Lega A - Reyer impalpabile, Varese vince con merito

21.01.2018 20:51 di Marco Garbin  articolo letto 1295 volte
Lega A - Reyer impalpabile, Varese vince con merito

Nella prima di ritorno (che coincide con la prima senza Orelik) la Reyer affronta Varese, fanalino di coda alla disperata ricerca di punti.
I padroni di casa, recuperato Jenkins, sondano le possibilita' di utilizzo di Peric, reduce dalla frattura al naso rimediata in Champions.
Fra gli ospiti si rivede il giovane serbo Avramovic mentre il partente Hollis non e' a seguito del gruppo.
Ma nella serata che poteva valere l'aggancio di Avellino al primo posto la Reyer si oppone in modo impalpabile ad una Varese con il coltello fra i denti: Cain sotto canestro e' inarrestabile, Tambone dall'arco e' micidiale e Vene contribuisce da par suo alla causa lombarda. Ne esce una vittoria meritatissima degli ospiti, che staccano gli orogranata in ogni singola sezione delle statistiche.
Per i veneziani molto su cui riflettere, soprattutto nell'approccio alla gara contro le cosi' dette piccole, aspetto che potrebbe condizionare anche il prossimo impegno in Champions di mercoledi' conto l'Olimpija Ljubljana.

La gara
Dopo il premio a Ress per le sue 600 gare in Serie A e il minuto di silenzio per la scomparsa dei tifosi orogranata Comelato, Ceresa e Corsetti si da il via alle danze.
I veneziani partono male e subiscono un 7:1 targato Pelle, Avramovic e Ferrero. Watt e Haynes scaldano la mano dall'arco e rimediano il pareggio in meno del previsto ma Varese, benche' ultima, gioca da prima della classe: Okoye dalla distanza e Wells firmano il +5 a meta' del primo tempo di gioco. Peric e' visibilmente disturbato dalla mashera protettiva, che lo porta all'errore di mira in piu' occasioni. Varese ringrazia e incrementa con Cain che sigla il massimo vantaggio ospite. La Reyer continua a realizzare dall'arco (Tonut e Bramos a 3' dal termine) e resta a galla mentre Cain prova ad affondarla smarcandosi continuamente sotto il ferro orogranata. Tambone con una manciata di secondi a disposizione piazza la tripla del +6 ma gli ultimi punti sono di Peric dalla lunetta che fissano il punteggio sul 17:21 con il quale si chiude il primo parziale.

Varese, ottimamente schierata, continua a far male con Cain. Nonostante la difesa asfissiante dei lombardi la Reyer riesce a trovare i primi 2 punti dall'area con Biligha, che va a realizzare un gioco da 2+1 al 3' di gioco del secondo parziale. L'ottavo punto di Tambone vale il +8 ospite, con l'asticella del massimo vantaggio che viene ritoccata ancora in su. Dopo il canestro sotto le plance di Okoye per il 22:30 De Raffaele spende il secondo time-out con l'obiettivo di risvegliare una squadra che sembra asfittica. Ne segue un break di 5:2 piuttosto confortante per la Reyer, meno per coach Caja che chiama a raccolta i suoi. Watt inizia a farsi notare spendendosi in attacco ed in difesa, ma il vero boato arriva con la tripla di Bolpin (giovane amatissimo dal pubblico orogranata) che permette ai suoi di rientrare a -2 e obbliga Caja ad un nuovo time-out. Mentre si entra negli ultimi 60" del secondo tempo Varese con Wells va ancora a segno e costringe i Campioni d'Italia ad imboccare il corridoio per gli spogliatoi sotto di 4, con il punteggio di 32:36 che campeggia, beffardamente per i 4300 del Taliercio, sul tabellone.

Si rientra in campo ed immediata arriva la tripla di Bramos che porta gli orogranata a -1, ma l'illusione del sorpasso dura un soffio, il tempo per l'estone Vene di centrare il bersaglio dall'arco. Lo stesso serve poi Cain, ancora impunemente smarcato sotto il canestro veneziano, per il +6 lombardo. La Reyer risponde con Watt, fra i pochi non imbarazzanti, ma Varese ha il tandem Vene-Cain vivo e attivo e schizza a +9. 37:46 il punteggio mentre ci si avicina a meta' del terzo parziale. Wells risponde a Haynes e De Nicolao, ma la tripla di Bramos da' il via ad un tentativo di rimonta che si sviluppa poi con De Nicolao e Cerella dalla lunetta: 47:50 sul tabellone con 2'17" del terzo parziale ancora a giocare. Tambone e Tonut si rispondono dall'arco e a 1' dal termine Biligha in sospensione realizza il canestro del -1, subito rintuzzato dal solito Cain sotto canestro. Il parziale si chiude cosi' sul 52:55.

L'ultimo parziale si apre con le squadre che faticano a trovare la via del canestro. Solo dopo 2' Tambone, al suo quattordicesimo punto, infila una tripla dalla sinistra che riporta i biancorossi sul +6. Okoye dalla lunetta allunga ma Bramos da posizione impossibile non manca di rispondergli. Gli orogranata col passare del tempo si spengono (non che si fossero realmente mai accesi in verita'), mentre Varese mantiene alta la guardia e allunga ancora con Avramovic e Tambone, che fanno +11 a 5' dal termine. I tentativi veneziani sono goffi e i biei canestri nel finale di Bramos e Tonut contano poco: con lo sconforto ben visibile nei volti dei giocatori della Reyer il match si chiude sul 63:75.

Umana Reyer Venezia vs OpenjobMetis Varese 63:75 (17:21) (15:15) (20:19) (11:20)

Le squadre
Venezia
Haynes 9, Peric 2, Johnson 3, Bramos 14, Tonut 8, De Nicolao 4, Jenkins 0, Bolpin 3, Ress 0, Biligha 9, Cerella 1, Watt 10

Varese
Avramovic 4, Pelle 2, Bergamaschi ne, Natali 0, Vene 6, Parravicini ne, Okoye 14, Tambone 17, Cain 17, Ferrero 3, Wells 12

Peric