LIVE: Brescia una ripresa da grande e Cremona crolla a picco

11.12.2016 20:04 di Lorenzo Belli  articolo letto 1714 volte
Marcus Landry
Marcus Landry

Luca Vitali aveva speso parole d'amore per l'ex Cremona, però evidentemente la gara la sentiva e i 12 punti accompagnati ai 18 assist lo ergono assoluto protagonista - e nuovo recordman per assist in A - di una gara in cui Brescia ha letteralmente spazzato via una inerme Vanoli che ha retto faticosamente per 25' e poi ha rovinosamente ceduto il passo; Landry sempre più top scorer della LBA (24 a cui aggiunge 12 rimbalzi), Michele Vitali ispirato pure lui quasi quanto il fratello (17 e 6 rimbalzi) ed altri 3 giocatori in doppia cifra: 13 Bushati, 12 per Moss e Burns. Il nulla o quasi da parte ospite, Harris (14) l'unico a meritarsi una sufficienza politica 

LA CRONACA LIVE:

Sfida inedita e quantomai importante in termini di classifica quella che vede opposte al PalaGeorge la Germani Brescia e la Vanoli Cremona, uno dei numerosi derby lombardi di questa stagione con il retrogusto di scontro salvezza. La realtà parla di una Leonessa in un trend positivo: tre vittorie, tra cui quella prestigiosa su Reggio Emilia, prima di uno stop in volata patito a Caserta; ben diversa la situazione dei ragazzi di Pancotto ancorati al fondo della graduatoria con già due cambi nel roster (via York e Thomas dentro Carlino e Harris) e reduci dal sanguinoso ko casalingo con Pesaro, presto per citare la famosa “ultima spiaggia” ma senza dubbio serve una sterzata per uscire dal momento buio. Occhi puntati chiaramente sul grande ex di serata Luca Vitali e sul cannoniere del campionato Landry, nelle fila degli ospiti un occhio di riguardo per l'inserimento dei nuovi arrivi e al duo Holloway – Turner. In panchina sfida tra il coach con meno panchine nella massima serie, Andrea Diana, e il decano della nostra pallacanestro Cesare Pancotto

Quintetto locale composto da Vitali, Moore, Moss, Landry e Burns mentre la replica ospite è affidata a Holloway, Turner, Harris, Thomas e Biligha

La gara parte con un illuminante assist di Vitali per Berggren, Cremona con Harris ed Holloway entra nella contesa (2-5) contribuendo ad un avvio ad alti ritmi in cui trovano vita facile anche Turner per una Vanoli che guida quando si arriva al giro di boa della prima frazione (9-12); Vitali e Berggren impattano, Moss sorpassa e Pancotto chiama minuto (17-15). Schermaglie di fine parziale che confermano l'equilibrio sul parquet: a Landry e Burns risponde Carlino dai 6,75 e al 10' il tabellone recita 21-20

Gaspardo con 5 punti in serie riporta avanti la compagine ospite e costringe Diana al time out (22-25), triple di Michele Vitali e Bushati che riaccendono il catino del PalaGeorge ma Amato - sempre da oltre l'arco - spegne immediatamente l'entusiasmo. Sorpassi e controsorpassi in un match magari non bello tecnicamente ma intenso e combattuto, una rubata con schiacciata di Michele Vitali vale il 33-30 e il minuto di pausa cremonese; i ragazzi di Pancotto faticano a trovare il canestro fallendo anche comodi tiri aperti e solo la presenza di Biligha permette di naufragare sotto i colpi di Moss (41-34). La Vanoli si aggrappa alla voglia di Harris, la Germani cavalca la buona vena di Michele Vitali ma ancora Harris sulla sirena griffa il 46-41 con cui si entra negli spogliatoi.

Protagonisti assoluti di serata i fratelli Vitali, 12 punti per Michele mentre Luca è a quota 9 con altrettanti assist; Harris a 9 è il top scorer ospite

Holloway rilancia le ambizioni di Cremona al ritorno sul parquet contro una Leonessa che si affida ad una forzatura di Landry per ritrovare la via del canestro (51-45). Assist Vitali, schiaccia Landry, la vedrete negli highlights a quota molto alta (55-46) con la Vanoli che sembra sbandare mentre i decibel di Montichiari spingono i ragazzi di Diana verso un break importante; Amato e Carlino danno energie agli ospiti, Moss e Landry ristabiliscono le distanze (62-53) quando si entra nel minuto finale del parziale. Nel giro di lancette bisogna segnalare solo il canestro di Burns a fil di sirena per il massimo vantaggio locale sul 64-53

Bushati dai 6,75 fa esplodere di gioia le tribune, Cremona perde palla e Biligha commette un antisportivo e dopo 29" di periodo un imbufalito Pancotto chiama minuto. Un libero per Vitali e tripla di Burns (71-53) per una Germani che sembra padrona assoluta della gara; un fiume in piena la Leonessa che travolge una demotivata Cremona che subisce passivamente i canestri di Burns e Landry per un  eloquente +30 (85-55). Finale di puro "garbage time" con Landry a fatturare punti utili al titolo di cannoniere e spiccioli pure per l'under Bolis, il risultato finale è di 95-66 per la Germani che ora guarda si alla salvezza ma tiene un occhio di riguardo alla possibilità di accedere alle final eight di coppa Italia