Lega A - Mian: "Ingiusto pensare che non abbiamo più obiettivi da raggiungere"

15.04.2018 16:32 di Iacopo De Santis Twitter:   articolo letto 267 volte
Lega A - Mian: "Ingiusto pensare che non abbiamo più obiettivi da raggiungere"

Non sono stati sufficienti i 10 punti messi a referto da Fabio Mian per spingere la The Flexx Pistoia verso il successo nella lunch match contro Sassari, terminato con la vittoria dei sardi col punteggio di 80-69. Il numero 9 biancorosso si è reso protagonista di un paio di bombe delle sue, ma insieme ai suoi compagni si è dovuto arrendere allo strappo degli ospiti, che nel terzo quarto hanno perfezionato il sorpasso, prendendo il sopravvento e portando in porto la vittoria.

Queste le chiavi di lettura offerte dall’esterno biancorosso: “Il nostro primo tempo è stato ottimo, ma appena abbiamo rallentato un minimo il ritmo nella ripresa, Sassari ha alzato il livello del suo gioco, segnando canestri complicati che hanno ribaltato l’inerzia della partita. La reazione da parte nostra c’è stata, ma probabilmente è stata troppo tardiva per poter recuperare, pur rimanendo in partita fino alla sirena finale”.

Il numero 9 della The Flexx sottolinea l’importanza di avere un roster in salute per competere ai massimi livello: “Gli infortuni ovviamente non facilitano il nostro lavoro, anche perché nelle ultime settimane eravamo riusciti a trovare continuità nelle rotazioni e di conseguenza nei risultati. Purtroppo -sospira Mian- non è la prima rimonta che subiamo, anche se va sottolineato un atteggiamento completamente diverso rispetto a qualche mese fa. Sassari è stata brava a prendersi la vittoria grazie a grandi giocate personali, come il mix di talento e fortuna che ha permesso ad Hatcher di segnare le triple che ci hanno mandato sotto nel punteggio”.

Mian non vuole rassegnarsi ad un finale di stagione da semplice comparsa per la The Flexx: “La voglia di vincere è uno degli aspetti che non ci sono mai mancati, a partire dalla prima giornata. Trovo ingiusto pensare al fatto che Pistoia venga considerata una squadra ormai tranquilla, senza obiettivi per i quali lottare: non ci scordiamo che non più tardi di un mese fa eravamo in grande difficoltà, una situazione davvero complicata dalla quale siamo riusciti a tirarci fuori grazie a grandi sacrifici e unione di intenti. Ecco perché vogliamo dare il massimo in ogni singola partita, da qui al termine della stagione: con grande probabilità -conclude il giocatore friulano- ci salveremo e magari non andremo ai playoff, ma questo non significa che non metteremo tutto quello che abbiamo negli ultimi impegni della stagione”.