Lega A - A Desio l'Olimpia Milano domina, ma quasi si fa rimontare da Cantù

15.04.2018 21:45 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 181 volte
Lega A - A Desio l'Olimpia Milano domina, ma quasi si fa rimontare da Cantù

Nona vittoria consecutiva nel campionato italiano per una Olimpia Milano che vede avvicinarsi il traguardo del primo posto anche se l'indomita Venezia tallona senza fermarsi. L’Olimpia in semitrasferta a Desio si prende la posta in palio, sempre particolarmente sentita contro questo antico e fiero avversario, resistendo ai due tentativi di rimonta di Cantù, anche furiosi, in una partita molto fisica, combattuta, anche spettacolare in alcuni momenti com’era prevedibile visti i ritmi. Coach Pianigiani distribuisce le energie, trova sei uomini in doppia cifra e conserva il primato solitario in classifica prima della trasferta di Brescia. Devastante Andrew Goudelock nel finale con le due triple che hanno debellato lo sforzo della Red October.

IL PRIMO TEMPO – L’Olimpia parte lucida nell’esecuzione, controlla i rimbalzi difensivi e riesce a correre. Mette anche due triple, con M’Baye e Goudelock, ma si trova Cantù attaccata perché sia Smith che Chappell possono completare due giochi da tre punti. Il vantaggio resta minimo, anche dopo la schiacciata di Tarczewski del 15-12 con time-out di Coach Sodini incorporato. Al rientro, Culpepper da tre pareggia e Burns in contropiede supera per la prima volta. L’Olimpia risponde: un jumper di M’Baye, due di Jerrells e infine sull’ultimo possesso la tripla di Bertans su una rimessa eseguita perfettamente. Vale il parziale di 9-1 che chiude il primo periodo sul 24-18 Milano. Cantù aggredisce il secondo periodo con un 4-0 immediato che ricuce il margine. L’Olimpia risponde con due liberi di Bertans e un canestro ravvicinato di Gudaitis. Smith e Culpepper (22 punti totali nel primo tempo) tengono agganciata Cantù. Poi Kuzminskas, con due falli a carico, segna due volte da sotto e poi da tre. Quando su una sua entrata mette in ritmo Jerrells, la tripla vale l’improvviso più sette Milano, 39-32. Il vantaggio tocca i nove punti, poi Cantù risponde. Thomas segna due volte da sotto, Cournooh mette una tripla. Il divario si riduce anche a quattro punti. Ma Milano finisce meglio il periodo, con due jumper di Goudelock, una tripla di Cinciarini e un 2/3 finale ancora di Goudelock per il 52-43 Olimpia.

IL SECONDO TEMPO – L’Olimpia allunga a più 13 in apertura di ripresa (56-43) ma a Kaleb Tarczewski fischiano due falli consecutivi, il secondo su un tiro da tre di Thomas è il quarto, e Coach Pianigiani deve ricorrere alla rotazione dei lunghi prima del previsto. Il vantaggio massimo tocca i 14 punti, poi Cantù attacca il ferro, approfitta di un passaggio a vuoto della difesa biancorossa che concede canestri in sei possessi consecutivi e si riavvicina a cinque punti provocando il time-out di Coach Pianigiani. Al rientro, segnano Bertans e Gudaitis mentre la difesa tiene in tre possessi di fila. Al buzzer Goudelock brucia Culpepper dalla media per il 6-0 che riapre 11 punti di margine sul 74-63. L’Olimpia esplode a più 17 con due triple consecutive, una di Bertans e la seconda dall’angolo di Kuzminskas. Dopo il time-out, Cantù produce il massimo sforzo: approfittando di un antisportivo fischiato a Bertans piazza un 9-0 con bomba di Smith e torna a meno otto. La risposta la firma Jerrells dall’arco, poi Cinciarini con il suo classico jumper dalla media ripristina 12 punti di distacco anche se a quattro minuti dalla fine l’Olimpia ha ambedue i centri con quattro falli. Cantù risponde una volta di più, una tripla di Smith ricuce a meno sei, poi con il bonus bruciato mette due liberi per l’89-85 (qui si infortuna Culpepper). Goudelock allo scadere dei 24″ mette una tripla da 10 metri per il più sette. Commette però l’errore di rispondere agli spettatori della prima fila prendendo tecnico, ma da vero Mamba mette una seconda tripla per il più nove dopo due errori dalla linea di Smith. Una tripla di tabellone di Thomas e due liberi di Smith significano ancora quattro punti di divario. Ma l’Olimpia dalla lunetta chiude 98-93.

<blockquote class="-tweet" data-lang="it"><p lang="it" dir="ltr">Stoppata, tripla <br>E un gesto rivedibile 😱😱<a href="https://.com/hashtag/EurosportBASKET?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw">#EurosportBASKET</a> | <a href="https://t.co/gDw7vWrJ4v">https://t.co/gDw7vWrJ4v</a> <a href="https://t.co/MCkofPoHVt">pic..com/MCkofPoHVt</a></p>&mdash; Eurosport IT (@Eurosport_IT) <a href="https://.com/Eurosport_IT/status/985595619593957377?ref_src=twsrc%5Etfw">15 aprile 2018</a></blockquote>
<script async src="https://platform..com/widgets.js" charset="utf-8"></script>