Taylor vuole Reggio ma non a qualsiasi costo

10.06.2012 11:09 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Fonte: Il Resto del Carlino
Donell Taulor
Donell Taulor

TUTTO VERO. Donell Taylor ha rifiutato la nuova, e generosa, proposta di rinnovo di contratto formulatagli dalla dirigenza della Pallacanestro Reggiana. Eppure, a sentire il suo entourage e le dichiarazioni che il giocatore stesso avrebbe fatto, in via ufficiosa, ad amici reggiani, l’esterno americano (nella foto) avrebbe tutte le intenzioni di tornare a vestire la casacca biancorossa. La Trenkwalder però, secondo chi cura gli interessi di Taylor non avrebbe fatto abbastanza per convincerlo a restare.Questo sarebbe l’ostacolo maggiore ad avviso del suo procuratore americano Derrick Powell, dell’agenzia Excel Sports Management di New York. Che abbiamo raggiunto negli Usa.

 

Powell, è giunta al termine l’avventura tra la Trenkwalder e Donell Taylor?
“Non mi risulta. Perché sostiene questo?”.

 

Nei giorni scorsi il direttore sportivo biancorosso, Alessandro Frosini, ha dichiarato al nostro giornale che Taylor ha detto no all’ipotesi di nuovo accordo che Reggio gli ha presentato, e che in ragione di questo, allo stato attuale, il suo assistito non è più una priorità per la Pallacanestro Reggiana…
“Vediamo di intenderci. Donell non ha accettato quest’ultima proposta di contratto, è vero. Ma la sua prima scelta, la squadra in cui lui vorrebbe giocare l’anno prossimo è Reggio Emilia”.

 

C’è qualcosa che non quadra allora. Perché quello che gli ha offerto la Trenkwalder, a quanto se ne sa, è un ottimo contratto.
“Ci sono elementi validi. Però, a nostro giudizio, non è stato sufficientemente riconosciuto il valore del ragazzo. Che ha dato una mano importantissima ai successi raggiunti dalla squadra reggiana e ha disputato un ottimo campionato. Taylor si è trovato benissimo da voi, vorrebbe cimentarsi con la serie A italiana con la squadra che ha vinto il campionato di Legadue, ma non a qualsiasi costo”.

 

Par di capire che Taylor sia pieno di offerte.
“Come tutti i buoni giocatori ha ricevuto diverse proposte, in tanti Paesi”.

 

Israele in prima fila, giusto?
“Qualcuno lì si è fatto avanti in modo concreto, ma ci sono anche altre realtà. Ribadisco però che il giocatore vorrebbe tornare a Reggio Emilia. Per lui è la Trenkwalder è ancora la priorità”.

 

Continua a sfuggirci allora quale è il problema.
“Riteniamo che andrebbe dato più valore a quello che il ragazzo ha fatto la scorsa stagione, tutto qui”.

 

Significa un ingaggio ancora più alto di quello propostogli?
“Non la metterei in questi termini in modo secco. Sto parlando di dare il giusto riconoscimento alle sue prestazioni”.

 

Quindi, a suo giudizio, cosa dovrebbe fare la dirigenza della Pallacanestro Reggiana?
“A questo punto non lo so. Noi con loro siamo stati molto chiari. Credo che basterebbe un piccolo segnale in più”.

 

Gabriele Gallo