Lega A - Inizia a Trento il 2017 della Red October Cantù

01.01.2017 21:07 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 215 volte
Lega A - Inizia a Trento il 2017 della Red October Cantù

Inizia con una difficile trasferta il 2017 della Red October Cantù che, forte delle tre vittorie nelle ultime quattro partite, scenderà in campo domani sera alle ore 20.30 al PalaTrento contro i padroni di casa della Dolomiti Energia.            

GLI AVVERSARI - L’Aquila Basket, che nelle ultime due stagioni ha sempre raggiunto Final 8 di Coppa Italia e quarti di finale playoff affermandosi come la realtà emergente della pallacanestro tricolore, si trova al momento nel gruppone all’ottavo posto in classifica a quota 12 punti, ossia con due lunghezze di vantaggio sui bianco- blu.

I bianco- neri del confermatissimo coach Maurizio Buscaglia arrivano da due successi consecutivi e hanno espugnato lo scorso 27 dicembre il campo della Germani Basket Brescia per 80 a 74, grazie alla grande prestazione dell’esterno portoghese Joao Beto Gomes, autore di 25 punti con un ottimo 6 su 11 dall’arco dei tre punti.

Il quintetto - La Dolomiti Energia ha modificato totalmente il suo quintetto rispetto alla scorsa stagione mantenendo comunque la formula di 5 stranieri più 5 italiani.

Play titolare dei trentini è lo statunitense Aaron Craft,  che sta ben figurando al suo debutto in Serie A con 8,1 punti, 4,2 assist e 1,9 palloni recuperati di media a partita (terzo nella graduatoria delle palle recuperate del campionato). Al suo fianco giocano l’ex canturino David Lighty, miglior marcatore dei bianco- neri con 13,9 punti di media a gara, e il portoghese, l’anno passato in Spagna al MoraBanc Andorra, Joao Beto Gomes, reduce dall’ottima prestazione di Brescia chiusa con 25 punti e 6 rimbalzi.  

Sotto le plance coach Buscaglia schiera la coppia di americani composta dall’ala Dustin Hogue, che all’esordio in Italia sta facendo registrare 9,3 punti, 5,9 rimbalzi di media e 5,2 falli subiti di media a sfida e dal centro, ex Mantova e Varese, Johndre Jefferson, che potrebbe tornare in campo domani dopo aver saltato gli ultimi due match per un trauma al ginocchio sinistro.

La panchina - La panchina della Dolomiti Energia è interamente composta da giocatori italiani. Play di riserva è l’italo- argentino Toto Forray, al suo settimo anno a Trento, che sta realizzando 5,6 punti di media a gara. Le rotazioni degli esterni sono garantite dal prospetto, classe 1996, Diego Flaccadori, che si sta mettendo in grande evidenza in questa stagione con 9,3 punti di media a sfida, e dall’ex Virtus Bologna e Virtus Roma Riccardo Moraschini, tornato in Serie A dopo il biennio a Mantova.

Cambiano i lunghi l’emiliano Filippo Baldi Rossi, alla sua quarta annata in bianco- nero, che si rende prezioso con 9,3 punti e 5,2 rimbalzi di media a match, e il confermato centro alto- atesino Luca Lechthaler.

LA SITUAZIONE DELLA RED OCTOBER - Il lungo sloveno Uros Slokar si è aggregato venerdì alla Red October e si è allenato regolarmente in questi giorni. Coach Bolshakov deciderà domani se schierarlo o meno nei 12 giocatori a referto.

Marco Laganà ha saltato invece diversi allenamenti in settimana per una contusione alla spalla destra ma dovrebbe essere del match così come il capitano Craig Callahan.

LE PAROLE DI COACH BOLSHAKOV - Ci attende una sfida molto complicata sia perché affrontiamo una formazione di ottimo livello che sta attraversando un buon periodo di forma, sia perché giochiamo in trasferta, sia per i diversi problemi fisici che purtroppo hanno complicato la settimana di allenamenti della nostra squadra. Per quanto sia una gara proibitiva però, avendo perso tre partite in casa, non abbiamo altra alternativa che provare a conquistare qualche successo anche lontano dal PalaBancoDesio.

La Dolomiti Energia è una squadra aggressiva, molto ben allenata ed estremamente duttile, visto che di fatto può contare su tre ali forti. Nel roster della formazione trentina ci sono inoltre dei giocatori di striscia che se si accendono diventano difficilmente contenibili come per esempio Joao Beto Gomes, che nella gara con Brescia è stato decisivo con le sue sei triple.

I PRECEDENTI - Ci sono solamente quattro precedenti nella storia tra Pallacanestro Cantù e Aquila Basket Trento e risalgono ovviamente alle ultime due stagioni.

Entrambe le formazioni si sono aggiudicate le due gare in casa. L’allora Acqua Vitasnella ha battuto due anni fa al Pianella la Dolomiti Energia per 110 a 84 mentre nello scorso campionato i bianco- blu, guidati da Nicola Brienza, si sono imposti per 87 a 77 sui bianco- neri grazie ai 21 punti di Kenny Hasbrouck e ai 18 di JaJuan Johnson.

La Dolomiti Energia ha invece vinto in casa nel 2014/2015 per 83 a 71 e si è ripetuta nello scorso aprile sconfiggendo la formazione di coach Bazarevich per 79 a 75 al termine di un match molto combattuto.

GLI EX - C’è solamente un ex nella gara di domani tra Dolomiti Energia Trento e Red October Cantù. L’esterno dell’Aquila Basket, David Lighty, ha vestito la maglia dell’allora Bennet all’inizio della stagione 2011/2012, facendo registrare 7,5 punti di media a partita in campionato e giocando anche in Eurolega, prima di essere trasferito nel mese di dicembre alla Vanoli Cremona.