Lega A - L'Enel Brindisi ritorna da Brescia con tante certezze. E due punti in piu'

Bella e convincente prova dei ragazzi di coach Sacchetti che espugnano il Pala George di Montichiari vincendo per 81-91 contro la Germani Brescia
12.03.2017 12:22 di Dario Recchia  articolo letto 765 volte
Lega A - L'Enel Brindisi ritorna da Brescia con tante certezze. E due punti in piu'

E’ assodato che l’Enel basket Brindisi versione 2016/17 è la squadra che, negli ultimi anni, mira alle coronarie dei propri tifosi. Una squadra che riesce a sciorinare giocate bellissime ma commettendo spesso, all’interno della stessa gara, errori puerili e banali.

Ed anche nel match di ieri sera al PalaGeorge di Montichiari si è assistito ai tanti errori che , sommati alle distrazioni difensive, avrebbero potuto decretare un esito diverso al risultato finale. Viceversa, gli ultimi minuti di gioco hanno visto un Enel Brindisi particolarmente concentrata che ha fatto delle durezza mentale la sua arma tattica con giocate offensive intelligenti e provando  a gestire il vantaggio sin li accumulato. Sul fronte opposto, una Germani Brescia apparsa un po’ nervosa nel finale di gara con troppi tiri liberi sbagliati e che forse ha subito il contraccolpo dell’espulsione del proprio coach comminata dagli arbitri.

E’ indubbio che la squadra del Presidente Marino nella partita di ieri si giocava tanto; vincere per provare ad inseguire la strada dei play off oppure ritornare a Brindisi con l’ennesima sconfitta esterna  ed abbandonare i propositi di una stagione che potesse guardare oltre ad una tranquilla permanenza. Ed il segnale dato dalla banda Sacchetti è stato importante, di fronte una compagine molto forte ed agguerrita e che in casa è ancora piu’ forte e competitiva. Il pressing con raddoppio sul play lombardo Luca Vitali (il fratello Michele era infortunato) ha permesso al Brindisi di spezzare la creazione dei giochi di attacco dei padroni casa. Vitali, comunque, è riuscito a smazzare lo stesso 8 assist ma non è stato efficace come altre volte. Ne tanto meno sono bastate le buone prove di Lee Moore con i suoi 22 punti, gli 8 rimbalzi ed i 10 punti di Jared  Bergreen e neppure i 18 punti con 4/5 da 3 punti di un inossidabile David Moss.

L’Enel Brindisi, nelle cui fila pesavano come macigni le assenze del play titolare Nic Moore e di Daniel Donzelli ha offerto una prova balisticamente importante. 17/24 da 2 punti con oltre il 70 %, 15/32 dall’arco dei 6,75 metri (46,9%), 31 rimbalzi conquistati contro i 28 di Brescia e 91 punti realizzati sono la migliore testimonianza di una efficienza offensiva davvero notevole. Su tutti Phil Goss chiamato a compiti di regia non propriamente nel suo dna.  Il giocatore di Washington in 30 minuti di utilizzo ha tirato con il 100% da 2 punti (4 su 4) e con un 4/9 da 3. Chirurgico anche dalla linea della carità (5/5) e 25 punti totali. La sua tranquillità nel gestire il time della gara insieme alla buona prova di Marco Spanghero in cabina di regia hanno permesso alla squadra di poter mettere sempre in ritmo se stessi ma anche i propri compagni. Scott, 17 punti per lui, non si è intestardito come altre volte in quei 1 contro 1 che spesso lo vedevano finire nelle trappole avversarie ed anche M’Baye  (21 punti per lui) ha giocato con grande acume tattico. Ma parlare dei singoli sarebbe un po’ ingeneroso. Come non ricordare, per esempio, il contributo del solito Marco Cardillo con i suoi 3 rimbalzi ma soprattutto con uno sfondo subito in un momento topico del match?

L’Enel Brindisi ritorna da Brescia con una vittoria bella e significativa che oltre a far muovere la classifica fa tanto morale. E domenica si ritorna  a giocare sempre in lombardia in un altro difficile match contro Cantu’.

Questa Enel, anche ieri ha dimostrato che quando gioca di gruppo diventa solida e pericolosa. Provare a bissare il successo di ieri a questo punto diventa oltre che auspicabile anche possibile. In attesa, come dichiarato dal Presidente Marino nel post gara ai microfoni di Canale 85, di una risposta rapida ma soprattutto concreta del main sponsor Enel. E sarebbe anche ora!!!

 

 

foto Legabasket