Lega A: Enel , play off miraggio. Consultinvest, due punti che valgono oro

 di Dario Recchia  articolo letto 1489 volte
Lega A: Enel , play off miraggio. Consultinvest, due punti che valgono oro

~~Come buttare alle ortiche l’ennesima partita vinta. Questo il film andato in onda sul parquet del Palapentassuglia tra l’Enel Brindisi, che provava la corsa play off , e la Consultinvest Pesaro con già mezzo piede in Legadue. Una partita che doveva segnare, per gli uomini di coach Sacchetti, la svolta dopo il finale di Sassari con una difesa non proprio eccezionale a 4 secondi dal termine che aveva permesso agli isolani di portare a casa una vittoria quasi insperata. Ed invece un copione troppo volte visto in questa stagione ha decretato, per la squadra brindisina, il virtuale abbandono dei sogni play off. I tifosi, a fine gara, hanno contestato duramente la squadra che avrebbe dovuto, a detta loro, non solo vincere la partita ma soprattutto entrare in campo con un approccio meno morbido. E nonostante cio’, l’Enel Brindisi aveva chiuso avanti il primo quarto grazie soprattutto alle 6 bombe su 8 tentativi andati a bersaglio. Un secondo quarto con poca incisività aveva permesso, agli uomini di coach Leka, di andare al riposo lungo sotto di una lunghezza (45-44) e con gli ospiti quasi stupiti del traguardo sin li raggiunto.
Dopo la pausa lunga i padroni di casa sembrano cambiare ritmo. M’Baye e Joseph suonano la carica ed il divario inizia ad aumentare. Jones, a metà periodo, commette il suo quarto e va in panca con grande rammarico del coach ospite.
Nell’ultimo periodo, con gli ospiti che si schiereranno a zona praticamente per tutto il match, l’Enel riesce a piazzare un break che sembra quello giusto. Dopo due giri di lancette il tabellone segna 74-59. Dopo il time out di coach Leka i pesaresi provano a rimanere attaccati alla gara e limano, piano piano, il divario. L’Enel si imbriglia nella zona ospite e la Consultinvest ne approfitta. A due minuti dal termine, Clarke dalla lunetta (33 punti per lui e 10/10 dalla linea della carità) sigla il sorpasso sul 79-78. Nel finale di gara punto a punto M’Baye, in uscita dal time out, perde palla e la partita va al supplementare sul punteggio di 81-81.
Nell’overtime partono meglio gli ospiti; 82-89 dopo 3 minuti e partita che sembra ormai chiusa. Moore, con 2 triple , riporta sotto la sua squadra ma il solito Clarke, dalla lunetta, porta i suoi avanti sul 92-90. Samuels, sul fronte opposto, segna e realizza il libero del fallo subito: è 93-92. A 16 secondi dalla fine, Clarke è freddo dalla lunetta ed è nuovamente sorpasso. M’Baye, a 3 secondi dalla fine, rivede i fantasmi di Sassari e fallisce nuovamente i liberi della vittoria. Pesaro vince per 93-94.

Sciupare questa ennesima occasione da parte dell’Enel Brindisi fa davvero male. In un campionato puo’ capitare sicuramente di perdere nei finali di gara, ma che cio’ accada per 7/8 volte fa riflettere. Solo giocatori con poca personalità’ ? Colpa del coach che non ha saputo gestire i minuti finali? Chi puo’ dirlo. Di certo l’Enel, con questi finali, ha buttato alle ortiche non soltanto un altra occasione per traguardare  i play off ma anche per farlo con una ottima posizione. Ed invece nuovamente ad arrovellarsi il cervello per una stagione che poteva essere e non è stata.
La Consultinvest, viceversa, trova per strada due punti quasi insperati. La vittoria del carattere, della voglia e della determinazione. Proprio quando la squadra, questa sera, sembrava in un fosso. E vale piu’ dei due punti in palio per la contemporanea sconfitta della Vanoli Cremona in casa contro Brescia ai quali lascia, per questa sera, l’ultimo posto in classifica.

Enel Brindisi – Consultinvest Pesaro 93-94 ( 25-22, 20-22, 20-9, 16-28, 12-13)

Brindisi: Scott 5, Carter 17, Goss 6, Fiusco n.e., Cardillo n.e., Moore 14, Donzelli n.e., M’Baye 29, Samuels 7, Joseph 15, Sgobba n.e., Spanghero 0. All. Sacchetti

Pesaro: Hazell 5, Gazzotti 0, Cassese n.e., Thornton 17, Jasaitis 6, Clark 33, Ceron 0, Bocconcelli n.e., Jones 16, Serpilli n.e., nnoko 10, Zavackas 7. All. Leka

Arbitri: Lanzarini, Aronne, Boninsegna

Foto Tasco