Lega A: New Basket Brindisi: ultime su squadra, sponsor, abbonamenti e...palazzetto.

Le ultime novità in casa Brindisi tra dubbi e certezze.
23.08.2017 15:08 di Dario Recchia  articolo letto 1804 volte
Lega A: New Basket Brindisi: ultime su squadra, sponsor, abbonamenti e...palazzetto.

Anche la New Basket Brindisi ha completato il suo roster. L’arrivo del pivot haitiano Cade Lalanne è previsto per il fine settimana mentre l’ala Brian Randle sarà sottoposto, nelle prossime ore, a delle visite mediche particolari per verificare che non si siano postumi dell’infortunio occorso alla forte ala ex Maccabi  Tel Aviv nella primavera scorsa. Se per Randle ci dovesse essere l’ok del Dott. Palaia coach Dell’Agnello potrà disporre, tra qualche giorno , della squadra al completo per lavorare ed amalgamare al meglio tutti gli uomini a disposizione. Certo che avere i due lunghi titolari con almeno dieci giorni in meno di preparazione potrebbe essere un piccolo problema per l’inizio di stagione ma, è bene ricordarlo, meglio arrivare tardi e non come fece l’ex Gagic che arrivò puntuale ma con quasi 20 kg in più rispetto al proprio peso forma.
La squadra di quest’anno, oltre ai tre confermati Cardillo, Donzelli e Mesicek potrà disporre del play /guardia Anthony Barber, con le sue giocate pazze e velocità nelle mani, del brindisino  Marco Giuri, un gradito ritorno dopo tanti anni trascorsi lontano da Brindisi, del serbo Milenko Tepic, lo scorso anno a Capo D’Orlando , giocatore con tanto talento e che può vantare anche 118 presenze in Eurolega.  In questo gruppo ci sarà anche la presenza dell’ala americana Scott Suggs, già visto in Europa con lo Chalon in Francia prima e lo scorso anno in Spagna con il Manresa che dispone, tra le altre cose, di un tiro dall’arco molto efficace. Sarà il pivot nigeriano Obinna Oleka, il bach-up di Lalanne sotto le plance. Dotato di un buon fisico e di un ottimo atletismo, l’ex Arizona State University, dovrà garantire rimbalzi, energia e grinta. Il play guardia Georgi Sirakov, bulgaro di passaporto italiano, è l’ultimo contrattualizzato in casa New Basket Brindisi prima di vedere chi tra gli aggregati  Leonardi Marini (pivot di 205 cm) e l’ex Palestrina Nikolai Vangelov  (pivot di 212 cm classe 1996) potrà, eventualmente, far parte del roster della prossima stagione.
La squadra si sta allenando con sedute di atletica miste a quelle di basket con grande piglio sotto l’attenta guida di coach Dell’Agnello. Certo che lo scrimmage di giorno 29 agosto a Molfetta contro l'Allianza San Severo servirà solo a verificare i primi timidi abbozzi di schemi da parte della squadra brindisina. Qualcosa di più potrà sicuramente vedersi giorno 2-3 settembre nel torneo Ninì Ardito di Conversano (sabato 2 settembre contro la Givova Scafati dell’ex Giovanni Perdichizzi) o meglio ancora durante il Memorial “Elio Pentassuglia” in programma  giorno  8 e 9 settembre a Brindisi (contro la Sidigas Avellino, Viola Reggio Calabria e  la Soundreef Mens Sana Siena).
Sarà interessante vedere all’opera questa squadra che non ha una stella di primo piano ma potrà coniugare il sapiente lavoro svolto dal G.M Alessandro Giuliani nell’allestimento di un roster che mette insieme talento, atletismo, esperienza  e voglia di difendere.
Per ciò che concerne la situazione sponsor nulla arriva dai vertici di Enel. Il contratto di circa 400.000 euro per due stagioni non è stato ancora firmato. Le altre aziende che avevano manifestato interesse nei confronti della società brindisina ad oggi non sono passate dalle parole ai fatti. E questo  potrebbe diventare un vero problema per il futuro societario.
Sul fronte degli abbonamenti da Contrada Masseriola fanno sapere che, ad oggi, il numero dei tagliandi venduti è di 2200 tessere. Un numero sicuramente importante ma non ancora sufficiente per provare, ad avvicinare la soglia delle 3000 tessere auspicato. Oggi, con il roster al completo, i tifosi “dubbiosi” e non hanno la possibilità di regalarsi un abbonamento anche perché, per gli arrivi di Lalanne e Randle ,  Marino e soci hanno dato mandato al General Manager Giuliani di sforare il budget assegnato. Mai come ora sarebbe un ulteriore segnale di fiducia per la squadra della pallacanestro Brindisi che merita il giusto rispetto conquistato negli anni.
Va da se che se non dovessero arrivare ulteriore risorse di natura economica il tutto potrebbe diventare più complicato. E questo nonostante lo straordinario sforzo dei soci, dei tifosi e dei soci dell’Associazione “Brindisi vola a canestro” che stanno continuando ad aumentare il numero dei propri iscritti grazie anche all’ingresso nella stessa di piccoli gruppi di tifosi brindisini da tutta Italia.
Il palazzetto, con un progetto a quanto pare già pronto in un cassetto, potrà essere inserito in agenda più in là allorquando, la sostenibilità di questa società, potrà disporre di più certezze. 
L’entusiasmo per la squadra, per questa società deve continuare a essere vivo  senza però nascondersi dai problemi. Oggi, più che mai, lo sforzo comune deve essere il riconoscersi intorno a questo progetto nella speranza che altri soggetti siano interessati ad avvicinarsi a questa bellissima realtà.
Non dimenticando che Dell’Agnello e soci dovranno rendere ancora più accattivante il tutto con le prestazione dei ragazzi la domenica. Perché poi, piaccia o non piaccia, il tutto può ripartire propri dai risultati del campo.