NBA - Steph Curry ha ancora gara 7 a ingombrargli la mente

21.09.2016 15:00 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 187 volte
NBA - Steph Curry ha ancora gara 7 a ingombrargli la mente

Passano i mesi, vola l'estate della pazza free agency, ma la testa di Stephen Curry sembra rimasta a quella gara 7 dello scorso giugno. Dobbiamo ripeterci, perché già lo avevamo raccontato (qui), ma il leader dei Warriors si è ripetuto nell'ultima intervista concessa a USA Today nella paersona di Sam Amick: "Gara-7: è qualcosa che rimarrà con me per tutta la vita. Ho provato sensazioni orribili dopo quella sconfitta, che ora cerco di utilizzare come motivazioni per tornare in campo più forte di prima. Non voglio più rivivere momenti del genere, e per farlo non mi resta che utilizzare quel terribile incubo e tutti quei pensieri intorno a gara-7 come propellente per prepararmi alla prossima stagione. Quell'ultima partita in casa è stata qualcosa di surreale: ancora ci chiediamo cosa sia successo, perchè eravamo davvero fiduciosi di potercela fare. Durante l'estate ho trascorso brutti momenti, come era naturale che fosse, ma sono in qualche modo riuscito a isolarmi, andando in vacanza con la mia famiglia alle Hawaii e incontrando tanti ragazzi giovani in un paio di camp in giro per il mondo. Ho cercato di non deprimermi troppo, di rimanere comunque vicino alla pallacanestro, insomma mi sono sforzato di capire che noi giochiamo per arrivare alle Finals e vincerle, sperando di avere un'altra occasione il prossimo anno. Durante la scorsa stagione siamo stati considerati come i più grandi di tutti, la squadra intoccabile, che non poteva perdere. Ma non era quella la nostra percezione. Sapevamo che avremmo potuto vincere ogni partita contro qualsiasi avversario, ma di certo non ci ritenevamo imbattibili: nessuno di noi ha mai pensato che bastasse entrare in campo per vincere".