LIVE - Landry show nel finale e la Germani festeggia la salvezza

02.04.2017 20:12 di Lorenzo Belli  articolo letto 1071 volte
LIVE - Landry show nel finale e la Germani festeggia la salvezza

Un Landry nervoso e con le polveri bagnate si sveglia nelle schermaglie finali ne mette 15 (11 consecutivi) e guida la Germani ad una rimonta che ha il sapore della salvezza assicurata (domenica a Cremona basterà contenere lo scarto dopo la ampia vittoria casalinga nel girone di andata). Gara brutta, sporca e densa di errori dove la Pasta Reggia comanda per gran parte della gara grazie ad un ispirato Berisha (21 con 5/8 dai 6,75) ed a Cinciarini (15) ma si smarrisce nel finale dove Landry (22 e 7 rimbalzi) deflagra e completa l'opera tenuta in piedi sin li da un solido Moss (14), il solito gladiatorio Burns (10) e il genio di Vitali (8 assist e 5 rimbalzi con un eloquente +14 di minus) 

 

LA CRONACA LIVE:

Il pensiero che accomuna Brescia e Caserta sicuramente recita qualcosa tipo "finalmente è terminato Marzo", mese oltremodo negativo per ambedue che le ha viste uscire dal novero delle squadre in corsa per un posto play off ed ora cercano quella vittoria necessaria per ricreare entusiasmo, garantire in maniera pressoché certa la salvezza in modo da poter affrontare la primavera con la necessaria serenità. Sicuri assenti Michele Vitali, tra l'altro ex di turno, e Bostic non mancano gli acciacchi da ambo le parti ma almeno il nome a referto viene iscritto, poi decideranno i coach come gestire le varie situazioni; proprio sulle panchine c'è una sfida particolare dato che proprio Sandro Dell'Agnello - che guidò la Leonessa alla promozione in A2 nel 2011 - portò all'ombra del Cidneo l'attuale allenatore della Germani Andrea Diana come suo vice.

Quintetto bresciano composto da Vitali, Moore, Moss, Landry e Berggren, la replica campani Giuri, Putney, Gaddefors, Diawara e Watt

Parte forte la Pasta Reggia con Diawara e Putney a segno nei primi 40", poi bisogna attendere ben 3' prima di vedere altri punti a referto e sono griffati da Gaddefors per il 0-7 campano. La Germani non segna, un fallo antisportivo di Berggren suggerisce a Diana che è meglio fermare il gioco dopo l'inizio traumatico del match e ci pensa Moss a suonare la carica (6-10); Gaddefors ristabilisce le distanze per i suoi e Giuri da oltre dai 6,75 sigla il 6-15 con cui va' in archivio il primo periodo. Al 10' Brescia ha collezionato tante palle perse quanti punti a referto (6)

Cinciarini e Berisha dilatano il disavanzo in avvio di seconda frazione (10-22) obbligando uno sconsolato Diana a chiamare un nuovo minuto di sospensione; arriva immediatamente una fiammata da parte di Landry e Moore e la Leonessa riprende fiato dimezzando il ritardo in due sole azioni (15-22). Watt prova a prendere il comando del pitturato, Moss e Landry però proseguono con l'opera di rimonta locale (23-26), due liberi di Cinciarini mandano le squadre negli spogliatoi dopo un non entusiasmante (eufemismo) primo tempo di gara sul risultato di 23-28.

Landry con 7 punti e 5 rimbalzi è il leader statistico dei padroni di casa, Moss (6) lo segue a ruota. Cinciarini con 8 punti è stato il grande protagonista del secondo quarto ed è il top scorer sinora

Polveri bagnate ad inizio parziale, spetta a Moss dalla lunetta a spezzare l'empasse poi è Berisha a colpire due volte dall'arco e tenere avanti gli ospiti mentre sul campo si accendono gli animi (30-34); la Germani prosegue la sua serata nerissima al tiro pesante (2/13 al momento) e la Pasta Reggia con le unghie e con i denti rimane avanti (35-37) quando Dell'Agnello chiama time out. Bushati su un illuminante passaggio di Vitali impatta a quota 37, Cinciarini e Burns per un botta e risposta dai 6,75 quindi l'italo americano di Brescia commette la sua quarta penalità e deve sedersi in panchina; due liberi di Berisha e Berggren poi una schiacciata a fil di sirena di Johnson e al 30' è 42-44

Landry e Berggren per il primo vantaggio bresciano (46-44), Berisha da oltre l'arco riporta immediatamente l'inerzia alla Pasta Reggia (46-49) e Diana ferma il gioco; Burns ritorna e subito mette tre punti di importanza capitale mentre anche Vitali raggiunge i quattro falli personali (49-51 -5'16"), subito dopo ecco il quinto di Burns che chiude la sua personale gara con 10 punti in 15' di impiego. A piccoli passi solo dalla lunetta Caserta prova a scappare (49-56 -4'10"), Landry e Moore provano la rimonta ma l'ennesima di Berisha ferisce la Leonessa (53-59 -3')

Landry trova la tripla che rimanda i titoli di coda (56-59), la Germani difende bene obbligando alla infrazione dei 24" e Landry rimette in scia Brescia (58-59 -1'42"); due liberi di Cinciarini (58-61 -84"), indomito Landry (60-61 -1'14"), Cinciarini sbaglia tutto e Landry dalla lunetta è bravo a metà (61-61 -49"). Berisha sbaglia dai 6,75 un irreale Landry liberato dalla solita magata di Vitali non perdona (64-61 -7"), fallo di Bushati e arbitri all'istant replay per vedere il numero di liberi da assegnare. Sono 2 e sul cronometro rimangono 21 centesimi di secondo, Giuri segna il primo, sbaglia il secondo appositamente ma non c'è tempo per nulla: vince la Germani per 64-62 e chiude sostanzialmente il discorso salvezza per i bresciani che possono dare per centrato il loro obbiettivo stagionale.