La Croazia salva se stessa, Repesa e i suoi Mondiali

05.09.2014 08:37 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 711 volte
La Croazia salva se stessa, Repesa e i suoi Mondiali

A meno di 24 ore dalla sfida contro Portorico, la notizia dell'ammutinamento dei giocatori croati contro coach Repesa, notizia che aveva viaggiato per il mondo in 24" (altro che il Phileas Fogg del giro in 80 giorni) via Twitter con il cinguettìo del giornalista argentino Pablo Viola, aveva scosso tutto l'ambiente dei Mondiali.

Addirittura era già stata prevista una sostituzione in corsa di Repesa con Zan Tabak, il suo assistente. Niente è successo se non che la squadra è andata in campo carica a mille travolgendo i malcapitati Portoricani. Dalle stelle alle stalle e ritorno, per la Nazionale croata che sabato alle 18 se la vedrà contro la Francia negli ottavi di finale di FIBA World Cup.

Conoscendo il temperamento dei balcanici, la storia potrebbe non finire qui. Repesa, nella conferenza stampa dopo la gara con Portorico, ha smentito tutto, dicendo che i giocatori hanno letto le notizie come lui ma che aabbiano preferito preparare con intensità una gara che richiedeva grande lucidità. Certo è che da adesso, vista l'importanza della posta in palio e l'eliminazione diretta senza recupero, non mancherà la concentrazione nei giocatori...