L’Olimpia vola via: semifinale con Cremona

19.02.2016 22:39 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 640 volte
L’Olimpia vola via: semifinale con Cremona
L’Olimpia aspetta che Venezia rientri a meno tre nel secondo tempo prima di schiacciare a fondo sull’acceleratore e volare via nel quarto di finale di Coppa Italia che la opponeva alla Reyer Venezia. Con una grande prova collettiva e tanta energia difensiva, limitando la pause ha ruotato tutti i 12 giocatori e vinto 88-59. Coach Repesa a causa della logica del “turnover” con nove stranieri in roster sacrifica Stanko Barac tra i lunghi e Mantas Kalnietis tra i piccoli. Oliver Lafayette è l’uomo della spallata risolutiva nel terzo periodo, Charles Jenkins ha giocato una grande partita difensiva. Unica nota negativa è l’infortunio che ha messo fuori gioco Bruno Cerella (sospetta distorsione del ginocchio destro), che non giocherà la semifinale con Cremona, in programa sabato 20 alle 20.45 al Mediolanum Forum. L’altra semifinale oppone Avellino a Cremona: quest’ultima ha battuto Sassari dopo un supplementare chiudendo un miniciclo di due anni. IL PRIMO TEMPO - L’Olimpia chiude l’area dei tre secondi e schizza in testa per i cinque punti consecutivi di Milan Macvan e la presenza a rimbalzo di Esteban Batista. Scava subito cinque punti di vantaggio sull’11-6, poi si ferma un attimo. La Reyer rientra a meno tre sul 13-10, ma dura poco perché arrivano una tripla di Sanders e una palla rubata di Cerella con contropiede incluso valgono un parziale di 5-0 che chiude il primo periodo sul 18-10. Il vantaggio sale a 11 punti nel secondo quarto su due canestri di energia consecutivi di Jamel McLean e poi a 13 su una tripla di Simon. Ma la Reyer risponde con un 5-0 generato da una tripla di Goss e una schiacciata in transizione di Owens. Il saltatore di Venezia segna tre volte di fila. Venezia torna a meno sette sul 32-25 prima che Jenkins in contropiede mandi a canestro McLean su un facile appoggio che forza il time-out di Coach De Raffaele. Al rientro, Jackson segna da tre in due possessi consecutivi accorciando di nuovo le distanze, prima che Simon con un tear-drop in entrata firmi il 38-31. IL SECONDO TEMPO - Owens riparte da dove aveva finito. Sono i suoi canestri dentro l’area a permettere a Venezia di ritornare a meno tre sul 38-35. Il parziale è interrotto prima da due liberi di McLean poi da una sequenza spettacolare di Cinciarini: tripla, contropiede, fallo subito, 2/2 dalla lunetta. Simon subito dopo chiedendo il supporto del tabellone in entrata scava il nuovo più 10 sul 47-37. Il vantaggio cresce a quota 14 con due liberi di Sanders, Venezia prova a riprendersi con una tripla di Savovic. Ma qui Coach Repesa attinge alla panchina e trova un jump dall’angolo di Lafayette, una rubata con schiacciata di Simon, due liberi di Lafayette, ancora due liberi di Simon e una tripla in transizione di Lafayette. Improvvisamente il vantaggio si dilata a quota 22, 66-44 alla fine del terzo periodo. Nel quarto periodo il vantaggio cresce ancora.