Lega A - Virtus Bologna, Ramagli "Siamo spremuti, ho poco da rimproverare ai miei"

12.03.2018 09:15 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 326 volte
Fonte: bolognabasket.it
Lega A - Virtus Bologna, Ramagli "Siamo spremuti, ho poco da rimproverare ai miei"

Sala stampa al PalaDozza per Alessandro Ramagli. Il tecnico della Segafredo Bologna commenta così la gara contro l'Olimpia Milano: "Abbiamo iniziato cercando di capire come stare in campo a livello di energia ma loro sono un treno in corsa in questo momento e già tenerli a 73 punti significa che abbiamo tirato fuori tutto quello che avevamo dentro, ruotando tutti i quintetti possibili, ma loro sanno schiacciarti a rimbalzo offensivo, di puliti ne prendi pochi perchè i loro lunghi li contestano e ne prendono tantissimi, sia in Italia che in Europa. Non abbiamo iniziato bene e non ci succede spesso ma non avevamo il passo fisico, quando l’abbiamo trovato l’abbiamo rimessa in piedi.

Abbiamo vinto gli ultimi due quarti e quasi pareggiato il secondo. Stiamo spremendo un po’ tutti e abbiamo giocatori appena rientrati da infortuni quindi ho poco da rimproverare ai miei. Quando contava Milano ha messo canestri di qualità o preso rimbalzi importanti, bravi loro,noi forse potevamo riaprirla un po’ di piu con qualche canestro ma la condizione fisica era molto sbilanciata in favore di Milano. Si è visto Pietro partire un po’ in affanno dopo questa prima settimana piena di allenamenti mentre Ale si è allenato solo giovedi. Abbiamo provato a usare soluzioni diverse come l’uso dei lunghi in modo atipico, perchè non potevamo giocarcela spalle a canestro. Qualcosa abbiamo racciomolato anche senza riuscire a chiudere del tutto il gap quindi penso che abbiamo fatto una buona prova,contro una squadra cosi in cui sono tanti e grossi e ruotano bene sono in pochi a poter fare meglio.

C’e stato grande orgoglio dal mio punto di vista. Di sicuro abbiamo sbagliato alcuni tiri che in termine di percentuale di errore non ci appartengono, ma ho visto sempre la voglia “di starci”, fino sla fine. Come detto solo l’inizio difficile e poco competitivo non è una cosa che solitamente ci appartiene. Ci sono due cose che mi farebbero sempre vincere di 20: vederla da fuori e arbitrare. Se avete visto milano anche jn eurolega sapete che squadra è questa e che differenza c’e fra essere competitivi a certi livelli e provare ad esserlo. Loro dopo la Coppa Italia hanno capito che devono combattere dal primo secondo pur con questo organico e qualita. E stasera sono stati costanti, duri. Sempre. Rammarico, ma rendiamo merito a chi questa partita l’ha controllata da squadra di rango.
Sul nuovo campo posso dire che i ragazzi hanno avuto buone sensazioni in termini di elasticità e comfort: per noi è un oggetto di lavoro e cosi siamo più tranquilli e ci sentiamo più sicuri dal punto di vista degli infortuni. Facciamo un plauso a chi questo l’ha capito e l’ha messo in pratica."