1/2 dalla lunetta (52-41). Abass non ci sta e insieme a Johnson e Fesenko piazzano un break di 7-0 con Sacripanti che chiama time out. (52-48). Il mini break fa bene agli irpini: Ragland e Buva riportano Cantù a distanza, con il folletto biancoverde a chiudere sulla sirena (61-48).

Leunen apre il quarto con una tripla. Johnson risponde con quattro tiri liberi fila (64-52). Ancora Buva da sotto, ma Abass prima e Johnson poi non ci stanno e cercano di rientrare (66-56). Fesenko ed il solito Abass trascinano Cantù fino al – 4, Ragland e Leunen piazzano un break seguiti da Acker che segna due punti dalla media distanza (75-66). Cervi mette due punti, ma ancora un mini parziale di 6-2 Con Lorbek ed Abass (77-72). Acker perde palla in attacco ed Hodge fa 2+1(77-75). Nunnally segna due liberi a 8’’ dalla fine (79-75) risponde Hodge in penetrazione, ma Acker mette i punti della staffa (81-77).

SIDIGAS AVELLINO  81 - ACQUA VITASNELLA CANTU’ 77  (23- 20, 42- 36, 61- 48)

ACQUA VITASNELLA CANTU’: Ukic 6, Abass 16, Heslip, Lorbek 7, Zugno ne, Wojciechowski 2, Cesana ne, Ignerski ne, Johnson 29, Tessitori ne, Fesenko 8, Hodge 9. All. Bazarevich.

SIDIGAS AVELLINO: Norcino ne, Ragland 19, Green 3, Veikalas 2, Acker 12, Leunen 12, Cervi 4, Severini, Nunnally 15, Pini 2, Buva 12, Parlato ne. All. Sacripanti.

 

Arbitri: Mazzoni, Weidmann, Rossi.