La madre di Honeycutt: " Mio figlio non si è suicidato, è stata la polizia ad ucciderlo"

08.07.2018 21:09 di Giorgio Bosco  articolo letto 9473 volte
La madre di Honeycutt: " Mio figlio non si è suicidato, è stata la polizia ad ucciderlo"

È scioccata la madre di Honeycutt dopo la scomparsa del figlio aggiungendo raccapriccianti dettagli sulle ultime ore di vita del figlio.

Ecco un estratto dal sito Sport5:

"Negli ultimi giorni Tyler ha avuto alcuni problemi nel suo comportamento, come se fosse depresso perché non voleva tornare in Russia. Tutto cambiò quando il suo agente lo chiamò e disse che forse il ritorno in Russia era la scelta migliore. Voleva tornare alla NBA e doveva anche giocare nella Summer League con i Thunder, ma da un esame medico emerse che aveva un problema al ginocchio. Odiava la Russia, non gli piaceva il freddo e faceva buio presto. Non voleva tornare. Quel giorno aveva deciso di accettare un aiuto, ma improvvisamente divenne aggressivo e incomprensibile. Non lo riconoscevo più e minacciavo di chiamare la polizia. Avevo paura e l'ho fatto. La polizia è venuta e ha ucciso mio figlio. Cercano di convincermi che si è suicidato, ma no. Era depresso, ma mi assicurò che non si sarebbe fatto del male. Mi aveva promesso la notte prima della sua morte, gli ho chiesto di cercare aiuto medico perché stava dicendo cose strane. Mi ha chiesto di sedermi accanto al suo letto e stringere la sua mano. Mi ha chiesto di promettergli che sarei stata sempre dalla sua parte. Non ha sparato in direzione della polizia, ma alcuni colpi in aria dalla finestra. C'erano 30 veicoli, tre elicotteri contro mio figlio. Ho chiesto loro di entrare ma non mi hanno dato il telefono. Non mi hanno permesso di parlargli. Quando tutto è finito e sono entrata in casa, ho visto del sangue sui muri. Sangue in molte stanze. Non si è suicidato. Se ti spari restando lì, non vai di stanza in stanza. Quando hanno preso il suo cadavere, li ho pregati di vederlo, ma mi hanno detto che non dovevo vederlo in quel modo. Ci vorranno 10 mesi di ricerche, ma non posso fidarmi della polizia. Una delle ultime cose che mi ha detto è che voleva tornare in Israele. Aveva offerte da parte del Maccabi, Khimki e Panathinaikos. La miglior proposta è stato fatta dai russi, ma voleva tornare al Maccabi. Chiese più soldi al Maccabi, ma rifiutarono. Dopo alcuni giorni disse al suo agente di firmare il Maccabi con l'offerta iniziale. Voleva essere una persona migliore. Tre giorni fa ha fatto una proposta di matrimonio alla sua fidanzata, aveva dei piani per la vita. Non rivedrò più mio figlio, e la mia vita non sarà più la stessa. Mi manca. ".