Lega A - "La VL siAmo noi": colletta per comprare un rinforzo a Pesaro

10.01.2018 08:45 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 500 volte
Fonte: corriere adriatico
Lega A - "La VL siAmo noi": colletta per comprare un rinforzo a Pesaro

L’associazione “LaVL siAmo noi” lancia un segnale, per fare la propria parte in un crocevia difficile. Si è deciso di lanciare una raccolta fondi finalizzata al rafforzamento della squadra. Questo il comunicato che spiega l’iniziativa: «Non è tanto l’ultimo posto in classifica a farci preoccupare, quanto la consapevolezza che le limitate risorse economiche a disposizione della società non consentono di intervenire con dei correttivi adeguati. In questo delicato momento della stagione teniamo a rilanciare il progetto e la finalità dell’associazione, nella convinzione che i risultati ottenuti possano essere senza dubbio migliorati. Tutto ciò perchè non ci rassegniamo al declino e perché siamo convinti che Pesaro abbia la possibilità non solo di mantenere la serie A ma di competere ai massimi livelli. Per questo motivo abbiamo pensato che è giunto il momento di fare un ulteriore sforzo per consentire alla Victoria Libertas Pesaro Basket di raggiungere il proprio obbiettivo. Nel ringraziare tutti gli abbonati, gli associati e gli sponsor che già hanno contribuito in modo consistente, comunichiamo che provvederemo ad auto tassarci spontaneamente con l’esclusiva finalità del miglioramento tecnico del roster. A breve daremo indicazioni sull’organizzazione di un paio di corner all’ingresso al Palas al fine di raccogliere adesioni e contributi volontari. Dimostriamo che siamo in tanti a cui stanno a cuore questi colori e che l’associazione e il pubblico di Pesaro ancora una volta sapranno fare la differenza». «Cominciamo noi autotassandoci nuovamente. Poi intendiamo allestire già dalla prossima gara con Sassari un punto di raccolta all’interno del Palas per i tifosi, abbonati e simpatizzanti», spiega Giuseppe Mariotti, uno dei fondatori. «Nessuna velleità di entrare nel Consorzio: conta solo salvarsi e mantenere la Serie A. E’ un modo provocatorio per indurre la proprietà a mettere mano al portafogli, mettendo tutti di fronte alle proprie responsabilità», aggiunge Paolo Beretta.