«Giornata Internazionale delle persone con disabilità» a Torino, con una partita «particolare»

03.12.2015 17:04 di Alessandro Luigi Maggi  articolo letto 610 volte
Fonte: dal nostro inviato Pietro Battaglia
«Giornata Internazionale delle persone con disabilità» a Torino, con una partita «particolare»

3 dicembre. Su Torino splende il sole come da molti giorni a questa parte. Aggirandosi per il Rarco Ruffini si vede solo qualche raro passante e qualche foglia secca, in quello che può essere il “silenzio” di una città metropolitana. All’interno del palazzo dello sport, però, è in scena una vera festa. 2000/2500 bambini sventolano ognuno un foulard arancione, gridano e cantano. A bordo campo Andre Dawkins e DJ White sorridono e scherzano con giovani tifosi. Che succede? Si chiederà qualcuno. L’Auxilium ha forse vinto? Il che a qualcuno potrà sembrare strano. Ha addirittura vinto in casa? Niente di tutto questo, almeno per oggi.

Infatti, si celebra la “Giornata Internazionale delle persone con disabilità”. Per l’occasione sul parquet del palasport del parco Ruffini scendono diverse società sportive e associazioni che permettono a ragazzi con difficoltà motorie o problemi fisici di praticare uno sport. Così queste società hanno la possibilità di mostrare un pezzetto delle loro realtà. A godersi lo spettacolo almeno un paio di migliaia di bambini e ragazzi arrivati da scuole elementari di Torino e dintorni.

Ed eccoci al momento della pallacanestro con la squadra della HB Uicep Torino, che milita nel campionato di serie B per ragazzi costretti alla sedia a rotelle. A sfidare cinque rappresentanti della formazione dell’HB Uicep sono atleti dell’Auxilium Cus Torino, tre della prima squadra, due della serie B. I gialloblu Andre Dawkins, DJ White, Sirakov, Panzieri e Orsini sono muniti di wheelchair come i loro avversari. Inizia una breve partita che vede i ragazzi dell’HB scorrazzare agilmente a tutto campo mentre gli avversari non riescono a muoversi sulla sedia a rotelle risultando lenti ed impacciati. Ne esce però un incontro divertente col folto pubblico sugli spalti ad acclamare ogni canestro con un boato. Dawkins assoluto protagonista a rispondere da ogni posizione ai punti segnati dall’HB. 6-6 a metà partita. I più pratici della sedia a rotelle “ospiti” non infieriscono sui rappresentanti dell’Auxilium e l’incontro si chiude sul 12-8 con il successo dell’HB.

Alla fine foto e sorrisi per tutti. Ed anche se l’Auxilium questa volta non è uscita vincitrice, sulle tribune e in campo è grande festa, dopo una bella dimostrazione di come lo sport possa unire tutti e regalare sempre grande gioia ed emozione.