Lega A - Effetto Paladozza cura la Virtus Bologna batte Reggio Emilia e si qualifica per le Final Eight di Coppa Italia

Vittoria convincente della Virtus contro la Reggiana 85 a 75
13.01.2018 22:20 di Davide Trebbi Twitter:   articolo letto 1492 volte
Lega A - Effetto Paladozza cura la Virtus Bologna batte Reggio Emilia e si qualifica per le Final Eight di Coppa Italia

La Virtus vince e serve la vendetta a quella Reggio Emilia che il 4 maggio 2016 ha portato ai bolognesi la prima retrocessione della sua storia.

Una vittoria importante perchè ha sancito anche la qualificazione alla Final Eight di Firenze: primo obbiettivo stagionale.

Effetto Paladozza per la Segafredo con la sesta vittoria consecutiva tra le mure amiche dopo il 85-75 portandosi a 16 punti in classifica. 

Ancora a secco di vittorie nel 2018 per la Grissin Bon che rimarrà a 8 punti in graduatoria.

Più cinica e fredda sul finale in una battaglia nel vero senso della parola dove Bologna ha lottato contro una Reggio Emilia stremata, affaticata e spuntata sul finale.

Buonasera dal vostro inviato Davide Trebbi direttamente dal Paladozza, dove per la quattordicesima giornata del campionato di Serie A Poste Mobile, la Segafredo Virtus Bologna incontrerà in casa la Grissin Bon Reggio Emilia.

 

La Virtus sentirà eccessivamente il peso di questa partita nei primi minuti di gioco, attaccando pero con molta foga e frettolosamente e difendendo malissimo in campo. La Reggiana così ne approfitterà con tanti tiri smarcati a disposizioni e scappando sul +8 e Ramagli sarà costretto a chiamare timeout al quarto minuto di gioco (4-12). 

Il minuto di sospensione calmerà un po’ la VNera ma Markoshvili avrà a disposizione ancora tanti tiri completamente libero e segnerà due volte con chirurgica precisione (6-18) andando anche sopra di 14 punti dopo il canestro di Wright da sotto (6-20) dopo soli sei minuti. I fischi del pubblico inizieranno ad arrivare e cosi la Segafredo con orgoglio cercherà di reagire con Aradori penetrando maggiormente e con un ottimo chirurgico Baldi Rossi arrivando a fine del primo quarto sotto di 7 (17-24).

 

Rientrati in campo un rimbalzo in attacco di Wright farà nuovamente innervosire e spazientire i tifosi di casa, ma sarà solamente un episodio perchè Baldi Rossi e Umeh con la tripla costringono Menetti al primo timeout della gara all’undicesimo (22-26). Cervi appena rientrato dall’infortunio aiuterà la GrissinBon in attacco e Candi con la tripla allontanerà nuovamente la Virtus dal possibile pareggio costringendo Ramagli al nuovo stop al 13’ (24-33).

Non servirà inizialmente, appena rientrati in campo l’interruzione perche dopo l’ennesimo tiro sbagliato di Alessandro Gentile, il suo marcatore Wright farà un coast to coast segnando una bella schiacciata in contropiede.

Umeh però con la tripla cercherà di riaccendere la luce ai bianconeri, ma sarà subito pronta la risposta di un perfetto Markoshvili da tre punti, così ogni volta che la squadra di casa proverà a tirare in particolare con Gentile, sfidato al tiro,  Reggio riuscirà in pochi secondi a tramutare in canestro.

Candi in contropiede segnerà nuovamente il +10 (32-42) e Ramagli a quel punto proverà un quintetto inedito in campo con i 4 colored in campo e Aradori.

Il risultato sarà esaltante con un parziale di 9-2 e dopo la bomba del solito Markoshvili (6/8 da tre) sarà LaFayette con un esaltante tripla segnata a meta campo a terminare il primo tempo sotto di una sola lunghezza (44-45).

 

Lafayette col missile sulla sirena!

AT THE BUZZER ⏰ |

— Eurosport IT (@Eurosport_IT)

 

 

Nella ripresa Aradori porterà per la prima volta la Virtus in vantaggio e Alessandro Gentile con una gran schiacciata farà perdonare i fischi da lui subiti nel primo tempo (49-46); Reggio non abituata alla forte difesa di casa, subirá l’energia VNera con Menetti che dovrà fermare il gioco 22’ sotto di 7 punti(53-46).

Candi con una grande penetrazione riavvicinerà i suoi nell’incontro ma Slaughter prima e Gentile in contropiede dopo risponderanno presente, prima del vero highlights della partita una schiacciata in reverse di Wright a difesa schierata (57-50).

La Segafredo quindi abbasserà anche per stanchezza la pressione difensiva e la Grissin Bon ne approfitterà subito arrivando a -4 (63-59), ma lo sforzo sarà invano perchè con il rientro di Slaughter e un ottimo Baldi Rossi con il tap in allo scadere dirà +10 (69-59) al trentesimo. 

 

Ultimo quarto inizierà con un tap in di Reynolds ma dopo il canestro di Wright, la Grissin Bon sprecherà tanti conclusioni stavolta senza ottenere facili secondi tiri però senza approfittarne e cosi dopo la fortunosa tripla di Mussini di tabella dall’angolo Ramagli chiamerà timeout al 34’ (73-66).

La pausa risveglierà la difesa ospite e dopo il canestro dalla media di Della Valle, i biancorossi con 5 tiri liberi ritorneranno sotto fino ad un possesso di svantaggio (78-75).

Nel momento decisivo però Reggio ha l’occasione per stare attaccata nell’incontro ma Gentile con un canestro dal libero dirà nuovo +5 e timeout ospite al 37’.

Stefano Gentile però appena rientrato in campo con un incosciente tripla dirà la parola fine e dopo il canestro di LaFayette al termine della sirena sarà +10 85-75 e dopo la vittoria di Avellino sarà automaticamente qualificata per la Final Eight di Coppa Italia.

 

14 punti e 5 rimbalzi per Ale Gentile , 14 punti per Baldi Rossi, 15 punti 9 rimbalzi 3 assist 2 recuperi e 29 di valutazione per Slaugther, 12 punti 4 recuperi e 5 assist per LaFayette saranno i protagonisti per la vittoria. 

 

Dall'altro lato 25 punti e 32 di valutazione per Markoshvili, 

11 punti e 6 rimbalzi per Wright, 8 punti e 3 assist per Candi troppo poco per vincere l’incontro.