NBA - Evan Turner, il fattore X che manda in finale Portland

13.05.2019 10:53 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Evan Turner, il fattore X che manda in finale Portland

In 11 partite di playoff prima di questa gara 7 contro i Nuggets, l'esperto Evan Turner aveva segnato 7 punti in 139 minuti. Ieri sera ha raddoppiato, segnandone 14 in 19 minuti in vittoria strappata con i denti dai Blazers specie dopo l'uscita per infortunio di Rodney Hood. Un fattore X meno sorprendente di quanto si potesse pensare in questo genere d'evento che pochi avevano vissuto in campo in passato a parte lui.

"Sono sempre pronto", ha spiegato in conferenza stampa post-gara. "Ho dimostrato di poter difendere un giocatore più grande, ho tirato quando dovevo, ha funzionato. Sono stato un leader per così tanto tempo, ho già vissuto questi momenti durante la mia carriera, con questa pressione."

Turner si è dimostrato un terminale affidabile per i due Blazers detentori della palla, Damian Lillard e CJ McCollum, tanto più prezioso perché dotato di freddezza necessaria per assicurare i tiri liberi in caso di fallo: ha messo 8/9, compreso un 6/7 nell'ultimo quarto di cui due a 8 secondi dalla fine per prendere quattro punti di vantaggio.

"Ha giocato tutto il quarto periodo in gara 6, e lo stesso stasera. È stato fantastico, è un giocatore per i grandi momenti della gara", ha detto il suo allenatore Terry Stotts. "Ha molta fiducia, è un ragazzo che pensa alla squadra, fa tutto ciò che ci si aspetta da lui. "