Lega A - L'Aquila Trento docente di mattanza sulla siciliana Betaland

31.03.2018 19:46 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 671 volte
Lega A - L'Aquila Trento docente di mattanza sulla siciliana Betaland

Non c'è discussione sull'esito di questa Trento-Capo d'Orlando per la 24esima di campionato fin dalle prime battute. Ruoli invertiti, con la squadra già salva che cerca i playoff più affamata di quella che cerca i punti salvezza. Granitica compattezza dei padroni di casa, chimica assente nella formazione siciliana che avrebbe bisogno di un rodaggio che oggi nessuno può concederle solo per essere presentabile. Detto senza cattiveria alcuna verso gli uomini di Di Carlo, ma è questo l'effetto complessivo che dimostrano sul parquet.

La Betaland scende in campo decisa a sostenere la velocità della Dolomiti Energia, ma ne viene subito travolta alla prima azione: rubata e contropiede vincente per Forray, azione che dà il leit-motiv dell'incontro. Ci vuole molta disciplina in attacco per contrastare le ripartenze dell'Aquila, che sulle palle perse avversarie sanno come andare veloci a canestro. così il primo quarto diventa (6-0, 9-2) rapidamente un monologo che finisce 27-9. Siciiani in spolvero, all'inizio del secondo periodo, con il break 2-10 con il nuovo arrivato Smith e Atsur. Pura illusione: basta che Buscaglia rimetta convinzione nel motore della Dolomiti Energia, che dalla tripla di Forray parte con un 11-0 che rimette tanta luce fra le due formazioni. Al riposo lungo si va sul 47-24 con 11 di Sutton e 9 di Smith.

"La connection Shields-Sutton funziona" cit. |

— Eurosport IT (@Eurosport_IT)

Al rientro in campo il primo canestro è ancora di Toto Forray, per far capire che la musica non cambierà. Le triple di Gomes (due) e Forray consecutive scavano il solco contro una Betaland incapace di finalizzare alcunchè in attacco e così tragicamente esposta in difesa. E così il tempo scivola via sull' 81-39 finale. Sarà solo garbage time. 18 Sutton, 16 Shields e Gomes; 12 Campani.

 

Il copia-incolla della : Shields imita Betinho con la rovesciata ✌😄   |

— Eurosport IT (@Eurosport_IT)

E infatti l'ultimo quarto scorre con una certa leggerezza; Capo d'Orlando cerca un minimo di orgoglio e tiene il punteggio del quarto in bilico per sette/otto minuti. Ma nel finale lo show personale di Flaccadori e la tripla del ragazzino Doneda, colpevolmente lasciato libero di prendersi un tiro aperto, lascia ai trentini anche l'ultimo parziale (26-20). D'altra parte troppi innesti e poco amalgama, oltre a un Knox in evidente stato di impreparazione fisica sono regali troppo grandi alla formazione avversaria, qualsiasi sia il livello di qualità.

Finisce 107-59. Boxscore: 18 Sutton, 16p+11as Shields, 16 Gomes, 13 Flaccadori e Silins, 12 Forray, 9 Hogue, 5 Gutierrez, 3 Doneda, 2 Lechthaler per la Dolomiti Energia; 12 Smith, 10 Faust e Campani, 8 Kulboka, 7 Atsur, 5 Likhodey, 4 Stojanovic, 3 Knox per l'Orlandina.