NBA - Gregg Popovich "Il basket è solo una parte della vita"

16.08.2018 07:57 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1667 volte
NBA - Gregg Popovich "Il basket è solo una parte della vita"

Arrivato a Belgrado per allenare 63 giocatori e giocatrici dell'età di 17 anni o meno nell'ambito del programma "Basketball without Borders" della NBA, Gregg Popovich ha ribadito quanto sia importante inculcare altri valori oltre quelli sportivi prima di considerare di intraprendere una carriera professionale. Popovich è stato intervistato da L'Equipe.

Ritorno in Serbia. Mi piace sempre tornare qui. Ho molti amici, ex giocatori, ex allenatori. Ogni volta che ho l'opportunità, torno volentieri. Ho trascorso la serata di martedì con l'allenatore Dusan Iovic ed è sempre un'esperienza meravigliosa. Amo il cibo e il vino, sanno sempre dove portarmi e così mi diverto.

Quanto è importante questo campo per i giovani che sono presenti? Questa è una grande opportunità per i giocatori visto chi sarà con loro: ex giocatori e allenatori che hanno capito che questo è un modo per restituire quello che hanno avuto, per aiutare i giovani a capire non solo il basket ma anche ciò che costituisce una squadra, come gioca una squadra, come essere un buon compagno di squadra, essere altruista, sviluppare la  tecnica. Saranno quattro giorni molto belli per i giovani.

Che cosa speri di trasmettere personalmente ai giocatori presenti qui? Lo sviluppo tecnico fa parte dello sport, ma devono anche capire il modo in cui giocare, che devono trovare gioia nello sport, e nel praticarlo con i partner. Devono capire che il basket è meraviglioso, ma vogliamo anche parlare con loro della vita. Il basket è solo una parte della vita e tutti i giocatori finiranno per giocare a basket per tutta la vita, quindi è importante per loro prendere conoscenza delle dimensioni sociali, per andare d'accordo con altre persone, per essere partecipi nel modo giusto. Ecco alcuni argomenti che verranno discussi con loro.

Quale è la prima cosa che diresti a un giovane giocatore che arriva a San Antonio? Ho così tante cose da dirgli! La prima cosa che facciamo è mettere a suo agio chiunque provenga da fuori degli Stati Uniti. Cerchiamo di fare in modo che tutto sia organizzato per il suo stile di vita prima di giocare a basket. Spiegargli dove andrà a vivere, dove si trovano la banca, il supermercato, come prendersi cura della propria famiglia. Prendersi cura di tutte queste cose personali sin dall'inizio è la cosa più importante prima di passare al basket.

Ci sono scout di San Antonio Spurs con te? Sono l'unico (sorride). "