Nazionale A femminile, qualificazioni Europeo 2015, a Tallinn Estonia-Italia 45-52

Azzurre ancora in corsa
18.06.2014 21:26 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 940 volte
Fonte: Ufficio Stampa FIP
Nazionale A femminile, qualificazioni Europeo 2015, a Tallinn Estonia-Italia 45-52

Bella e preziosissima la vittoria della Nazionale Femminile, che a Tallinn ha regolato l’Estonia 45-52 e così può rimanere in corsa per un posto all’EuroBasket Women 2015: le Azzurre si sono imposte al termine di una vera e propria battaglia, riuscendo a recuperare dopo un primo tempo opaco. Nel finale decisivi i 7 punti consecutivi di Giorgia Sottana, top scorer dell’incontro con 18 punti.

Domani mattina la squadra vola a Riga, da Riga a Milano e infine a Catania per poi raggiungere Ragusa, sede delle ultime due partite di qualificazione che l’Italia giocherà contro il Portogallo (22 giugno) e la Lettonia (25 giugno). Dopo il successo di Tallinn, le speranze di qualificazione restano intatte ma è probabile che alle Azzurre servano ancora due vittorie nelle ultime due uscite.

“Abbiamo portato a casa una partita molto complicata - ha spiegato Roberto Ricchini a fine gara - perché sia noi che l’Estonia sapevamo di andare incontro all’eliminazione in caso di sconfitta. Sono contento dell’atteggiamento difensivo delle ragazze, che dopo un primo quarto incolore hanno reagito al momento di difficoltà trovando poi anche precisione in attacco. Torniamo in Italia dopo una settimana, a Ragusa contiamo di trovare tanto calore: vogliamo vincere queste due partite e qualificarci per l’Europeo”.


LA CRONACA - Come a Riga, l’Italia ha affrontato la partita col piglio giusto: le due triple di Crippa e poi la vivacità sotto canestro di Laterza ci hanno spinto fino al 2-10 ma dopo il timeout chiamato da Leoi, l’Estonia è tornata in campo con un altro atteggiamento e ha messo insieme il 20-5 che ci ha fatto scivolare sul 22-15 dopo il canestro di Kasemagi. L’Italia ha provato a limitare i danni sul finire del secondo quarto, poi chiuso 24-20, ma al ritorno in campo il gioco da tre punti di Bratka è valso per l’Estonia il massimo vantaggio sul 27-20.

Nel momento peggiore della partita e probabilmente di tutto il ciclo di partite di qualificazione, le Azzurre si sono ricompattate e punto dopo punto sono tornate a contatto: la squadra di Ricchini ha fatto la differenza in difesa e con Sottana ha trovato i punti del pareggio a quota 29 e poi il sorpasso (29-31) realizzato da Dotto in penetrazione. L’Italia ha provato un mini-allungo sul 29-33 (2-13 il nostro parziale) ma Anderson ha messo la tripla del pareggio (39-39). Masciadri è stata la protagonista dell’immediata reazione delle Azzurre (41-45) e poi è salita in cattedra Giorgia Sottana con i 7 punti di fila che hanno consegnato all’Italia un successo pesantissimo.

Ora è obbligatorio battere il Portogallo (a Coimbra è finita 54-52 per le lusitane) e poi bisognerà fare i conti alla vigilia dell’ultimo impegno del girone C contro la Lettonia.

Estonia-Italia 45-52 (13-13; 24-20; 36-39)
Estonia: Mill (0/2, 0/3), Kasernagi 3 (1/1), Jallai, Puu 15 (3/6, 3/4), Sokman ne, Kast (0/1), Anderson 12 (2/7, 1/3), Pokk ne, Bratka 11 (5/7), Piibur (0/2), Rebane (0/3), Mesila-Kaarmann 4 (2/5). Coach: Leoi.
Italia: Consolini (0/1), Fassina (0/2, 0/1), Pastore (0/1), Sottana 18 (5/12, 1/4), Dotto 4 (2/11), Santucci 6 (3/5), Masciadri 8 (3/5, 0/7), Spreafico 3 (1/1 da 3), Crippa 6 (0/1, 2/2), Laterza 6 (3/6), Zandalasini 1 (0/2 da 3), Sandri ne. Coach: Ricchini.
T2P: Italia 16/44; Estonia 13/34.
T3P: Italia 4/18; Estonia 4/10.
TL: Italia 8/15; Estonia 7/11.
Rimbalzi: Italia 37; Estonia 32.
Palle recuperate: Italia 13; Estonia 8.
Assist: Italia 9; Estonia 12.
Falli commessi: Italia 18; Estonia 19.

Arbitri: Pastusiak (Polonia), Lukes (Repubblica Ceca), Brziak (Slovacchia)
Commissario FIBA: Ivan Boorogvary (Ungheria)