Lega A - Varese, il pagellone: l'eleganza di Maynor e la ferocia di Johnson

30.04.2017 22:17 di Alessandro Palermo  articolo letto 1590 volte
Lega A - Varese, il pagellone: l'eleganza di Maynor e la ferocia di Johnson

Varese batte Cremona, condannando la Vanoli alla retrocessione in A2. 78 a 75 il finale di Masnago, di seguito le pagelle dei padroni di casa:

​(Clicca QUI per leggere anche la cronaca)

Johnson, voto 7
Sbaglia il mondo (7/20 dal campo) ma in difesa è feroce come una pantera. Poi vai a vedere e ne segna comunque 18, dimostrando di essere stato fondamentale sia in marcatura che nella metà campo offensiva. Per lui anche 4 rimbalzi, 4 assist e 3 palle recuperate, figlie proprio di un'intenistà notevole. Peccato non ingrani con il tiro da tre (2/9), per una volta non è sembrato uno specialista.

Anosike, voto 6.5
Sfiora la doppia doppia con 10 punti a referto e 9 rimbalzi, subisce 6 falli e chiude con 19 di valutazione. Sa essere pericoloso anche in una delle sue serate meno splendenti, Cremona lo soffre ma a tratti riesce a limitarlo molto bene. Un po' impreciso sotto canestro, come dimostrano i due (clamorosi) errori consecutivi nel primo tempo.

Maynor, voto 7
Un direttore d'orchestra, elegante ed efficace nel dirigere la manovra offensiva della propria squadra, come forse nessuno è in grado di fare in Serie A. Prestazione notevole, l'ennesima. Rispetto alla prima metà di stagione sembra tutto un altro giocatore. MVP del match con 16 punti e 7 assist, uno più delizioso dell'altro. Le 6 palle perse sono tantissime, così come i tiri sbagliati (ben 11 su 16) ma per una volta facciamo finta di nulla, anche perché non incidano sul risultato. Non a caso chiude con il minus più alto (+10). In passato lo abbiamo criticato aspramente, oggi merita applausi.

Avramovic, voto 6
Torna a giocare tanti minuti come nell'era Moretti, dimostra di avere fame e voglia. Chiamato a dare qualche segnale positivo, in vista della prossima stagione, rischia di esagerare per la troppa foga: il suo fallo su Johnson-Odom, tralasciando la colossale ingenuità, poteva costare carissimo a Varese. Merita comunque la sufficienza, ampiamente, per la grinta difensiva e per il suo solito coraggio con cui attacca il ferro.

Pelle, voto 6
Vede poco il campo (11') ma incanta comunque la platea con una stoppata e una schiacciata delle sue. Mezzo punto in meno per aver commesso troppo presto 3 falli.

Bulleri, s.v.
L'ultima a Masnago è una passerella di soli 7'. Voto 10 alla carriera sportiva, voto 10 alla professionalità, voto 10 al Bulleri uomo. Adesso speriamo solo ne nasca un altro così, possibilmente nel giro di pochi anni.

Kangur, voto 6
Fatica su entrambi i lati del campo, commettendo anche un fallo di frustrazione. Il parquet è comunque zuppo del suo sudore, l'impegno non è mancato.

Ferrero, voto 6
Partenza sprint: Ferrero 5-Cremona 0, questo il parziale dopo i primi 2' di gioco. Da nuovo capitano di Varese, non poteva presentarsi meglio. O forse sì, troppi 4 falli in 12'. Questo resta il suo difetto più grande, deve provare a migliorarlo.

Eyenga, voto 6.5
Fa tutto quello che nelle statistiche non compare, una prestazione preziosa. Segna 12 punti ma esce per 5 falli, forse se fosse stato meno nervoso avrebbe inciso anche di più. Il tecnico preso in avvio lo ha probabilmente condizionato mentalmente, soprattutto nel primo tempo, dove comunque ha continuato a difendere forte.

Coach Caja, voto 7
Vincere una gara senza significato non è mai semplice, ancor più complesso trasmettere qualche stimolo ai propri giocatori. "Artiglio" ci riesce e condanna alla Serie A2 la sua ex squadra.

Pagelle a cura di Alessandro Palermo,
Inviato a Masnago