EuroBasket 2017 - Delirio a Tel Aviv: Israele rimonta da -16 e batte la Germania

 di Simone Sperduto  articolo letto 1122 volte
EuroBasket 2017 - Delirio a Tel Aviv: Israele rimonta da -16 e batte la Germania

Israele quasi all’ultima spiaggia deve vedersela con la Germania che ha la possibilità di prendersi la testa del Gruppo B. Partono sciolti i padroni di casa che volano sul 6-0 dopo due minuti. Voigtmann suona la sveglia per i suoi con due canestri consecutivi. La Germania male al tiro da due (44%) e peggio da tre (0%) con Dennis Schröder che dopo otto minuti ha il numero due alla voce palle perse.  Howell, Casspi e Mekel tirano la carretta per Israele. Agli ospiti mancano i canestri di Danilo Barthel che chiude con zero punti in dieci minuti. Schröder macchia un primo tempo in crescendo con un fallo su Casspi che gli arbitri giudicano antisportivo. Il primo quarto termina sul 23-18 per Israele.

Grazie alla tripla di Pnini Israele vola a +10 con 7:20 da giocare nel secondo quarto.  Inspiegabilmente la Germania soffre a rimbalzo soprattutto in difesa e permette ai padroni di casa di costruire una seconda chance in diverse occasioni. Schröder costretto a sedersi in panchina a causa di un secondo fallo speso, anche questa volta molto dubbio. Ci pensa il nuovo giocatore dei Boston Celtics Daniel Theis ad avvicinare la Germania con cinque punti consecutivi: 37-34 con 3:55 sul cronometro. La gara si infiamma dopo una mancata, secondo il pubblico, chiamata degli arbitri che permette agli ospiti di passare avanti 38-39 con una tripla di Hartenstein. Si va all’intervallo lungo sul 43-43.

Nella prima metà del terzo quarto Israele cala sia a livello fisico che a livello mentale e la Germania piazza un 15-5 e mette le mani sulla gara. Dennis Schröder torna di nuovo in panchina con quattro falli sul groppone con 6:11 ancora da giocare. Cambia la musica sotto il canestro  con gli uomini di Fleming che cominciano a fare sul serio prendendo i rimbalzi offensivi e difensivi. I padroni di casa sembrano essere stanchissimi e sbagliano anche le cose più elementari. Howell e Casspi non mollano ma manca la lucidità. Barthel sbaglia il primo libero per la Germania dopo 18 consecutivi messi a segno.  Trazione della partita che cambia praticamente ogni 30 secondi con la Germania che raggiunge il massimo vantaggio dopo la tripla di Akpinar: 56-69. Howell segna un libero su due e la frazione vede i padroni di casa sotto di 12: 57-69.

L’ultimo quarto si apre con un parziale di 2-6 per la Germania. Israele sembra non crederci più ma i tedeschi sbagliano tre attacchi consecutivi e i padroni di casa tornano in scia con un canestro incredibile di Pnini: 66-75 dopo 3:16. La Germania smette di giocare e Israele giunge a -4: 76-72 con 4:21 all’ultima sirena. Bolgia di fischi per gli ospiti da parte del pubblico di fede israeliana che rischiano di crollare sul piano psicologico. Israele torna a -1 quando mancano 2:52 alla fine. Mekel, Casspi e Howell danno il 150%. Delirio a Tel Aviv con Howell che piazza il layup del 78-77.  Schröder riporta avanti i suoi 78-80 ma Pnini con 28 secondi da giocare piazza una tripla assurda, sbilanciato e con Benzing in copertura. Schröder sbaglia il layup e Israele mette a segno  il tiro libero del +2: 82-80. Theis ci prova da tre, palla sul ferro. Vince Israele.

 

 

Israele: 52% (da due), 36% (da tre), 73% (liberi), 12 rimbalzi offensivi,224 difensivi, 17 assist, 14  turnovers, 13 palle rubate.

Germania:  59% (da due), 24% (da tre), 83% (liberi), 9 rimbalzi offensivi, 22 difensivi, 18 assist, 17  turnovers, 7 palle rubate.

Israele:  Howell (23 pt, 9 rb, 3 as), Casspi (20 pt, 11 rb)

Germania: Schröder (20 pt, 7 as), Theis (15 pt,  15 rb)