Lega A - Mal di coppa, Olimpia rammendata cade in casa contro una pimpante Trento

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 682 volte
Lega A - Mal di coppa, Olimpia rammendata cade in casa contro una pimpante Trento

Stanca e rammendata alla bell'e meglio, arriva un'altra bruttissima serata in questa stagione ondivaga dell'Olimpia che se viagghia con il pieno dei titoli nazionali fin qui assegnati, non riesce a mantenere fede alle promesse di supremazia che tutti le attribuivano. Pochi uomini e zero energia, non solo fisica: a meno di 48 ore dalla gara di Kaunas, arriva un crollo verticale di fronte a una formazione in grande forma, ispirata, solida che ha preparato questa gara per tutta la settimana come spartiacque di consacrazione al vertice della serie A. Ma Trento non ride troppo, pur dominando dal secondo quarto perde per la strada per infortunio Baldi Rossi e, a risultato acquisito, Marble. A parziale scusante per l'EA7 c'è la presenza di facciata di Rakim Sanders (4' con 0 punti e 1 assist) e la poca sostanza di un Tarczewski spaesato (10' con 2p+3r+2as -11 di valutazione).

La cronaca: Trento non vuole giocare al ritmo di milano e aggredisce subito la partita: a segno Baldi Rossi, poi da una palla rubata dallo specialista Craft arriva la tripla di Joao Gomes del 5-0. Milano non si scompone, riordina subito le idee, innesca Macvan che usa la sua abilità nel correre lungo il campo e il vantaggio di statura sulle ali forti avversarie per rovesciare subito l’inerzia della gara e produrre un primo quarto da 12 punti. Pascolo entra da sesto uomo giocando da ala piccola per Sanders. Sono due canestri suoi a spingere Coach Buscaglia al primo time-out con l’Olimpia avanti 20-16. Il vantaggio tocca i sei punti ma Trento risponde con due triple, Marble e Sutton, impattando a quota 22. Alla fine del primo è 24-22 Olimpia. Il terzo canestro di Pascolo, la schiacciata di Tarczewski e la prima tripla milanese, di Hickman, permettono all’Olimpia di allungare sul più sette sul 33-26. Trento risponde forte: una tripla di Flaccadori dall’angolo dopo il primo errore di Macvan vale il 7-0 della parità con time-out repentino di Coach Repesa. Ma il break si ingigantisce. Un’altra tripla di Gomes in un momento di anemia offensiva e poi un canestro di Craft significano 14-0 Trento che da meno sette va a più sette. La seconda parte del primo tempo è tutta di Trento. Baldi Rossi e Sutton producono due giochi da tre consecutivi e il vantaggio improvvisamente esplode a 11 punti. All’intervallo è 49-40 Trento.

Cinciarini con una tripla prova ad avvicinare l’Olimpia ma le percentuali non sostengono Milano e viceversa la zona non oppone resistenza ai bomber trentini. Marble e Baldi Rossi la fanno saltare con due triple consecutive per il 60-43. Pascolo ancora fuori ruolo, da ala piccola, prova a lanciare la rimonta dell’Olimpia con un fade-away e due tiri liberi. Qui esce per infortunio Filippo Baldi Rossi (in bocca al lupo) ma l’Olimpia non ha energia, perde troppe palle, ha problemi di falli con gli esterni e non trova continuità in difesa. Flaccadori firma il + 20 sul 74-54. Alla fine del terzo periodo è 74-58 Trento. In attacco l’Olimpia qualche giocata la trova anche se attaccando il ferro e mai dall’arco il che rende arduo ipotizzare una rimonta. A 5’21″ esce per infortunio anche Marble (anche lui i migliori auguri) ma Trento ha ancora 16 punti di vantaggio e può chiudere facilmente.

Risultato finale 76-98. Boxscore: 19 Macvan, 11 Cinciarini e Abass, Pascolo 10 per l'Olimpia; 17 Marble e Sutton, 15 Baldi Rossi, 13 Flaccadori, 12 Craft per Trento.