Debiti e Bugie sulla Juvecaserta - Il Consorzio risponde a Raffaele Iavazzi

30.07.2017 07:39 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 864 volte
Debiti e Bugie sulla Juvecaserta - Il Consorzio risponde a Raffaele Iavazzi

Il Consorzio "Laboratorio per Caserta" ha risposto alle accuse formulate da Raffaele Iavazzi sulla responsabilità dell'esclusione della Juvecaserta dalla serie A con il seguente comunicato, che puntualizza lo stato di decozione debitorio della società cestistica:

 

"Il Consorzio "Laboratorio per Caserta", non nasce per rilevare le quote della nostra gloriosa Juvecaserta, ma nasce, come da statuto sociale, con l’obiettivo di sostenere e realizzare progetti finalizzati alla rivalutazione del nostro territorio e delle sue straordinarie eccellenze.

Nell'ambito di questa attività di promozione e sostegno, il Consorzio ha seguito, con straordinaria passione, le vicende della Basket Juvecaserta srl, riuscendo, faticosamente, a coinvolgere alcuni investitori interessati a rilevare le quote societarie detenute dalla Caserta Città del Basket srl, pari al 72% della Basket Juvecaserta srl.

Grazie alla mediazione del Consorzio nel mese di maggio è stato formalizzato l'interesse all'acquisto della Basket Juvecaserta srl, sottoscritto e notificato al dott. Iavazzi con formale nota del 23 maggio 2017.

Formalizzato l’interesse da parte delle società acquirenti, il Consorzio ha organizzato una serie di incontri preliminari che hanno condotto le parti (Juvecaserta e suoi acquirenti) alla sottoscrizione, avvenuta il 2 giugno 2017, di una lettera di intenti.

A partire da quella data, i professionisti incaricati dalle parti hanno verificato, attraverso più incontri, le documentazioni contabili e legali della Basket Juvecaserta srl, al fine di procedere alla acquisizione del suo pacchetto di maggioranza.

All'esito delle verifiche è stato sottoposto e poi sottoscritto, in data 30 giugno 2017, un documento di impegno all'acquisto del 72% della Basket Juvecaserta srl, attraverso l’acquisizione delle quote detenute dalla Caserta Città del Basket srl, fermo restando che la rimanente quota del 28% restava di proprietà del dott. Iavazzi..

Il documento di accordo contiene la specifica degli impegni economici necessari a rilevare le quote della società, garantendo la stagione sportiva 2017/2018 in serie A1, e gettando così le basi per una seria programmazione pluriennale. Tale documento, ovviamente, è stato redatto, per espressa volontà del dott. Iavazzi, direttamente con la parte acquirente, senza coinvolgimento alcuno da parte del Consorzio.

La concreta erogazione dei fondi necessari, come stabiliti nella lettera dello scorso 30 giugno, erano subordinati ad alcune condizioni, tra le quali, la concessione della gestione del Palamaggiò al Consorzio “Laboratorio per Caserta”, che, tra l’altro, avrebbe consentito l’utilizzo gratuito della struttura alla Basket Juvecaserta srl per lo svolgimento delle proprie attività sportive, riconoscendo allo stesso, quindi, il ruolo di promotore dell’iniziativa così da favorire la realizzazione degli impegni statutari di promozione e valorizzazione del territorio.

Come sono andate effettivamente le cose è storia di questi giorni:

In sede di verifica con la parte acquirente erano stati omessi il valore dei lodi, la puntuale significazione del numero degli stessi e lo stato di notifica, cosa rilevata solo dopo l’accertamento COMTEC e dei quali uno addirittura immediatamente esecutivo;

In sede di verifica con la parte acquirente erano stati omessi il valore dei lodi, la puntuale significazione del numero degli stessi e lo stato di notifica, cosa rilevata solo dopo l’accertamento COMTEC e dei quali uno addirittura immediatamente esecutivo;

la relazione della COMTEC, con la conseguente esclusione della Basket Juvecaserta srl dal campionato di serie A1, ed il successivo rigetto del ricorso al CONI, con tutte le disastrose conseguenze ormai note a tutti, hanno definitivamente allontanato gli investitori e vanificato un enorme lavoro, silenziosamente e faticosamente portato avanti da mesi dal Consorzio.

Nessuna scatola vuota, nessuna. Solo persone tifose e appassionate che hanno dedicato tempo e risorse per evitare che si giungesse alla ingloriosa fine cui abbiamo dolorosamente tutti assistito.

Caserta lì 29 luglio 2017 Il presidente".