La nuova serie A – 05: Reggio Emilia tricolore nelle mani dell’esordiente Cagnardi

Gli esterni Butterfield e Ledo possono far bene. Da completare sotto canestro. Roster da salvezza senza particolari affanni, manca qualcosa per poter ambire ai piani alti.
03.10.2018 06:45 di Massimo Roca  articolo letto 1110 volte
Fonte: Il Mattino
La nuova serie A – 05: Reggio Emilia tricolore nelle mani dell’esordiente Cagnardi

Estate di cambiamenti per la Grissin Bon Reggio Emilia. L’amministratore delegato Della Salda è approdato alla Virtus Bologna, ma soprattutto Max Menetti  ha salutato dopo 7 stagioni consecutive da capo allenatore. Così come fu per l’allenatore friulano che subentrò da assistente nel 2011, anche questa volta la sostituzione è stata “casalinga”: il quarantaduenne bresciano Devis Cagnardi era dal 2015 assistant coach di Menetti. Avrà a disposizione un roster che conferma la matrice italica. Confermato il 5+5 che in avvio era addirittura monco. nell’attesa di capire l’impatto di Riccardo Cervi da centro titolare.

L’arrivo del centro nigeriano Chinemelu Elonu, lo scorso anno vincitore di Coppa di Grecia e Champions League con l’Aek Atene, ha ripristinato il numero degli stranieri portando sotto le plance una coppia di centri differenti ma entrambi di stazza. L’ex centro della Sidigas Avellino è uno dei quattro confermati. Gli altri sono il play-guardia Leonardo Candi, l’ala Nicolò De Vico e soprattutto il play spagnolo Pedro Llompart. Arrivato in corsa nella passata travagliata stagione, ha convinto tutti. Il suo tiro da tre, ma soprattutto le sue caratteristiche di playmaking, ne fanno uno degli ultimi esponenti di una specie in via di estinzione. Di ritorno dal successo in serie A2 con Trieste è il gioiellino di casa Federico Mussini. Il ventiduenne play reggiano è atteso da una stagione importante per coltivare ambizioni di carriera di altissimo profilo, ma a causa di una lesione muscolare all'adduttore destro, riportata in occasione dell'amichevole contro Piacenza. dovrà restare a riposo assoluto per tre settimane. Si conta di poterlo schierare per l'esordio stagionale del 7 ottobre. Il folto pacchetto degli italiani è completato da Raphael Gaspardo ala di 207 centimetri, reduce da due stagioni a Cremona ed una a Pistoia. Sarà lui il cambio di Eric Griffin. Per l’americano si tratta di un ritorno in Italia dopo l’esperienza in serie A2 a Jesi nel 2012-13 dove ha iniziato la propria carriera professionistica. Il ventottenne di Orlando ha alternato stagioni in G-League ad esperienze in Porto Rico e Venezuela, prima di trovare in Israele il suo ambiente ideale: lo scorso anno per lui 11 punti e 4,7 rimbalzi di media in 24’ con l’Hapoel Eilat.

Il confermato direttore sportivo Alessandro Frosini punta moltissimo sulla coppia di esterni americani. La guardia venticinquenne Spencer Butterfield si candida ad essere uno dei migliori “triplisti” del campionato. Giocatore di grande intelligenza arriva dall’Alba Berlino (12,4 punti, 3.4 rimbalzi ed il 45% dalla linea dei 3 punti). Nel suo palmares una Fiba Europe Cup e una Coppa di Francia, entrambe vinte con la maglia del Nanterre nel 2016-17. Lo spot di ala piccola sarà ricoperto da Ricardo Ledo. Si tratta di un autentico jolly in grado di ricoprire tre ruoli. La sua carriera da “pro” lo ha visto vestire per 16 volte la maglia di Dallas e per 12 (con 7,4 punti di media) quella di New York. Dal 2015 in poi, ha alternato esperienze europee e G-League, indossando la canotta del Yesilgiresun Belediye in Turchia (21.1 punti e 6.2 rimbalzi a partita) e del Baskonia Vitoria in Spagna (9.4 punti e 2.4 rimbalzi). Nell’ultima stagione ha giocato 19 gare tra campionato ed Eurolega con l’Efes Pilsen Istanbul, viaggiando a 9.2 punti, 4.2 rimbalzi e 1,9 assist di media.

Grissin Bon Reggio Emilia: (in maiuscolo i nuovi acquisti): format 5+5, 4 su 7 “visti” per giocatori extra UE, 10 tesseramenti sui 18 possibili. Quintetto:  Llompart (Spa), BUTTERFIELD (Usa), LEDO (Usa), GRIFFIN (Usa), Cervi. Panchina: MUSSINI, Candi, De Vico, GASPARDO, ELONU, Vigori. Coach: CAGNARDI.