TDR Kinder+Sport 2016, i risultati della terza giornata

26.03.2016 15:02 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 378 volte
TDR Kinder+Sport 2016, i risultati della terza giornata

Si è giocata la terza giornata del Trofeo delle Regioni “Cesare Rubini” Kinder+Sport 2016 in corso di svolgimento a Bologna.

Nel Torneo Maschile la terza giornata della fase a gironi ha definito gli accoppiamenti dei Quarti di Finale che si giocheranno domani: spicca Emilia Romagna-Lombardia.

Nel Torneo Femminile si sono giocati gli Spareggi che hanno definito gli accoppiamenti nei Quarti di Finale di domani.

Emilia Romagna-Sicilia (Femminile) ed Emilia Romagna-Lombardia (Maschile), gare che verranno giocate al PalaDozza rispettivamente alle 10.30 e alle 15.00, saranno trasmesse in diretta streaming (come tutte le gare che si giocano al PalaDozza) su www.fip.it/trofeodelleregioni.


TORNEO MASCHILE
GIRONE A
SICILIA-EMILIA ROMAGNA 26-42
La Sicilia parte forte nel primo quarto (6-2 dopo 3'), restando a contatto in un primo tempo in cui si è segnato poco: 14-15 all'intervallo. Al rientro dagli spogliatoi l'Emilia Romagna mette in campo una difesa quasi perfetta: parziale di 18-0 per gli emiliani guidati da Orsi, con la Sicilia che si sblocca solo nell'ultimo minuto. Al 30' il tabellone recita 18-33. Nell'ultima frazione i siciliani ci provano, ma l'Emilia Romagna è brava a controllare i tentativi di rimonta, chiudendo l'incontro a +16.
SICILIA-EMILIA ROMAGNA 26-42 (8-10; 14-15; 18-33)
Sicilia: Basciano, Bocchieri 2, Farruggio, Triassi, Lamia 2, Elia 10, Saccone 8, Nicosia 4, Dore, Ventura, Tartamella, Salvo. All. Bianca
Emilia Romagna: Solaroli 7, Branchini 9, Orsi 10, David, Flan 2, Ruina 5, Fussi 3, Lullo, Nobili, Rossi, Guastamacchia 4, Betti 2. All. Zanardi
Arbitri: Lera, Coccia

MARCHE-LIGURIA 57-49
Le Marche chiudono in bellezza il proprio girone, chiudendo in poco più di un quarto la pratica. L'avvio è tutto di marca ligure: una tripla di Borselli, Pene e Chiavaccini ispirano il primo break, fermato al 6' da una penetrazione di Reggiani (2-11). I marchigiani tornano sotto, poi sono i 5 punti di fila di Re a rigirare la gara (18-17, 16') e due giochi da 3 consecutivi del play Maoloni spianano definitivamente la strada dei marchigiani in chiusura di tempo. La bomba di Reggiani consegna alle Marche il +13 (36-23, 25'). 46-30 al 30', la Liguria rosicchia lo svantaggio nel finale, ma le Marche resistono vincendo 57-49.
MARCHE-LIGURIA 57-49 (9-13; 31-21; 46-30)
Marche: Barzotti 14, Gulini 3, Primitivo 2, Calbini 2, Francavilla, Re 7, Pagliaro 5, Reggiani 11, Maoloni 7, Gnoffo, Molo, Bendia 6. All. Pentucci
Liguria: Callo 5, Bisso, Doccini 7, Bogliardi 2, Zuppinger 1, Pene 19, Raggio, Ungureanu ne, Fassio, Borselli 6, Galuzzi, Chiavaccini 9. All. Toselli
Arbitri: Daniele, Parisi

CLASSIFICA
Emilia Romagna 6 (3-0), Marche 4 (2-1), Liguria 2 (1-2), Sicilia 0 (0-3)


GIRONE B
TRENTINO ALTO ADIGE-TOSCANA 41-100
Tutto facile per la Toscana contro il Trentino Alto Adige, con i Toscani che chiudono imbattuti la fase a gironi. Dal 19-33 del 14’, si passa, con un break importante, al 20-52 della seconda
sirena, con i biancorossi che vanno al riposo con 23/37 al tiro e 33 rimbalzi (a 15). Nella ripresa aumenta la distanza tra le due squadre: ultimi dieci minuti senza sussulti, con il centesimo
punto di Balducci che chiude la gara.
TRENTINO ALTO ADIGE-TOSCANA 41-100 (11-27; 20-52; 31-80)
Trentino A.A.: Madella, Martemucci, Barion, Trentini, Jovanovic 16, Pedron 6, Bresciani 3, Santoni 3, Boschetti 7, Berloffa, Ruatti 4, Perrucci 2. All. Jakovljevic
Toscana: Cecchi 18, Saladini 2, Paolo 8, Berti 10, Santoni 7, Sereni 8, Tintori 2, Balducci 7, Torrigiani 2, Pierangelini 12, Guerrieri 17, Susini 7. All. Sorbetto
Arbitri: Mariani, Rodi

PUGLIA-LOMBARDIA 55-70
La Lombardia parte col piede sull'acceleratore e sigla un parziale di 8-0 dopo 2'32''; la Puglia prova a rimettersi in carreggiata, ma la fluidità della manovra lombarda permette di andare al primo riposo sul 15-20. Nel secondo quarto la musica non cambia: la Lombardia difende il pitturato e colpisce con sapienti gestioni del possesso. La Puglia reagisce, ma alla sirena il gap è raddoppiato a 29-37. Al rientro dall'intervallo lungo i ragazzi di coach Malavasi mettono la freccia e toccano il massimo vantaggio (+29) a 37'32''. La reazione dei 'bianchi' di coach Console è veemente e il terzo quarto si conclude sul 42-65. Complice la stanchezza nel quarto periodo il tabellone resta fermo per 3'11'', digiuno interrotto da un canestro di Milesi: finisce 55-70.
PUGLIA-LOMBARDIA 55-70 (15-20; 29-37; 42-65)
Puglia: Laquintana, Arnaldo 2, Totagiancaspro 3, Genchi 5, Mannarini 1, Di Sebastiano 4, Carriera, Zurlo 10, Acella 3, Chirizzi, Marzo, Rutigliano 27. All. Console
Lombardia: Milesi 10, Lanzi 13, Braghini, Riboli 2, Ziviani 10, Merlo 6, De Feo 2, Raimondi, Toure 15, Casati 9, Coppola 3, Oberti. All. Malavasi
Arbitri: Mancini, Angeli

CLASSIFICA
Toscana 6 (3-0), Lombardia 4 (2-1), Puglia 2 (1-2), Trentino Alto Adige 0 (0-3)

GIRONE C
ABRUZZO-CAMPANIA 28-60
La Campania rompe subito gli indugi trovando la via del canestro due volte nelle primissime battute e costringe coach Di Matteo al timeout dopo un solo minuto di gioco. Campania avanti 15-9 alla prima minipausa. Nel secondo quarto gli abruzzesi fanno fatica a trovare la via del canestro e la Campania con un paio di fiammate e contropiedi ne approfitta: +23 all’intervallo. Il divario si amplia ulterioriormente nel terzo periodo, ma con una reazione d’orgoglio l'Abruzzo ritrova la vena realizzativa in apertura di ultima frazione (6-0 il parziale) sfiorando la mini-vittoria del quarto.
ABRUZZO-CAMPANIA 28-60 (9-15; 12-35; 17-48)
Abruzzo: Najafi 2, Malatesta 9, Di Rino 2, Di Francesco 2, Dakroui 1, Nardecchia 3, Palmucci 1, Cicchinelli 6, Bravetti, Cocciaretto 2, Peres, Zappalorto. All. Di Matteo
Campania: Iavazzi, D'Addio, Mansi 8, Angelo Aldi 15, Caloia 8, Vitiello 11, De Felice, D'Addio 2, Domenico 4, Di Palma 2, Romano 4, Zastavnyy 6. All. Zurolo
Arbitri: Covitto, Molinari

FRIULI VENEZIA GIULIA-VENETO 35-67
Tutto facile per il Veneto, che archivia facilmente la pratica Friuli Venezia Giulia. Partita senza storia in quel di Granarolo già dalle prime schermaglie, con i veneti che controllano agevolmente per tutti i 40' gli attacchi dei gialloblu. La prima scossa del match arriva da Kevin Boateng: il quarto d'apertura si conclude sul 9-15 e un parzialino di 4-0 consente al Veneto di allungare subito il vantaggio in doppia cifra (9-19, 11'). Lo scarto rimane costante sino all'intervallo. Alla ripresa, 4 punti filati di Dudine innescano una piccola reazione (23-31, 23'), ma i veneti rispondono con un break di 11-0 e al 30' doppiano gli avversari sul 24-48. L'ultima frazione serve a fissare il punteggio finale sul 35-67.
FRIULI VENEZIA GIULIA-VENETO 35-67 (9-15; 19-29; 24-48)
FVG: Pajer 2, Blasi, Faloppa 3, Furlan 5, Azzano 2, Poboni 2, Brancati, Dudine 9, Boglich 8, Finatti 4, Furlanis. All. Ivancich
Veneto: Biancotto 2, Pianegonda 1, Pellicano 3, Formenton 11, Rosato 6, Mazzonetto 6, Bisceglie 14, Adobah 9, Boateng 9, Cifonelli 6, Bellato, Buratto. All. Garon
Arbitri: Ricci, Guerrasio

CLASSIFICA
Veneto 6 (3-0), Campania 4 (2-1), Friuli Venezia Giulia 2 (1-2), Abruzzo 0 (0-3)

GIRONE D
UMBRIA-LAZIO 33-80
Sostanziale equilibrio tra le due formazioni nei primi dieci minuti con il punteggio di 10-12 al suono della sirena. Nel secondo quarto, però, la musica cambia: a dirigere le operazioni è Gabriel Dron con 9 punti a referto (saranno 13 alla fine) e una giocata da fallo e canestro a 3’22’’ dalla sirena. Il parziale inflitto alla formazione di coach Martina, prima del riposo lungo, è di 25-4 ed ipoteca la vittoria finale. Il secondo tempo non regala colpi di scena e mette in evidenzia la solidità difensiva della compagine laziale con l’Umbria a referto solamente dopo 6'47’’, nel terzo quarto, con Taccucci. L’ultima frazione porta al gap finale di 47 punti che permette ai laziali di chiudere il proprio girone al primo posto.
UMBRIA-LAZIO 33-80 (10-12; 17-37; 23-52)
Umbria: Minieri 4, Curti, Rossi, Cappelletti 2, Fedeli, Cenerini 3, Taccucci 7, Giometti 10, De Pretis 2, Lucarini 2, Buca 2, Ciancabilla 1. All. Martina
Lazio: Luzzi 2, Bagaglini 8, Bischetti 14, Vitale 2, Laffitte 12, Quarta 6, Okereke 10, Mantovani 5, Ferrari, Reale 8, Dron 13, Ballin 2. All. Briscese
Arbitri: Fioriti, Mafrici

PIEMONTE-SARDEGNA 64-54
A Borgo Panigale i sardi restano attaccati al match per tre quarti di gara e solo nell'ultimo cedono alla quadra di coach Alessio Landra. In avvio di terzo quarto spallata piemontese fino al +11, ma non è ancora quella definitiva. Sardi orgogliosamente in piedi fino a inizio quarto, poi il "crollo", ma senza mai smettere di provarci.
PIEMONTE-SARDEGNA 64-54 (15-14; 29-22; 45-37)
Piemonte: Segala, Origlia 9, Maghirang 4, Cuccu 4, Arduino 4, Aralla 6, Benessahroui 12, Penna 2, Lucia 5, Castellino 18, Caillot, Ferracaku. All. Landra
Sardegna: Grant 21, Pisoni, Podda, Jervis, Loi 4, Ibba, Colabucci, Frongia 7, Ruzzu 6, Sene 14, Uzzannu, Puggioni 2. All. Bonu
Arbitri: De Stefano, Migliaccio

CLASSIFICA
Lazio 6 (3-0), Piemonte 4 (2-1), Sardegna 2 (1-2), Umbria 0 (0-3)


GIRONE E
MOLISE-CALABRIA 38-59
Dopo un inizio contratto è il Molise a rompere gli indugi dopo 2’. Ne nasce un combattuto primo quarto con le due squadre che si rispondono colpo su colpo e la Calabria che piazza il primo minibreak che vale cinque lunghezze di vantaggio al termine della frazione. È il preludio ad un monologo dei bianchi che si protrarrà per tutto il secondo quarto, attenuato solo nel finale di frazione: alla pausa lunga è +19 Calabria. Il trend non cambia nella ripresa, con i ragazzi di coach Cugliandro che allungano presto al +25 e il Molise che ritrova la via del canestro solo nell’ultimo minuto: il tabellone al termine del terzo periodo segna 21-47. Solo nell’ultimo quarto il Molise trova continuità in attacco ma è troppo tardi, si chiude il match sul +21 Calabria.
MOLISE-CALABRIA 38-59 (8-13, 15-34; 21-47)
Molise: Eliseo 9, Astolfo 3, Di Biase 13, Brienza 2, Lentinio 1, Fontanella 3, Santoro, Inno 2, Alfieri 4, Esposito ne, Primerano 1. All. Canzano
Calabria: Coluccio 16, Scarpino 11, Sestito 5, Falzetta 10, Mastria, Nicolaio 1, Artuso 5, Proietto 2, Romeo 8, De Francesco 1, Guarnieri, Gallo. All. Cugliandro
Arbitri: D'Amore, Loperfido

VALLE D'AOSTA-BASILICATA 56-77
La prima frazione è all'insegna della Basilicata, un parziale di 24-2 nei primi 8'28'' tagliasubito le gambe ai valdostani. La seconda frazione ripropone gli standard della prima ed i lucani conquistano il massimo vantaggio del 41-14 (+27) dopo 16'44''. All'intervallo coach Frison suona la carica e il terzo quarto si conclude 21-14 per i valdostani che dimezzano il gap. I valdostani con grinta e cuore si portano sul 50-58 a 5'51'' dall'ultima sirena. La Basilicata, però, torna a far male vincendo 77-56.
VALLE D'AOSTA-BASILICATA 56-77 (6-26; 19-41; 40-55)
Valle d'Aosta: Popescu 2, Mirabello 6, Scaperrotta 3, Cuneaz 22, Monti 11, Pugliese, Lallinaj 2, Farina 4, Trecate 4, Morandi, Deramo, Trabbia 2. All. Frison
Basilicata: Scalcione, Grossi 18, Claps 1, Cascone 2, Lonato 2, Rando 2, Caggiano 16, Cardinale 2, Galgano 4, Gianpetruzzi 2, Laguardia 6, Petronella 22. All. Bochicchio
Arbitri: Procacci, Berton

CLASSIFICA
Basilicata 6 (3-0), Calabria 4 (2-1), Molise 2 (1-2), Valle d'Aosta 0 (0-3)


IL CALENDARIO DEI QUARTI DI FINALE
Quarti 1°-8° posto
Emilia Romagna-Lombardia, ore 15.00 - PalaDozza
Toscana-Marche, ore 15.00 - Palestra Alutto
Veneto-Piemonte, ore 15.00 - Palasport Pederzini
Lazio-Campania, ore 15.00 - Palasport Castenaso

Girone 9°-12° posto
1^ giornata
Liguria-Puglia, ore 15.00 - PalaCavina
Friuli Venezia Giulia-Sardegna, ore 15.00 - Palasport Granarolo dell'Emilia

Quarti 13°-20° posto
Basilicata-Abruzzo, ore 10.30 - Palasport Pederzini
Calabria-Trentino Alto Adige, ore 10.30 - Palasport Castenaso
Molise-Sicilia, ore 10.30 - PalaCavina
Valle d'Aosta-Umbria, 10.30 - Palasport Granarolo dell'Emilia



TORNEO FEMMINILE
I risultati degli Spareggi
Veneto-Trentino Alto Adige 65 - 34
Toscana-Umbria 59 - 20
Piemonte-Marche 51 - 56
Friuli Venezia Giulia-Campania 62 - 41
Liguria-Sicilia 34 - 61
Lazio-Sardegna 40 - 46
Abruzzo-Calabria 56 - 35
Puglia-Basilicata 45 - 24

Cronache e tabellini
ABRUZZO-CALABRIA 56-35
Partita che inizia subito a ritmi alti, ma il canestro fatica ad arrivare: a fine primo quarto 9-7 per l'Abruzzo. Secondo periodo che si apre con le abruzzesi a spingere sull'acceleratore,
trovando un allungo importante: all'intervallo lungo si va sul 24-13 Abruzzo. Al rientro in campo le abruzzesi continuano a fare la gara e e nell'ultimo deve solo controllare. Finisce 56-35.
ABRUZZO-CALABRIA 56-35 (9-7; 24-13; 41-17)
Abruzzo: Previtero 1, Chiccarelli, Bortone 1, Pineto 8, Rospo 12, Rabottini 10, Di Censo, Marcotullio 7, Stama, Madonna 4, Di Giacopo 13, Cifeca-Recinella. All. Di Rocco
Calabria: Surace, Greco, Ferrara, Saia 1, Ventrici 6, Montebello, Egwoh 10, Dell'Uomo 4, Alfano, Esposito, Mattiani 2, Scordino 10. All. Ceroni
Arbitri: Mulas, Marino

LIGURIA-SICILIA 34-61
Primo quarto equilibrato fino a 3’25’’ dalla sirena quando, con un parziale di 6-0 la Sicilia si porta a +9. La reazione ligure è affidata alla Paleari (top scorer della propria formazione con 11
punti) e, all’intervallo il divario è di soli cinque punti. Al rientro la Sicilia alza il ritmo e cambia il volto della gara. Parziale di 21-2 a favore delle ragazze di coach Danna grazie a tre triple
consecutive. L’ultimo quarto è una formalità e la Sicilia si aggiudica il passaggio ai Quarti.
LIGURIA-SICILIA 34-61 (9-18; 17-22; 23-47)
Liguria: Giaroli, Grigoni 5, Zignego 3, Ravani, Mangano 5, Nezaj 2, Paleari 11, Comunello 3, Dal Toso, Moscatelli 2, Leonardini, Poggio 3. All. Grandi
Sicilia: Spampinato 18, Sciammetta, Casiglia 10, Coppolino 2, Marmo 3, Sammartino 7, Stroscio 15, Schembari, Cappelli, Mazza 6, Savattieri, Macciò. All. Danna
Arbitri: Riccardi, Akli

PUGLIA-BASILICATA 45-24
La gara si apre con un parziale di 7-0 per le pugliesi. Rossi suona la carica con due canestri consecutivi, ma la risposta della Puglia non si fa attendere, è 9-4 al termine del primo quarto.
Due canestri in penetrazione valgono il +9 per la Puglia a metà della seconda frazione, poi l'allungo sul finire del quarto: all'intervallo lungo il risultato è sul 25-11. Al rientro in campo ci
crede la Basilicata, che torna a -7. Cenerini respinge la reazione delle ragazze di coach Luongo: undici i punti di distacco prima dell’ultimo decisivo quarto. Nell'ultimo periodo la
Basilicata paga la stanchezza e la Puglia vola anche sul +22. Finisce 45-24 per la Puglia.
PUGLIA-BASILICATA 45-24 (9-4; 25-11; 33-22)
Puglia: Notarangelo 6, Basile 4, Gatta 2, Volpe 2, Maria Aprile 1, Galeone 8, Cenerini 6, Rosa Nozzolino 4, Di Terlizzi 12, De Nicolo, Cometa, Mollica ne. All. Alba
Basilicata: Rossi 11, Oliveri 8, Albini, Guarino 2, Molinari, Russo 3, Carlucci, Loperfido, Scavo, Romano, Carlucci, Coretti. All. Luongo
Arbitri: Mannocci, Anastasia

LAZIO-SARDEGNA 40-46
Avvio equilibrato alla palestra Moratello, dopo 5’ squadre in perfetta parità (5-5). A metà periodo la formazione laziale allunga sul +5 (10-5 all’8’), grazie ai due canestri in fila segnati da
Angelini. Immediata la risposta delle isolane che, con un’ottima difesa, riescono a rimanere a contatto con le avversarie, chiudendo il primo quarto sotto di due punti: 14-12. Si va a riposo
con il Lazio in vantaggio di dieci punti: 26-16. Nella terza frazione le ragazze di Ceravolo prendono in mano la partita e toccano anche il +17 (35-18 al 27’). Grande però la reazione della
formazione sarda, che torna a dieci lunghezze al suono della terza sirena (37-27). Le ragazze di Staico danno vita ad un’incredibile rimonta nell'ultima frazione. Il sorpasso avviene al 37’
(38-39) con i 7 punti consecutivi di Sara Saias, che completano un parziale di 12-1. La Sardegna è lucida nel finale e vince 40-46.
LAZIO-SARDEGNA 40-46 (14-12; 26-16; 37-27)
Lazio: Cerullo 3, Perrotti 8, Camarda, Orsini, Maroglio 7, Romana, Brichese, Paradisi 2, Centomini 1 Patrizio 9, Oropallo, Angelini 10. All. Ceravolo
Sardegna: Gaetani 9, Loi, Matta, Madeddu 9, Pintauro, Zucca 4, Melis, Caddeo, Pinna 8, Saias 10, Santoru, Loddo 6. All. Staico
Arbitri: D'Avanzo, Bianco

PIEMONTE-MARCHE 51-56
Partenza fulminante del Piemonte: 6-0 nei primi due minuti. Rispondono immediatamente e il blackout piemontese in attacco a fine primo quarto fissa il punteggio sul 19-11 Marche. Seconda frazione che vede la pressione del Piemonte che mangia punto su punto alle avversarie fino al sorpasso. Sussulto d'orgoglio finale delle Marche che all'intervallo lungo si portano sul 27-25. Terzo quarto dal ritmo forsennato. Grattini e Tuberga per il Piemonte sono infuocate, Foresi tiene in vita le marchigiane e si va all'ultimo riposo sul 38-35 Piemonte. Dieci minuti conclusivi non per i deboli di cuore. Equilibrio che regna sovrano: prova a scappare il Piemonte con due bombe di Grattini e Giannotto, ma risponde all'istante Paoletti oltre i 6.75 e Orsili in penetrazione.
PIEMONTE-MARCHE 51-56 (11-19; 25-27; 38-35)
Piemonte: Repetto, Giannotto 3, Grattini 22, Tuberga 10, Minarelli 4, Salvadeo, Bevolo 1, Giaccardo, Bosco 4, Falabrini, Kotoranovic 2, Varetto 5. All. D'Affuso
Marche: Nociaro 8, Annibalini 2, Albanelli, Vinci 4, Ciccola, Paoletti 17, Michelini, Becci 1, Orsili 11, D'Amico, Marema, Foresi 12. All. Pesaresi
Arbitri: Zangari, Parolini

FRIULI VENEZIA GIULIA-CAMPANIA 62-41
Inizio scoppiettante e molto piacevole, in una partita molto fisica fin dalle prime battute. Dopo appena quattro minuti, infatti, bonus esaurito da entrambe le parti: la Campania colpisce in penetrazione, Camporeale risponde per il Friuli Venezia Giulia con un appoggio e un tiro da tre che vale il più tre alla fine di un primo quarto (17-14). Ancora Camporeale a punire da tre punti, poi due contropiedi consecutivi costringono coach Persico al timeout sul -10. E' altra l’intensità delle friulane e la reazione campana è smorzata dal Friuli V.G. che chiude la frazione sulle ali dell’entusiasmo (34-21). Aprono il terzo quarto due canestri, uno per parte, poi una tripla di Leonardi e un canestro più fallo di Salomoni catapultano le friulane a +21; riaccorcia Mattera con due canestri consecutivi e un tiro libero aggiuntivo che non sono sufficienti a rimettere in corsa le campane: dopo trenta minuti è 51-34 per il Friuli. Fumis chiude definitivamente i conti dalla lunga distanza, vincono le friulane di coach Fazzi 62-41.
FRIULI VENEZIA GIULIA-CAMPANIA 62-41 (17-14; 34-21; 51-34)
Friuli Venezia Giulia: Fumis 5, Sammartini 10, Salomoni 11, Leonardi 11, Rocco, Rosignoli 6, Rorato 6, Turel 4, Trangoni 1, Fabbro, Bric, Camporeale 8. All. Fazzi
Campania: Petti, D’Agostino 2, Monda, Panniello 6, Cifaldi 2, De Feo, Giulia, Sperandio, De Rosa 6, Giuliva 6, Manganiello 2, Mattera 17. All. Persico
Arbitri: Luchi, Orazi

VENETO-TRENTINO ALTO ADIGE 65-34
Le squadre si affrontano a viso aperto, giocando entrambe una pallacanestro ad alto ritmo. È il Veneto a portarsi in vantaggio dopo pochi minuti, mandando ben otto giocatrici a referto nella prima frazione, chiudendo avanti 17-8. Nel secondo quarto si abbassano le percentuali al tiro, il Trentino A.A. fatica a segnare e le biancorosse di coach Ruffo aumentano il vantaggio fino al 28-10 a fine primo tempo. Nel terzo periodo la partita risale di tono, il Trentino Alto Adige segna con più continuità, ma le ragazze di coach De Marco riescono a recuperare solo un punto sul totale: è la verve offensiva di Peserico (9 per lei nel quarto) a tenere il Veneto in vantaggio. Negli ultimi 10' ancora Veneto padrone della partita, ritrova ordine nel proprio gioco d'attacco e chiude sul 65-34.
VENETO-TRENTINO ALTO ADIGE 65-34 (17-8; 28-10, 42-25)
Veneto: Vaccarini 1, Viviani 4, Gulino 2, Gini 2, Salmaso 2, Peserico 15, Luraschi 5, Meroi 2, Djodj 5, Pastrello 14, Busnardo 2, Zennaro 11. All. Ruffo
Trentino Alto Adige: Deimichei 4, Marchi 10, Piccoli 4, Carretta, Ndreaj 2, Gualtieri 1, Bertoldi 3, Chemolli, Grossgasteiger, Pistore, Roubal 6, Rossato 4. All. De Marco
Arbitri: Liuzzi, Giovagnini

TOSCANA-UMBRIA 59-20
Dopo appena 2’ la Toscana è già sul 9-0 e alla fine del primo quarto la formazione di Galanti conduce la gara 17-6. Il divario tra le due squadre si fa più ampio nel corso del secondo periodo: la Toscana chiude tutti gli spazi e costringe l’Umbria a prendere conclusioni affrettate e lontane dal canestro. Sono solo tre infatti, i punti segnati dalle ragazze di Posti nel secondo quarto. Le toscane continuano a macinare buon gioco e vanno all’intervallo lungo con sedici lunghezze di vantaggio: 25-9. Nel terzo quarto una bomba di Capodagli e i canestri da sotto di Cecconi e Rossini portano la Toscana sul + 26 (37-11 al 27’) completando un parziale di 12-0. El Haiti interrompe il digiuno umbro e realizza dalla media il 38-13, ad un minuto dalla fine della terza frazione di gioco. Nell’ultimo quarto la Toscana incrementa il vantaggio, arrivando a + 41 (57-16 al 38’). Il match delle Moratello si conclude 59-20 in favore delle toscane.
TOSCANA-UMBRIA 59-20 (17-6; 25-9; 42-13)
Toscana: Cerri 5, Rossini 8, Nannetti 2, Marini 5, Posarelli 7, Bartolini, Malquori 2, Stefanini 2, Saldarelli 2, Capodagli 12, Cecconi 10, Caneschi 4. All. Galanti
Umbria: Speziali 1, Proietti Piccotti, Magini 2, Monti, El Haiti 4, Floridi 2, Gaggioli, Bonaccini, Gatti 3, Ricci 3, Paolucci, Conti 5. All. Posti
Arbitri: Zambarda, Femminella

CALENDARIO QUARTI DI FINALE (26 marzo)
Quarti 1°-8° posto
Lombardia-Sardegna, ore 15.00 - PalaYuri
Emilia Romagna-Sicilia, ore 10.30 - PalaDozza
Veneto-Friuli Venezia Giulia, ore 15.00 - Palestra Moratello
Toscana-Marche, ore 15.00 - Palestra Pertini

Quarti 9°-18° posto
Trentino Alto Adige-Puglia ore 10.30 - Palestra Furla
Umbria-Abruzzo, ore 10.30 - Palestra Moratello
Piemonte-Campania, ore 10.30 - PalaYuri
Liguria-Lazio, ore 10.30 - Palestra Pertini
Calabria-Basilicata, ore 15.00 - Palestra Furla