LIVE: Il ciclone Brescia spazza via Pesaro, Luca Vitali da record

22.01.2017 19:48 di Lorenzo Belli  articolo letto 1485 volte
LIVE: Il ciclone Brescia spazza via Pesaro, Luca Vitali da record

Luca Vitali riscrive nuovamente la storia del nostro campionato alla voce assist smazzandone la bellezza di 19 nella trionfale cavalcata bresciana che annienta una - ad onore del vero - impresentabile Pesaro per 99-68. Gara praticamente mai in discussione con la Germani che mette assieme il break decisivo già nelle battute iniziali e alla fine manda in doppia cifra ben sei giocatori, Michele Vitali a quota 21 il top scorer, senza essere mai concretamente in difficoltà; la effimera doppia doppia di Jones (18 e 11 rimbalzi) non può di certo essere sufficente a Bucchi, la sua Consultinvest non ha mai lottato nei 40' del PalaGeorge.

 

LA CRONACA LIVE:

Primo turno del girone di ritorno che mette di fronte due compagini che hanno salutato l'andata con un preziosa, e determinante nel caso di Brescia, vittoria e quindi sono più che intenzionate a proseguire il buon momento nonostante la pausa dovuta ad un All Star Game "fantasma" che ha spezzato il ritmo. Al Pala George la Germani cercherà la terza gioia di questo 2017 che ha visto anche la sorprendente qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia, il momento è oltremodo positivo e le notizie di nuovi sponsor e del Pala Leonessa che dal 2018 dovrebbe (d'obbligo quando si parla di strutture sportive in Italia) riportare la squadra a giocare in città di certo contribuiscono a rendere il clima ancora più positivo, arma a doppio taglio quindi per coach Diana. Nelle fila marchigiane la fondamentale ed agonica la vittoria ottenuta a domicilio contro Capo d'Orlando permette ai ragazzi di Bucchi di tenersi ancora un passo davanti alla zona "rossa" della retrocessione, bissare il successo dell'andata (a Pesaro vinsero i locali per 76-63) sarebbe puro ossigeno nella corsa salvezza

I tifosi bresciani omaggiano Davide Bruttini in procinto di lasciare per trovare minuti probabilmente alla Virtus Bologna, poi è tempo di giocare: il quintetto iniziale è composto da Luca Vitali, Moore, Moss, Landry e Berggren mentre Pesaro parte con Harrow, Fields, Jasaitis, Jones e Nnoko

Apre le danze Berggren con una schiacciata che replica poco dopo per il 6-2 di marca bresciana, la reazione marchigiana passa da Jones e Nnoko ma una fiammata di Moore ed un giocata di Moss obbligano Bucchi al minuto di sospensione (15-9); Thornton entra e prova a dare linfa ai suoi ma Berggren e Landry sono implacabili e la Germani vola (23-12), le schermaglie di fine frazione non variano l'inerzia totalmente a favore dei locali che al 10' di gioco dominano: 31-17.

Prima azione e Burns strappa, letteralmente, dalle mani la sfera a Jasaitis e offre a Bushati la tripla che "doppia" gli ospiti e fotografa perfettamente la differenza di intensità sul parquet, Thornton prova a tenere in gioco la Consultinvest con l'aiuto di Gazzotti e Ceron (37-25) quindi è la volta di Diana a parlarci sopra nonostante il rassicurante vantaggio. Un paio di difese fatte bene per mandare in crisi il rivedibile attacco ospite e Michele Vitali con Moss griffano il massimo vantaggio (43-25), Pesaro cerca da Jones per contenere ma la difesa non è pervenuta: comoda tripla di Moss e si entra negli spogliatoi sul 53-33.

Il 69 a 28 nella valutazione complessiva esplica benissimo il diverso impatto sul campo, Landry già a 12 punti con Moss a ruota (9) mentre per i marchigiani i più positivi sono Thornton e Jones a quota 8. Clamorosi anche i numeri di "contorno" con un 23-12 a rimbalzo ed un 16-6 negli assist dove Luca Vitali ha nel mirino il proprio record essendo già a quota 11.

Polveri bagnate nei primi secondi del terzo parziale poi Luca Vitali, Moore ed un fallo tecnico a un nervosissimo Bucchi mettono assieme il +26 (59-33); difese più soft e tassametro che corre veloce con una Pesaro senza alcuna mentalità difensiva e Moore si diverte da oltre l'arco e Landry dalla lunetta ritocca il massimo divario (69-40), Bucchi chiama time out per sfogare la sua rabbia. La Germani non sembra affatto intenzionata ad allentare la presa e Moss di classe ne mette 30 di distanza (74-44) prima della zampata di Jones che manda in archivio il terzo quarto sul 74-46.

Burns e Bushati hanno ancora fame e umiliano le statuine della Consultinvest con Bucchi oltremodo furibondo (82-46) che ferma il gioco, Luca Vitali regala assist a Burns e Berggren per ritoccare il suo stesso record - 19 al momento della sostituzione - mentre il garbage time scorre tra il divertimento del pubblico locale e la disperazione dei tifosi ospiti. Ceron e Jones scacciano il rischio del "quarantello" mentre anche i giovanissimi Bolis e Nyonse calcano i legni del PalaGeorge, risultato finale 99-68