I Celtics del futuro, tra Isaiah Thomas e un organico da rinforzare

 di Emanuele Grignolio  articolo letto 620 volte
Quale futuro per Thomas?
Quale futuro per Thomas?

Nessuno sicuramente ad inizio anno, neanche i più grandi fan della franchigia, si sarebbero potuti aspettare di arrivare a giocarsi una finale di Conference contro LeBron James e compagnia, però così invece è stato per i Boston Celtics di Isaiah Thomas.

Probabilmente è stato proprio il suo infortunio, patito nel corso di Gara-2 della serie contro i Cavs, a “spareggiare” un po' la sfida tra le due formazioni.

Nonostante l'eliminazione però ora c'è da pensare al mercato, per iniziare a plasmare la squadra che andrà in campo la prossima stagione.

La prima opzione sicuramente in cima alla lista delle cose da fare del GM Danny Ainge sarà quella di rifirmare la stella della squadra, ovvero Isaiah Thomas. Il folletto in maglia Celtics ha dimostrato tutto il suo talento in questa stagione appena terminata e ora, ovviamente, avrebbe la possibilità di “monetizzare” la grande annata avuta. Però, da grande persona qual'è, ha già rilasciato dichiarazioni sul fatto che non tenterà la free agency in estate a patto che i Celtics riescano a rinforzare l'organico.

Grazie alla stagione appena avuta, ovviamente Thomas è ora in grado di poter chiedere rinforzi alla dirigenza, come fanno la maggior parte delle stelle NBA.

Al momento il suo contratto vede un misero 6,3 milioni di dollari come guadagno per la prossima annata, contro i 7 che invece prenderà la prima scelta al prossimo Draft, tanto per capirci.

Quindi ora la preoccupazione principale dell'estate bianco-verde sarà quella di rinforzare l'organico per puntare ancora di più al titolo l'anno prossimo, il tutto mantenendo a capo della ciurma il proprio magico folletto Isaiah Thomas.